23 Settembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 16/12/2005, 00.00

    VATICANO

    Il Papa: conflitti, terrorismo, ma anche crisi dei valori causano disagio mentale



    Nel messaggio per la Giornata del malato Benedetto XVI invita le strutture sociali e le comunità ecclesiali a sostenere coloro che soffrono di malattie mentali e le loro famiglie.

    Città del Vaticano (AsiaNews) - Conflitti armati, catastrofi naturali e "il dilagare del terrorismo", non provocano solo morte, ma anche traumi psichici e disagio mentale che nei Paesi ad alto sviluppo economico si uniscono alla "incidenza negativa della crisi dei valori morali". Le persone che soffrono per problemi di salute mentale, spesso costrette alla solitudine e considerate solo un peso, sono la preoccupazione centrale del messaggio di Benedetto XVI per la 14/ma Giornata mondiale del malato, reso noto oggi.

    La celebrazione centrale della Giornata, il prossimo 11 febbraio, memoria liturgica della Beata Vergine di Lourdes, si terrà questa volta ad Adelaide, in Australia, e le manifestazioni culmineranno con la celebrazione eucaristica nella cattedrale dedicata a San Francesco Saverio, definito dal Papa "infaticabile missionario delle popolazioni dell'Oriente".

    I messaggi papali sono tradizionale occasione per offrire ai cristiani spunti di riflessione e indicazioni operative: quello di quest'anno vuole richiamare l'attenzione della pubblica opinione "sui problemi connessi col disagio mentale, che colpisce ormai un quinto dell'umanità e costituisce una vera e propria emergenza socio-sanitaria" e "sollecitare l'impegno delle comunità ecclesiali".

    "In molti Paesi – rileva il Papa - non esiste ancora una legislazione in materia ed in altri manca una politica definita per la salute mentale. C'è poi da notare che il prolungarsi di conflitti armati in diverse regioni della terra, il succedersi di immani catastrofi naturali, il dilagare del terrorismo, oltre a causare un numero impressionante di morti, hanno generato in non pochi superstiti traumi psichici, talora difficilmente recuperabili. Nei Paesi ad alto sviluppo economico, poi, all'origine di nuove forme di malessere mentale gli esperti riconoscono anche l'incidenza negativa della crisi dei valori morali. Ciò – sottolinea il messaggio - accresce il senso di solitudine, minando e persino sfaldando le tradizionali forme di coesione sociale, ad iniziare dall'istituto della famiglia, ed emarginando i malati, particolarmente quelli mentali, considerati sovente come un peso per la famiglia e per la comunità".

    Di fronte a tale realtà, Benedetto XVI nel rendere merito a quanti "operano perché non venga meno lo spirito di solidarietà" incoraggia "gli sforzi di chiunque si adoperi perché a tutti i malati di mente sia dato accesso alle cure necessarie. Purtroppo – nota il Papa - in molte parti del mondo i servizi per questi malati risultano carenti, insufficienti o in stato di disfacimento. Il contesto sociale non sempre accetta i malati di mente con le loro limitazioni, e anche per questo si registrano difficoltà nel reperire le risorse umane e finanziarie di cui c'è bisogno. Si avverte la necessità di meglio integrare il binomio terapia appropriata e sensibilità nuova di fronte al disagio, così da permettere agli operatori del settore di andare incontro più efficacemente a quei malati ed alle famiglie, le quali da sole non sarebbero in grado di seguire adeguatamente i congiunti in difficoltà".

    Nel ribadire l'impegno della Chiesa ad essere vicina a quanti soffrono o cercano di alleviare le sofferenze altrui, il messaggio raccomanda agli operatori pastorali, alle associazioni ed organizzazioni del volontariato "di sostenere, con forme ed iniziative concrete, le famiglie che hanno a carico malati di mente, verso i quali auspico che cresca e si diffonda la cultura dell'accoglienza e della condivisione, grazie pure a leggi adeguate ed a piani sanitari che prevedano sufficienti risorse per la loro concreta applicazione". "Ogni cristiano, secondo il proprio compito e la propria responsabilità, è chiamato a dare il suo apporto affinché venga riconosciuta, rispettata e promossa la dignità di questi nostri fratelli e sorelle".

