05 Dicembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 21/12/2005, 00.00

    VATICANO

    Il Papa: le luci del Natale, un richiamo alla vera Luce



    Benedetto XVI invita a trasmettere alle giovani generazioni il vero significato della festività, mentre una certa cultura moderna e consumistica tende a far sparire i simboli cristiani dalla celebrazione del Natale.

    Città del Vaticano (AsiaNews) – Le mille luci che sotto Natale sfavillano nelle strade e nelle vetrine delle nostre città dovrebbero richiamare alla mente "un'altra luce, invisibile agli occhi, ma non al cuore", quella della nascita del Bambino. E "mentre una certa cultura moderna e consumistica tende a far sparire i simboli cristiani dalla celebrazione del Natale, sia impegno di tutti cogliere il valore delle tradizioni natalizie, che fanno parte del patrimonio della nostra fede e della nostra cultura, per trasmetterle alle nuove generazioni". Il vero significato della celebrazione del Natale, di fronte al clamore del consumismo, è stato al centro del discorso che Benedetto XVI ha rivolto ai fedeli presenti in piazza San Pietro per l'ultima udienza prima del Natale.

    Il Papa che per difendersi dal freddo pungente di questa mattinata romana ha indossato il camauro, un copricapo di velluto rosso bordato di pelliccia bianca, simile a quello usato dai papi del Rinascimento e, da ultimo, da Giovanni XXIII, ha sottolineato il significato della "luce" nel mistero del Natale. "La festa del Natale – ha detto tra l'altro - coincide, nel nostro emisfero, con i giorni dell'anno nei quali il sole termina la sua parabola discendente e si avvia ad allungare gradualmente il tempo di luce diurna, secondo il ricorrente susseguirsi delle stagioni. Questo ci aiuta a meglio comprendere il tema della luce che sopravanza le tenebre. E' simbolo evocatore di una realtà che tocca l'intimo dell'uomo: mi riferisco alla luce del bene che vince il male, dell'amore che supera l'odio, della vita che sconfigge la morte. A questa luce interiore, alla luce divina fa pensare il Natale, che torna a riproporci l'annuncio della definitiva vittoria dell'amore di Dio sul peccato e la morte. Per questo motivo, nella Novena del Santo Natale che stiamo facendo, sono numerosi e significativi i richiami alla luce".

    "Il Salvatore atteso dalle genti – ha detto ancora Benedetto XVI - è salutato come "Astro sorgente", la stella che indica la via e guida gli uomini, viandanti tra le oscurità e i pericoli del mondo, verso la salvezza promessa da Dio e realizzata in Gesù Cristo. Preparandoci a celebrare con gioia la nascita del Salvatore nelle nostre famiglie e nelle nostre comunità ecclesiali, mentre una certa cultura moderna e consumistica tende a far sparire i simboli cristiani dalla celebrazione del Natale, sia impegno di tutti – ha esortato il Papa - cogliere il valore delle tradizioni natalizie, che fanno parte del patrimonio della nostra fede e della nostra cultura, per trasmetterle alle nuove generazioni. In particolare, nel vedere strade e piazze delle città addobbate da luminarie sfolgoranti, ricordiamo che queste luci ci richiamano ad un'altra luce, invisibile agli occhi, ma non al cuore. Mentre le ammiriamo, mentre accendiamo le candele nelle Chiese o l'illuminazione del presepe e dell'albero di Natale nelle case – ha concluso - si apra il nostro animo alla vera luce spirituale recata a tutti gli uomini di buona volontà". (FP)

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    24/12/2005 VATICANO
    Il Papa: Natale, quando Dio si è fatto piccolo per portarci la sua pace

    Dio è diventato uno di noi, affinché noi potessimo essere con Lui, diventare simili a Lui. Una preghiera di Benedetto XVI per la pace a Betlemme ed in Terra Santa.



    17/12/2008 VATICANO
    Papa: la crisi economica occasione per riscoprire il vero senso del Natale
    Spogliato dalle “incrostazioni consumistiche”, il ricordo della nascita di Gesù sia “occasione per accogliere come regalo personale il messaggio di speranza” di quell’evento “storico”. Un pensiero per i tanti bambini che nascono in grande povertà, per i neonati non accolti e rifiutati, quelli che non riescono a sopravvivere per carenza di cure e attenzione, e per le famiglie che vorrebbero la gioia di un figlio e non vedono questa attesa realizzata.

    17/12/2006 VATICANO
    Papa: la gioia del Natale per “i feriti dalla vita”, come i profughi dell’Iraq
    Il Papa invita a pensare a coloro, che come gli iracheni che si sono dovuti rifugiare in Siria, soffrono in questo momento di gioia: malati, persone sole, ma anche chi, trascinato dai miti del consumismo e dai sui falsi valori, si perde nella ricerca di “momenti di ebrezza”. La benedizione dei Bambinelli.

    25/12/2014 VATICANO
    Papa: Natale, il mondo e ognuno di noi accolga la "tenerezza di Dio"
    "Questa è la domanda che il Bambino ci pone con la sua sola presenza: permetto a Dio di volermi bene? E ancora: abbiamo il coraggio di accogliere con tenerezza le situazioni difficili e i problemi di chi ci sta accanto, oppure preferiamo le soluzioni impersonali, magari efficienti ma prive del calore del Vangelo? Quanto bisogno di tenerezza ha oggi il mondo! Pazienza di Dio, vicinanza di Dio, tenerezza di Dio".

    04/03/2012 VATICANO
    Papa: viene da Dio la luce interiore della quale abbiamo bisogno per superare le prove della vita
    All'Angelus, Benedetto XVI commentando la Trasfigurazione di Gesù sottolinea come per giungere alla risurrezione si deve passare attraverso la passione e la morte. In visita a una parrocchia romana l'esortazione a farsi "missionari di Cristo ai fratelli là dove vivono, lavorano, studiano o soltanto trascorrono il tempo libero".



    In evidenza

    IRAQ
    Parroco di Amadiya: profughi cristiani di Mosul, fra l’emergenza aiuti e l’attesa del rientro

    P. Samir Youssef

    In una lettera p. Samir Youssef racconta la situazione dei rifugiati, da oltre due anni lontani dalle loro case. Si segue con attenzione l’offensiva, anche se case e chiese “sono in gran parte” bruciate o distrutte. Con l’arrivo dell’inverno servono cherosene, vestiti, cibo e denaro per pagare il trasporto degli studenti. Un appello per continuare a sostenere la campagna di AsiaNews.


    IRAQ
    “Adotta un cristiano di Mosul”: il dono di Natale per attraversare l’inverno

    Bernardo Cervellera

    Le nuove ondate di profughi, con l’avanzata dell’esercito verso la Piana di Ninive e Mosul rischiano di far dimenticare i rifugiati che da due anni hanno trovato ospitalità nel Kurdistan. C’è bisogno di cherosene, vestiti per l’inverno, aiuti per i bambini, soldi per gli affitti. La campagna lanciata da AsiaNews due anni fa è più urgente che mai. Rinunciare a un dono superfluo per offrire loro un dono essenziale per vivere.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®