30 Maggio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 17/08/2012, 00.00

    QATAR

    Il Qatar si compra l'Europa colpita dalla crisi economica



    In un anno spesi 3,4 miliardi di euro nel settore immobiliare e industriale. Partecipazioni anche nel villaggio olimpico di Londra e nel grattacielo più alto d'Europa. Il capitale speso fra 2011 e 2012 rappresenta il ricavato di sei settimane di esportazioni di gas naturale. In un anno i ricavi del settore energetico sono pari a 30 miliardi di euro.

    Doha (AsiaNews/ Agenzie) - Con oltre 3,4 miliardi di euro spesi in meno di un anno nell'acquisto di società, industrie, beni di lusso e squadre di calcio, il Qatar è il primo investitore nei Paesi dell'Unione Europea. Fra le spese più recenti spicca la partecipazione alla costruzione del villaggio olimpico di Londra e un centro commerciale di lusso sugli Champs Elysées a Parigi. Lo rivela una ricerca della Real Capital Analytics (Rca), agenzia internazionale specializzata in analisi economiche.

    Secondo la Rca, l'ammontare investito dalla Qatar Investment Authority (Qia) è solo una "briciola" della reale potenzialità economica del principale esportatore di gas naturale liquido al mondo. La cifra spesa in 12 mesi equivale a un ricavo di sei settimane nel settore energetico. Nel 2011 le esportazioni di gas hanno portato nelle casse dell'emirato circa 30 miliardi di euro, in uno Stato con una popolazione residente di 250mila persone, a cui si aggiungono circa 1,2 milioni di lavoratori migranti.    

    Dal 2007, il Qatar ha investito oltre 5,7 miliardi di euro nel settore immobiliare di varie città europee, soprattutto Londra e Parigi. Nella capitale britannica ha finanziato la costruzione dello Shard,  il grattacielo più alto dell'Unione europea, inaugurato poche settimane prima dell'inizio dei Giochi olimpici. Nel Regno Unito il piccolo Stato è proprietario dei grandi magazzini Harrods e ha una quota del 27% in Songbird Estates, società che possiede la maggior parte degli edifici di Canary Wharf, quartiere finanziario di Londra. A Parigi il Qia ha acquistato edifici per centinaia di milioni di euro, fra cui un mega albergo situato sugli Champs Elysées del valore di 500 milioni di euro. In Francia  lo sceicco Hamad bin Khalifa Al Thani, emiro del Qatar è famoso per essere l'azionista di maggioranza del Paris St. Germain, la più premiata squadra di calcio francese. In Germania l'emirato ha acquistato quote consistenti del marchio di auto sportive Porsche.

    In un'intervista rilasciata in aprile a Bloomberg, autorevole sito economico, Hussain Al Abdulla, funzionario della Qia, affermava che con "la crisi economica, la maggior parte del capitale investito nei decenni passati è diventato carta straccia". A tutt'oggi i capitali ricavati dalle esportazioni non hanno ancora una destinazione geografica precisa e non sono inseriti all'interno di un programma economico definito. "Noi - ha aggiunto - siamo solo molto opportunisti".

    In pochi decenni, Qatar, Arabia Saudita e Bahrain hanno sfruttato il denaro ricavato dal settore energetico per diventare partner fondamentali dell'economia europea e di recente anche della politica estera soprattutto su questioni riguardanti il Medio Oriente. Ciò è accaduto in Libia, dove Doha e Ryadh hanno avuto un ruolo fondamentale nel finanziarie i ribelli e nel convincere gli Stati occidentali ad attaccare Gheddafi. E questo anche con informazioni pretestuose sulle rispettive emittenti satellitari al-Jazeera e al-Arabya. Il medesimo scenario si sta verificando in Siria, dove i due Stati islamici finanziano e sostengono con armi, mezzi e denaro i ribelli sunniti che combattono contro il regime di Assad.      

     

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    27/02/2008 QATAR
    Doha: banche europee nuovo obiettivo degli investimenti arabi
    Il ricco Paese del Golfo si è dichiarato favorevole ad investire in Europa. Le cifre si aggirano intorno ai 15 miliardi di dollari.

    27/10/2008 CINA
    “La Cina è in salute, ma non deve sottovalutare la crisi globale in atto”
    Il direttore della Banca centrale cinese Zhou Xiaochuan illustra la situazione del Paese e le possibili strategie. Pechino si mostra cauta, in attesa di vedere quanto la crisi mondiale potrà colpirla, ma sicura che potrà proseguire la sua rapida crescita.

    19/07/2012 EGITTO
    Egitto, islamismo e insicurezza lasciano deserte le spiagge del Mar Rosso
    A 17 mesi dalla caduta di Mubarak alcuni imprenditori lamentano perdite del 70%. Albergatori, ristoratori e agenti lanciano un appello a Morsi per non islamizzare il settore turistico balneare. Nei primi cinque mesi del 2012 le visite sono calate del 26% rispetto al 2010, i guadagni sono scesi invece del 24%.

    24/09/2011 UZBEKISTAN
    Tashkent rispolvera metodi sovietici contro l’urbanizzazione
    Preoccupate dall’eccesso di giovani e disoccupati provenienti dalle campagne, le autorità riapplicano il sistema della propiska: chi si sposta dal suo distretto perde diritti di base come istruzione e assistenza sanitaria.

    03/01/2014 EGITTO - CINA
    Con decine di migliaia di visitatori ogni anno, Pechino rilancia il turismo in Egitto
    Nel solo 2012 circa 67mila turisti su 700mila erano di nazionalità cinese. Il dato è in continua crescita. Al Cairo un incontro fra ministero del Turismo e principali agenzie turistiche cinesi per lo sviluppo del settore fra i più colpiti dell'economia egiziana.



    In evidenza

    IRAQ
    Patriarca di Baghdad: cristiani e musulmani in preghiera per la pace, fra Mese di Maggio e Ramadan

    Joseph Mahmoud

    Il 30 maggio la chiesa della Regina del Rosario a Baghdad ospiterà una preghiera interreligiosa contro le violenze e il terrorismo. A lanciare l’iniziativa il patriarca caldeo: non le opzioni militari, ma la preghiera contro conflitti che colpiscono “la popolazione innocente”. Un invito anche ai musulmani a riflettere per formare una nuova mentalità, una nuova cultura.

     


    EGITTO-ISLAM-VATICANO
    Papa Francesco e il Grande imam di Al Azhar, il detto e il “non detto”

    Samir Khalil Samir

    Vi sono molti aspetti positivi nell’incontro fra il pontefice e la suprema autorità sunnita, insieme a qualche silenzio. Per Al Tayyib l’islam non ha niente a che fare con il terrorismo. Ma l’Isis usa la bandiera nera di Maometto, la spada del profeta, le frasi del Corano. I terroristi prendono le loro affermazioni sanguinarie da molti imam. E’ urgente un nuovo rinascimento dell’islam, rileggendo la tradizione nella modernità: un lavoro interrotto dal fondamentalismo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®