22 Ottobre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 16/01/2017, 12.40

    TURCHIA

    Il Parlamento turco approva in prima battuta la nuova Costituzione in chiave presidenziale



    Entro la fine settimana in calendario una seconda votazione. Poi il referendum popolare, che sancirà l’effettiva entrata in vigore. Il governo ha ottenuto i tre quinti necessari grazie al sostegno del partito di estrema destra. I curdi hanno boicottato il voto. Nei giorni scorsi scontri e risse fra i parlamentari. 

     

    Ankara (AsiaNews/Agenzie) - Il Parlamento turco ha concesso il via libera preliminare alla nuova Costituzione, redatta con lo scopo di garantire maggiori poteri al presidente Recep Tayyip Erdogan. Entro la fine della settimana è in programma una nuova votazione che, in caso di approvazione in seconda battuta, aprirà le porte al referendum popolare che dovrà sancire l’effettiva entrata in vigore della nuova Carta fondante dello Stato. 

    Secondo critici, ong pro diritti umani e organizzazioni internazionali la modifica della Costituzione equivale a un vero e proprio accumulo di poteri da parte di Erdogan. Dal canto suo, il presidente respinge le accuse sottolineando che il nuovo sistema sarà simile a quelli oggi in vigore in Francia e Stati Uniti. 

    La nuova Costituzione consentirà al capo di Stato di nominare e cacciare i ministri; per la prima volta nella storia della Turchia, essa cancellerà anche il ruolo di Primo Ministro. Di contro, verrà introdotta la carica di (almeno un) vice-presidente. 

    Gli articoli finali sono stati votati nella serata di ieri, con il partito di governo Akp (Partito per la Giustizia e lo Sviluppo) che è riuscito a ottenere la maggioranza dei tre quinti necessaria per l’approvazione. Il voto è giunto al termine di giornate di intense discussioni e scontri feroci in Parlamento fra i vari fronti in lotta. 

    La scorsa settimana è divampata una rissa in aula fra i membri dell’Akp e alcuni esponenti del Partito popolare repubblicano (Chp), il più importante schieramento di opposizione nel Paese, contrario alle modifiche costituzionali.

    Hanno invece boicottato il voto gli esponenti del Partito Democratico dei Popoli (Hdp), filo-curdo. Nelle scorse settimane diversi parlamentari del partito sono stati incarcerati con l’accusa di sostenere le milizie curde, considerate terroriste dal governo di Ankara. 

    Per assicurarsi i tre quinti del Parlamento, il partito di governo Akp ha potuto contare sui voti del movimento di estrema destra Nationalist Movement Party, il quarto più importante del Paese. 

    In Turchia è in vigore dal luglio scorso lo stato di emergenza, proclamato dal presidente all’indomani del fallito golpe che ha portato all’arresto di decine di migliaia di intellettuali, oppositori, funzionari, militari, giornalisti e semplici cittadini. Un provvedimento prolungato di recente, in seguito alla strage di Capodanno in un night-club di Istanbul. 

    Erdogan, 62 anni, è salito al potere nel 2002 a un anno di distanza dalla nascita dell’Akp. Egli ha ricoperto per 11 ani il ruolo di Primo Ministro prima di diventare, nel 2014, il primo presidente eletto direttamente dal popolo. Un ruolo che avrebbe dovuto essere cerimoniale e che, nel tempo, ha visti accresciuti sempre più i poteri. Fino al tentativo di modifica costituzionale in atto oggi. 

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    21/03/2017 12:26:00 TURCHIA - UE
    La Costituzione di Erdogan: una deriva totalitaria che preoccupa Europa e opposizione turca

    Si inasprisce lo scontro fra Berlino e Ankara, dopo le accuse di “nazismo” lanciate da Erdogan. Il giornale filo-governativo Gunes pubblica una foto della Merkel con le sembianze di Hitler. Le autorità turche arrestano un migliaio di attivisti curdi alla vigilia del Nowruz. Sullo sfondo il voto del 16 aprile. La riflessione di uno studioso e accademico sulle conseguenze della riforma.

     



    08/08/2016 13:24:00 TURCHIA
    Erdogan rilancia sulla pena di morte e si prepara a volare in Russia

    Una folla di un milione di persone ha partecipato alla manifestazione governativa a favore “dei martiri e della democrazia”. Il presidente, favorevole alla pena capitale, intende “liberare” la nazione dai sostenitori di Gulen. Nel suo intervento il richiamo all’amore fra i turchi “in nome di Allah”. Domani l’incontro con Putin a Mosca per rafforzare le relazioni bilaterali. 



    23/05/2017 08:57:00 TURCHIA
    Ankara, al via il processo contro 220 alti ufficiali dell’esercito

    Alla sbarra anche 26 generali. Fra questi Akin Ozturk, ex comandante dell’aeronautica e un tempo fedelissimo del presidente. Il pubblico ministero chiede il carcere a vita. All’esterno gruppi di manifestanti invocano la pena di morte. Erdogan rieletto nel fine settimana alla guida del partito Akp.

     



    22/09/2017 08:59:00 TURCHIA
    Istanbul, arrestati 14 avvocati: difendevano due insegnanti incarcerati e in sciopero della fame

    I legali appartengono al Dipartimento per i diritti del popolo (Hhb) e sono stati incriminati con l’accusa di terrorismo. Essi sarebbero legati al Fronte Rivoluzionario della liberazione popolare (Dhkp-C), gruppo marxista fuorilegge. L’arresto è avvenuto alla vigilia del processo a carico dei due insegnanti, con un tempismo “sospetto”. 

     



    31/08/2017 08:55:00 TURCHIA
    Le purghe di Erdogan hanno affollato le carceri: oltre 22mila detenuti dormono per terra

    Per la prima volta il totale della popolazione carceraria supera quota 224mila. Ad oggi le galere turche possono ospitare un massimo di circa 200mila detenuti. Il governo libera i detenuti comuni per richiudere i presunti “golpisti”. I fondi stanziati per le carceri superano il budget di molti ministeri. Entro la fine del 2017 pronte 76 nuove prigioni. 

     





    In evidenza

    MYANMAR
    Non solo Rohingya: la persecuzione delle minoranze cristiane in Myanmar



    La sofferenza di Kachin, Chin e Naga. La discriminazione su basi religiose è in certi casi addirittura istituzionalizzata. I cristiani sono visti come espressione di una fede straniera ed in contrasto con la visione nazionalista. Per anni il regime militare ha introdotto feroci misure discriminatorie.


    VATICANO - ASIA
    Il mondo ha urgenza della missione della Chiesa

    Bernardo Cervellera

    Ottobre è un mese consacrato al risveglio della missione fra i cristiani. Nel mondo c’è indifferenza o inimicizia verso Dio e la Chiesa. Le religioni sono considerate la fonte di tutte le guerre. Il cristianesimo è l’incontro con una Persona, che cambia la vita del fedele e lo mette al servizio delle ferite del mondo, lacerato da frustrazioni e guerre fratricide. L’esempio del patriarca di Baghdad e del presidente della Corea del Sud.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®