1 Agosto 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 19/04/2006
palestina
Il Papa si unisce alla condanna per l'attentato di Tel Aviv

Per Benedetto XVI "non è con simili esecrabili atti che si possono tutelare i pur legittimi diritti di un popolo". Critiche ad Hamas anche dalla Lega araba, Egitto e Turchia. La Giordania annulla una visita del ministro degli esteri palestinese.



Città del Vaticano (AsiaNews) – La "più ferma condanna" del Papa per "l'atto terroristico" compiuto lunedì a Tel Aviv si unisce oggi a quelle già venuta anche da Paesi del mondo islamico contro l'atteggiamento preso da Hamas, che non ha voluto condannare l'attentato suicida, rivendicato dalla Jihad islamica, e costato la vita a nove persone. "Non è con simili esecrabili atti – ha aggiunto il Papa, al termine dell'udienza generale di oggi – che si possono tutelare i pur legittimi diritti di un popolo". Benedetto XVI ha poi pregato perché"il Signore della pace" sia vicino a israeliani e palestinesi "affinché non si lascino andare ad una tragica deriva, ma riprendano i passi che li portino a vivere in pace e sicurezza l'uno accanto all'altro come figli dello stesso padre che sta nei cieli".

Da Israele giunge intanto la notizia che non ci dovrebbero essere rappresaglie sanguinose, mentre la Giordania ha rinviato a data da destinarsi la programmata visita del ministro degli esteri di Hamas, Mahmud Zahar, che doveva giungere ad Amman dall'Arabia Saudita, dove è riuscito ad ottenere un sostegno di oltre 92 milioni di dollari per pagare gli stipendi dei 140mila dipendenti dell'Anp.

Il governo israeliano, a quanto appare dalle dichiarazioni del primo ministro Olmert, non ha intenzione di compiere rappresaglie sanguinose per l'attentato, ma ha annunciato una serie di misure che renderanno estremamente difficile la possibilità di spostamento di palestinesi ed impossibile per tre parlamentari di Hamas e un ministro del governo palestinese continuare a risiedere a Gerusalemme. Israele, ha detto al quotidiano Haaretz David Baker, dell'ufficio del primo ministro, "vuole esercitare il suo innato diritto di autodifesa e procederà nei passi necessari per proteggere i suoi cittadini dal terrore palestinese".

Critiche all'atteggiamento di Hamas nei confronti dell'attentato sono venute dal presidente francese Jacques Chirac, che sta compiendo una visita in Egitto. Condanne sono venute anche dal mondo islamico. "La dichiarazione di Hamas, che dà sostegno al terrorismo – ha detto Namik Tan, portavoce del ministero degli Esteri turco – non aiuta il processo politico". Il ministro degli esteri egiziano Ahmed Aboul Gheit, ha definito l'attentato "un atto di terrorismo", aggiungendo che "attacchi premeditati contro i civili contraddicono tutte le leggi e i principi": condanna forte da un Paese arabo che normalmente unisce nelle critiche sia Israele che i palestinesi. Il segretario generale della Lega araba Amr Moussa, ha denunziato l'attentato e respinto "attacchi contro i civili sia da parte israeliana che palestinese".

L'annullamento della visita del ministro degli esteri palestinese è stata spiegata ad Amman dal portavoce del governo Nasser Jawdeh. Essa "è stata rinviata fino a nuovo ordine in seguito alla scoperta di armi, esplosivi e razzi presso un nucleo di Hamas in Giordania". Tale gruppo, ha spiegato Jawdeh, "individuava e sorvegliava luoghi strategici ad Amman".


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
30/03/2009 QATAR
Doha, summit della Lega Araba con molte domande
27/03/2007 ARABIA SAUDITA - LEGA ARABA
Dal vertice di Riyadh sviluppi positivi possibili per Israele, non per il Libano
02/04/2007 ISRAELE - MEDIO ORIENTE
Olmert apre al dialogo e al processo di pace coi paesi arabi
04/03/2009 EGITTO – ARABIA SAUDITA
Ministro saudita chiede strategia comune per affrontare la “sfida iraniana”
20/11/2007 ISRAELE – PALESTINA
Abbas ottiene da Olmert la liberazione di 441 palestinesi, ma non un documento comune

In evidenza
CINA
Wenzhou, anche la Chiesa non ufficiale contro le demolizioni. La diocesi in digiuno
di Joseph YuanDopo la marcia del 90enne vescovo ufficiale mons. Vincent Zhu Weifang, il coadiutore mons. Peter Shao Zhumin e tutto il clero non ufficiale pubblicano una lettera aperta in cui chiedono di fermare la campagna di demolizione delle croci. Un appello ai cattolici “della Cina e del mondo intero” affinché si uniscano alla protesta, a sostegno della Chiesa cinese. Persino un vescovo illecito manifesta solidarietà con il clero del Zhejiang, contro gli atti del governo.
CINA
Wenzhou: Vescovo 90enne e 26 preti manifestano contro la demolizione delle croci
di Joseph YuanNon è la prima volta che l'anziano vescovo e i suoi sacerdoti si esprimono contro la campagna di demolizione di croci e chiese, che ha colpito oltre 400 edifici. La polizia ha cercato di disperderli e il gruppo ha presentato una petizione. La coroncina della Divina Misericordia a sostegno della Chiesa cinese. Entro il 31 agosto verranno abbattute le croci delle chiese nella zona di Lishui.
ISRAELE-IRAN
Dopo l’accordo sul nucleare, Israele dovrebbe diventare il miglior alleato dell’Iran
di Uri AvneryE’ la tesi del grande statista e pacifista Uri Avnery, leader del gruppo Gush Shalom, sostenitore della pace fra israeliani e palestinesi. Secondo Avnery, l’Iran desidera solo essere una potenza regionale e del mondo islamico, capace di commerciare con tutti, grazie alla sua raffinata e millenaria esperienza. Di fronte, rivolti al passato, vi sono le monarchie e gli emirati del Golfo. L’Iran può essere un ottimo alleato contro Daesh. Gli abbagli di Netanyahu e dei politici e media israeliani. (Traduzione dall’inglese di AsiaNews).

Dossier


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate