19 Ottobre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  •    - Kazakistan
  •    - Kyrgyzstan
  •    - Tagikistan
  •    - Turkmenistan
  •    - Uzbekistan
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 11/07/2016, 14.45

    VATICANO

    Il Papa in Georgia e Azerbaijan, seconda tappa del viaggio in Caucaso



    Dal 30 settembre al 2 ottobre Francesco visiterà le due nazioni, dopo la visita apostolica in Armenia. In programma molti incontri ecumenici e un dialogo con lo sceicco dei musulmani del Caucaso nella moschea “Heydar Aliyev”.

    Città del Vaticano (AsiaNews) – Tanti incontri ecumenici, due messe e una visita privata con lo sceicco dei musulmani del Caucaso nella moschea “Heydar Aliyev”. Sono soltanto alcuni degli appuntamenti previsti per la visita di papa Francesco in Georgia e Azerbaijan, che si terrà dal 30 settembre al 2 ottobre prossimo. Il programma è stato reso noto oggi dalla Sala Stampa della Santa Sede.

    L’arrivo a Tbilisi, capitale georgiana, è previsto per le 15 (ora locale) del 30 settembre. Dopo la cerimonia di benvenuto e la visita di cortesia al presidente della Repubblica, Francesco si incontrerà con le autorità, la società civile e il corpo diplomatico. Subito dopo la visita a Ilia II, Catholicos e Patriarca di tutta la Georgia nel palazzo del Patriarcato. L’ultimo appuntamento del primo giorno è l’incontro con la comunità assiro-caldea nella chiesa di s. Simone il tintore.

    La mattina dell’1 ottobre il papa celebrerà la Santa Messa nello stadio M. Meskhi di Tbilisi. Subito dopo l’incontro con sacerdoti, religiose e religiosi nella chiesa dell’Assunta e poi quelli con gli assistiti e con gli operatori delle opere di carità della Chiesa davanti al Centro di assistenza dei Camilliani. Nel pomeriggio, visita alla cattedrale patriarcale Svietyskhoveli di Mskheta.

    Domenica 2 ottobre la partenza per Baku. Dopo la cerimonia di accoglienza, Francesco celebra la Messa nella chiesa dell’Immacolata nel Centro salesiano della capitale: poi il pranzo con la comunità salesiana. Nel pomeriggio il benvenuto del presidente e l’incontro con le autorità nel Centro “Heydar Aliyev”. Subito dopo, un incontro privato con lo Sceicco dei musulmani del Caucaso nella moschea “Heydar Aliyev”. Prima di ripartire per Roma, il pontefice vedrà anche il vescovo ortodosso di Baku e il presidente della comunità ebraica.

    L'Azerbaijan, il più vasto Stato caucasico, è un Paese a maggioranza musulmana sciita, il 95% su un totale di circa 9,7 milioni di abitanti, ma esistono anche comunità ortodosse ed ebraiche. I cattolici sono poche centinaia e solo nel 2007 è stata inaugurata la prima chiesa cattolica, dedicata all'Immacolata Concezione, nella capitale Baku.

    Questo viaggio apostolico rappresenta la seconda tappa di un più ampio viaggio nel Caucaso, iniziato il 24 giugno scorso con la visita in Armenia. La zona, ha detto più volte il papa, dovrebbe essere un crocevia di pace e invece sembra essere una polveriera. Pesa soprattutto il conflitto del Nagorno-Karabakh, che vede schierati su fronti opposti azeri e armeni.

    Francesco, nel corso della conferenza stampa tenuta durante il viaggio di ritorno, ha spiegato che intende “parlare agli azeri della verità, di quello che ho visto, di quello che sento. E incoraggerò anche loro. Io ho incontrato il Presidente azero e ho parlato con lui. E dirò anche che non fare la pace per un pezzettino di terra – perché non è una gran cosa – significa qualcosa di oscuro… Ma lo dico a tutti, questo: agli armeni e agli azeri. Forse non si mettono d’accordo sulle modalità di fare la pace, e su questo si deve lavorare”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    24/04/2008 VATICANO
    Papa: nel Caucaso un “piccolo gregge” cresciuto, malgrado difficoltà e violenze
    La situazione rimane difficile per i cattolici che vivono a contatto con credenti di altre religioni e che hanno il problema di non veder erodere da “forme insidiose di pressione” la loro identità, che il comunismo non riuscì ad eliminare.

    23/06/2016 14:33:00 ARMENIA-VATICANO
    Papa Francesco in Armenia, pellegrino nella terra dei martiri cristiani

    Questa visita ha un significato anzitutto di condivisione con il “primo” popolo cristiano della storia, segnato dal genocidio. Vi è anche il valore ecumenico, di fraternità con la Chiesa apostolica armena. E una profezia per la pace nel Caucaso, terra d’intreccio fra Asia e Europa. Da un armeno della diaspora.



    15/06/2016 12:49:00 ARMENIA - VATICANO
    Vescovo armeno: Chiesa e fedeli in cammino, materiale e spirituale, per la visita del Papa

    Mons. Minassian, Ordinario per gli armeni cattolici dell’Europa orientale, racconta la preparazione della comunità che attende Francesco: "Il pontefice vuole bene al nostro popolo, mai vista una fede così profonda". In allestimento maxi-schermi per accogliere un numero maggiore di fedeli. Dai villaggi più remoti ore di cammino e mezzi pubblici per vedere Francesco. E ringraziarlo per le sue parole sul genocidio. 



    03/03/2016 12:19:00 PAKISTAN – VATICANO
    Islamabad: Papa Francesco ha accettato l’invito a venire in Pakistan

    I ministri degli Affari religiosi e della Marina hanno incontrato il pontefice durante una visita a Roma e hanno trasmesso l'invito. Il parlamentare Vankwani conferma: “Siamo felici di poter accogliere il leader spirituale cattolico”. Il vescovo di Faisalabad precisa: “Non abbiamo ricevuto alcuna informazione scritta, è probabile che il viaggio non sarà in quest’anno solare. Ma la sua visita sarebbe un aiuto enorme a questo popolo, vittima del terrorismo”.



    29/08/2017 16:48:00 MYANMAR - VATICANO
    Rakhine, i cattolici temono tensioni per le parole del Papa sui Rohingya

    Polemiche nel Paese per l’appello in favore dei Rohingya durante l’Angelus. La maggioranza dei birmani è contraria al riconoscimento dei loro diritti. I cattolici hanno accolto le parole del papa con stupore e temono per la sua sicurezza. La crisi umanitaria nello Stato di Rakhine è un argomento molto sensibile per la società. La Chiesa invita all’imparzialità e sottolinea il contributo della visita del pontefice al processo di pacificazione nazionale.





    In evidenza

    MYANMAR
    Non solo Rohingya: la persecuzione delle minoranze cristiane in Myanmar



    La sofferenza di Kachin, Chin e Naga. La discriminazione su basi religiose è in certi casi addirittura istituzionalizzata. I cristiani sono visti come espressione di una fede straniera ed in contrasto con la visione nazionalista. Per anni il regime militare ha introdotto feroci misure discriminatorie.


    VATICANO - ASIA
    Il mondo ha urgenza della missione della Chiesa

    Bernardo Cervellera

    Ottobre è un mese consacrato al risveglio della missione fra i cristiani. Nel mondo c’è indifferenza o inimicizia verso Dio e la Chiesa. Le religioni sono considerate la fonte di tutte le guerre. Il cristianesimo è l’incontro con una Persona, che cambia la vita del fedele e lo mette al servizio delle ferite del mondo, lacerato da frustrazioni e guerre fratricide. L’esempio del patriarca di Baghdad e del presidente della Corea del Sud.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®