    A quanti infine sono "provati dalla malattia", Benedetto XVI rivolge l'invito "ad offrire insieme con Cristo la vostra condizione di sofferenza al Padre, sicuri che ogni prova accolta con rassegnazione è meritoria ed attira la benevolenza divina sull'intera umanità". (FP)

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    30/12/2014 VATICANO
    Papa: Sapienza del cuore per servire i malati e vivere con fede l'esperienza del dolore
    Pubblicato il Messaggio per la 23ma Giornata del malato, che si celebra l'11 febbraio prossimo. Tanti cristiani sono "occhi per il cieco" e "piedi per lo zoppo", assistendo malati anche per anni. La "qualità della vita" usata come ideologia per bollare come indegne di essere vissute "vite gravemente affette". La "frenesia del fare" fa dimenticare spesso "il valore speciale del tempo speso accanto al letto del malato". In unione con la Croce di Gesù, l'esperienza del dolore diviene fonte di sapienza e testimonianza di fede.

    10/02/2013 VATICANO
    Papa: insuccessi e difficoltà non scoraggino nell'annunciare il Vangelo
    All'Angelus Benedetto XVI, commentando il brano evangelico della "pesca miracolosa" dice che "a noi spetta gettare le reti con fede, il Signore fa il resto".Ricordando che oggi si festeggia il Capodanno cinese invia auguri "di una vita felice e prospera". Domani la Giornata mondiale del malato.

    11/02/2006 vaticano
    Papa: guardare sempre il malato come persona

    Per la Giornata del malato Benedetto XVI ricorda l'esempio di Gesù, che si poneva di fronte all'uomo "nella sua interezza, per guarirlo completamente, nel corpo, nella psiche e nello spirito".



    08/01/2013 VATICANO
    Papa: vivere una "attenzione concreta" per chi è malato, per chi chiede aiuto
    Messaggio di Benedetto XVI per la Giornata mondiale del malato. Le parole della parabola del Buon samaritano "Va e anche tu fa' lo steso" valgono "non solo per gli operatori pastorali e sanitari, ma per tutti, anche per lo stesso malato, che può vivere la propria condizione in una prospettiva di fede".

    20/01/2008 VATICANO
    Papa: Nostra Signora di Lourdes, l'Eucaristia speranza di chi è malato
    Pubblichiamo di seguito il Messaggio di Benedetto XVI in occasione della 16a Giornata Mondiale del Malato (11 febbraio 2008),



    In evidenza

    GIAPPONE-VATICANO
    Mons. Kikuchi: In sintonia col papa e il card. Filoni per la missione in Giappone

    Tarcisio Isao Kikuchi

    Il vescovo di Niigata e presidente di Caritas Japan commenta a caldo il messaggio papale inviato ieri ai vescovi del Giappone. Le tappe del viaggio del card. Filoni, che toccherà anche Fukushima. Rimane ancora “irrisolta” la questione del rapporto con il Cammino neocatecumenale.


    VATICANO-GIAPPONE
    Papa ai vescovi giapponesi: Siate sale e luce della società, anche andando contro-corrente



    In occasione della visita pastorale del card. Fernando Filoni, Prefetto di Propaganda Fide, nel Paese del Sol levante, papa Francesco spinge i vescovi e la Chiesa giapponese a rinnovare il loro impegno missionario nella società, segnata da suicidi, divorzi, formalismo religioso, povertà materiale e spirituale. La richiesta di collaborare coi movimenti ecclesiali, forse in memoria delle polemiche passate con il Cammino neocatecumenale.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®