21/12/2017, 10.39
CINA

Il Partito comunista vieta il Natale: ‘È l’oppio dello spirito’

Quadri esortati a non presenziare banchetti e cerimonie e promuovere la cultura tradizionale cinese. Un'università di Shenyang vieta agli studenti di radunarsi per celebrare le feste natalizie. Gansu, il Dipartimento del commercio fa rimuovere gli alberi di natale dal negozio online di un’azienda.

Pechino (AsiaNews/Rfa) – Il braccio disciplinare del Partito comunista cinese vieta a membri e funzionari del governo di celebrare il Natale, definendo la pratica “oppio spirituale” per gli iscritti. Una nota emessa dalla Commissione per l’Ispezione disciplinare della città di Hengyang, nella provincia centrale di Hunan, esorta i quadri locali a non presenziare banchetti e cerimonie durante la vigilia, avvertendo che chiunque vìoli le disposizioni sarà chiamato ad “assumersi la responsabilità”.

Il tono della missiva suggerisce che essa è stata inviata ai funzionari a livello nazionale. “Con l'avvicinarsi del Natale, i leader ed i funzionari di tutti i gradi devono promuovere la cultura tradizionale cinese e assumersi il compito di costruire una casa spirituale per il popolo”, si legge nel documento. “Essi sono tenuti a studiare seriamente la dottrina dell’autoconsapevolezza culturale, introdotta al 19mo Congresso del Partito, ed astenersi dal celebrare ciecamente feste straniere o impegnarsi nelle religioni occidentali. Non devono partecipare a celebrazioni di origine occidentale e svolgere un buon lavoro di sicurezza in occasione della vigilia e del giorno di Natale”.

Nel frattempo, fonti di Rfa riferiscono che un’azienda nella provincia nord-occidentale di Gansu ha rimosso gli alberi di Natale dal suo negozio online, dopo gli avvertimenti del Dipartimento locale del commercio e dell'industria. Questi provvedimenti seguono quello di un'università di Shenyang, nel nord-est della Cina, cha ha vietato ai suoi studenti di radunarsi per celebrare le festività natalizie. “Negli ultimi anni, alcuni giovani hanno celebrato ciecamente feste religiose occidentali come la 'Silent Night', il termine cinese per la vigilia, ed il giorno di Natale come risultato del clamore commerciale che circonda la cultura occidentale”, recita una direttiva della Lega della Gioventù del Partito comunista alla Shenyang Pharmaceutical University.

Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Pechino, marcia indietro sui biglietti per la messa di Natale
16/12/2004
Tibet, monaco "rapito" dalle forze di sicurezza cinesi
21/09/2005
Hu Jia malato in prigione, forse di cancro al fegato
09/04/2010
Cina: ondata di arresti contro cristiani protestanti
11/03/2006
La quotidiana violenza delle autorità cinesi contro chi non si adegua alla volontà statale
19/02/2009