3 Settembre 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato

invia ad un amico visualizza per la stampa


» 17/08/2012
QATAR
Il Qatar si compra l'Europa colpita dalla crisi economica
In un anno spesi 3,4 miliardi di euro nel settore immobiliare e industriale. Partecipazioni anche nel villaggio olimpico di Londra e nel grattacielo più alto d'Europa. Il capitale speso fra 2011 e 2012 rappresenta il ricavato di sei settimane di esportazioni di gas naturale. In un anno i ricavi del settore energetico sono pari a 30 miliardi di euro.

Doha (AsiaNews/ Agenzie) - Con oltre 3,4 miliardi di euro spesi in meno di un anno nell'acquisto di società, industrie, beni di lusso e squadre di calcio, il Qatar è il primo investitore nei Paesi dell'Unione Europea. Fra le spese più recenti spicca la partecipazione alla costruzione del villaggio olimpico di Londra e un centro commerciale di lusso sugli Champs Elysées a Parigi. Lo rivela una ricerca della Real Capital Analytics (Rca), agenzia internazionale specializzata in analisi economiche.

Secondo la Rca, l'ammontare investito dalla Qatar Investment Authority (Qia) è solo una "briciola" della reale potenzialità economica del principale esportatore di gas naturale liquido al mondo. La cifra spesa in 12 mesi equivale a un ricavo di sei settimane nel settore energetico. Nel 2011 le esportazioni di gas hanno portato nelle casse dell'emirato circa 30 miliardi di euro, in uno Stato con una popolazione residente di 250mila persone, a cui si aggiungono circa 1,2 milioni di lavoratori migranti.    

Dal 2007, il Qatar ha investito oltre 5,7 miliardi di euro nel settore immobiliare di varie città europee, soprattutto Londra e Parigi. Nella capitale britannica ha finanziato la costruzione dello Shard,  il grattacielo più alto dell'Unione europea, inaugurato poche settimane prima dell'inizio dei Giochi olimpici. Nel Regno Unito il piccolo Stato è proprietario dei grandi magazzini Harrods e ha una quota del 27% in Songbird Estates, società che possiede la maggior parte degli edifici di Canary Wharf, quartiere finanziario di Londra. A Parigi il Qia ha acquistato edifici per centinaia di milioni di euro, fra cui un mega albergo situato sugli Champs Elysées del valore di 500 milioni di euro. In Francia  lo sceicco Hamad bin Khalifa Al Thani, emiro del Qatar è famoso per essere l'azionista di maggioranza del Paris St. Germain, la più premiata squadra di calcio francese. In Germania l'emirato ha acquistato quote consistenti del marchio di auto sportive Porsche.

In un'intervista rilasciata in aprile a Bloomberg, autorevole sito economico, Hussain Al Abdulla, funzionario della Qia, affermava che con "la crisi economica, la maggior parte del capitale investito nei decenni passati è diventato carta straccia". A tutt'oggi i capitali ricavati dalle esportazioni non hanno ancora una destinazione geografica precisa e non sono inseriti all'interno di un programma economico definito. "Noi - ha aggiunto - siamo solo molto opportunisti".

In pochi decenni, Qatar, Arabia Saudita e Bahrain hanno sfruttato il denaro ricavato dal settore energetico per diventare partner fondamentali dell'economia europea e di recente anche della politica estera soprattutto su questioni riguardanti il Medio Oriente. Ciò è accaduto in Libia, dove Doha e Ryadh hanno avuto un ruolo fondamentale nel finanziarie i ribelli e nel convincere gli Stati occidentali ad attaccare Gheddafi. E questo anche con informazioni pretestuose sulle rispettive emittenti satellitari al-Jazeera e al-Arabya. Il medesimo scenario si sta verificando in Siria, dove i due Stati islamici finanziano e sostengono con armi, mezzi e denaro i ribelli sunniti che combattono contro il regime di Assad.      

 

 

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
27/02/2008 QATAR
Doha: banche europee nuovo obiettivo degli investimenti arabi
27/10/2008 CINA
“La Cina è in salute, ma non deve sottovalutare la crisi globale in atto”
19/07/2012 EGITTO
Egitto, islamismo e insicurezza lasciano deserte le spiagge del Mar Rosso
24/09/2011 UZBEKISTAN
Tashkent rispolvera metodi sovietici contro l’urbanizzazione
03/01/2014 EGITTO - CINA
Con decine di migliaia di visitatori ogni anno, Pechino rilancia il turismo in Egitto

In evidenza
INDIA
Card. Toppo: Imparare dai tribali dell’India ad avere cura della terra e dei suoi abitanti
di Nirmala CarvalhoL’arcivescovo di Ranchi parla ad AsiaNews in occasione della Giornata mondiale di preghiera per la cura del creato (1 settembre). Nel Paese “più di un milione di tribali è cattolico, e nella nostra cultura noi rispettiamo la natura e ne celebriamo i doni”. Oggi “per essere veri testimoni di Cristo dobbiamo rispondere alla crisi ecologica attraverso una profonda conversione spirituale”.
VATICANO-IRAQ
P. Samir di Amadiya: Il Papa è la voce dei profughi irakeni
di Bernardo CervelleraIl sacerdote caldeo ha incontrato papa Francesco chiedendogli di tenere alta l’attenzione del mondo sui profughi cristiani di Mosul e della Piana di Ninive. Nella sua diocesi vivono 3500 famiglie cristiane e quasi mezzo milione di yazidi fuggiti davanti alle violenze dello Stato islamico. L’Isis non è tutto l’islam e vi sono musulmani che vogliono un Iraq della convivenza. I cristiani potrebbero emigrare, ma rimangono nella loro terra. I progetti di aiuto ai rifugiati: la scuola per i bambini, lavoro per gli adulti, una casa per ogni famiglia. L’appello di AsiaNews.
LIBANO
La Dichiarazione di Beirut: i musulmani in difesa della libertà dei cristianiLibertà di fede, di educazione e di opinione difese citando il Corano. Esse sono alla base dello Stato di diritto, che non deve essere uno Stato religioso. L’organo di riferimento dei sunniti del Libano condanna senza appello la violenza in nome di Dio. Il testo integrale del messaggio.

Dossier

Terra Santa Banner


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate