20 Settembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 26/08/2011, 00.00

    NEPAL

    Il Premier nepalese per la revisione delle leggi anti-conversione

    Kalpit Parajuli

    Per il Primo ministro dimissionario Khanal il nuovo codice civile è contrario alla laicità dello Stato. Possibile una modifica in difesa delle minoranze e in grado di evitare contrasti con gli indù.
    Kathmandu (AsiaNews) – Il Primo ministro dimissionario Jhalanath Khanal critica le leggi anti-conversione e accoglie la proposta di revisione di cristiani e minoranze religiose. Intervenendo a un convegno sul futuro del Paese, organizzato ieri dall’Ufficio del procuratore generale del Nepal, il premier “ha promesso di istituzionalizzare i cambiamenti dichiarati dopo l’abolizione della monarchia”. “La laicità dello Stato – ha affermato - è ormai entrata nella nostra società. Dobbiamo sostenere i diritti delle minoranze e rivedere il nuovo codice civile e penale”.

    Proposto lo scorso 23 giugno, il nuovo codice doveva essere approvato per fine agosto, ma le dimissioni del Primo ministro Khanal hanno bloccato l’iter, rimandandolo a data da destinarsi. Nella sezione 9 il codice bolla come proselitismo qualunque gesto di comunicazione della propria fede a una persona. Le pene vanno da una multa di 470 euro a un massimo di cinque anni di carcere. Se il colpevole è uno straniero è prevista l’espulsione immediata dal Paese.

    Per i partiti conservatori il controllo delle conversioni serve per limitare il rischio di uno scontro con gli indù. Fra gli influenti sostenitori di questa tesi vi è Khil Raj Regmi, capo della Corte suprema, che all’incontro con il premier ha bollato come proselitismo il diritto delle minoranze di celebrare in pubblico la propria fede.

    “Bisogna punire i tentativi conversione diretti e indiretti – ha affermato – per evitare uno scontro interreligioso”. Pur con il favore dei partiti più conservatori, a tutt’oggi la posizione di Regmi è contestata da diversi giudici della Corte, che potrebbero bloccare l’iter in caso di incostituzionalità dei suoi contenuti.

    Secondo Khanal, il governo è però ancora in grado di sfruttare il suo potere per proporre una modifica del codice, che tuteli le minoranze senza alimentare contrasti con gli indù.
     
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    30/11/2011 NEPAL
    Cristiani nepalesi ancora bersaglio degli estremisti indù
    Tre gli attentati tra il 22 e il 28 novembre. Colpite una ong cristiana, una chiesa protestante e una scuola cattolica. Il Nepal Defense Army, gruppo terrorista indù, minaccia nuovi attacchi contro cristiani e minoranze religiose.

    18/04/2012 NEPAL
    Musulmani nepalesi rivendicano i loro diritti nella nuova costituzione
    Una campagna per sensibilizzare i partiti politici. Paura per le leggi anti-conversione. Musulmani, cattolici e protestanti uniti contro discriminazioni e persecuzioni.

    22/04/2014 INDIA
    Gesuita indiano: Narendra Modi è vendicativo e una minaccia per le minoranze dell'India
    Il direttore del centro per i diritti umani, la giustizia e la pace "Prashant" racconta tre episodi che coinvolgono il partito nazionalista indù Bharatiya Janata Party (Bjp), di cui Modi è candidato premier. Per p. Prakash la promessa di introdurre leggi anti-conversione e le minacce contro la comunità musulmana "manifestano l'agenda fascista" del Bjp. Ma bisogna avere "speranza, la battaglia continua anche se i segni sono terribili".

    23/08/2011 NEPAL
    Chiesa cattolica in Nepal: leggi anti-conversione sono anti-costituzionali
    Tradotte in inglese le sezioni del nuovo codice penale che violano la libertà religiosa. Lo scopo è smuovere l’opinione pubblica per fare pressioni sul governo. Violate le norme internazionali sui diritti civili e politici firmate dalle autorità dopo la caduta della monarchia indù.

    17/08/2011 NEPAL
    Appello di cristiani, musulmani, buddisti e bahai contro le leggi anti-conversione
    Il nuovo codice prevede pene severe per gli atti che inducono alla conversione e non rispettano le tradizioni indù. Proibita la macellazione e il consumo di carne bovina. Leader religiosi non indù propongono una legge separata e una commissione per la tutela delle minoranze religiose.



    In evidenza

    CINA-VATICANO
    I nuovi regolamenti religiosi: annientare le comunità sotterranee, soffocare le comunità ufficiali

    Bernardo Cervellera

    Pochi articoli aggiunti rispetto alle bozze. Le religioni viste non come “l’oppio”, ma “la peste” dei popoli. Controllo spasmodico di tutti i livelli del potere politico verso le religioni ufficiali. Multe elevatissime per i membri delle comunità non ufficiali. Sequestro e incameramento dei “siti illegali” da parte dello Stato. Espulsione dalle scuole per attività di “proselitismo”.


    CINA-VATICANO
    Mons. Pietro Shao Zhumin sotto controllo in un ospedale di Pechino

    Bernardo Cervellera

    È stato sottoposto a un’operazione a un orecchio. Gli è stato vietato di partecipare ai funerali di un anziano testimone della fede, p. Giovanni Wang, che ha subito 12 anni di lager. Anche il segretario dl vescovo è stato sequestrato per impedirgli di partecipare ai funerali di p. Wang.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®