19/03/2010, 00.00
ISRAELE-PALESTINA
Invia ad un amico

Il Quartetto: uno Stato palestinese “entro due anni”

Onu, Stati Uniti, Russia ed Europa chiedono di riavviare il processo che porti a una pace tra arabi e israeliani “interesse fondamentale delle parti, di tutti gli Stati della regione e della comunità internazionale”. “Congelare tutte le attività di colonizzazione”
Mosca (AsiaNews/Agenzie) - Congelare tutti gli insediamenti israeliani e rilanciare i negoziati di pace tra israeliani e palestinesi con l’obiettivo di arrivare “entro 24 mesi” a un “indipendente, democratico e vitale Stato palestinese, che viva fianco a fianco in pace e sicurezza con Israele e gli altri vicini”. E’ la richiesta avanzata oggi dal Quartetto (Onu, Stati Uniti, Russia e Unione europea) al termine della riunione tenuta a Mosca.
 
L’incontro di Mosca si è svolto al massimo livello: ad esso hanno preso parte il segretario generale dell’Onu, Ban Ki-moon - che ha letto la dichiarazione finale - , il segretario di Stato Usa, Illary Clinton, il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov e il capo della diplomazia europea Catherine Ashton.
 
“Il Quartetto - prosegue la dichiarazione – ribadisce che la pace tra israeliani e arabi e la creazione di un pacifico Stato palestinese in Cisgiordania e Gaza è interesse fondamentale delle parti, di tutti gli Stati della regione e della comunità internazionale”.
 
Il Quartetto, infine, condanna la decisione del governo israeliano di consentire la costruzione di 1.600 nuove abitazioni a Gerusalemme est e “sollecita il governo di Israele a congelare tutte le attività di colonizzazione” e “astenersi da demolizioni e sfratti”,
 
La presa di posizione del Quartetto giunge in un momento nel quale Stati Uniti e Israele appaiono impegnati a superare il brusco raffreddamento dei loro rapporti creato dall’annuncio dei nuovi insediamenti a Gerusalemme est, fatto proprio durante una visita del vicepresidente Joe Biden che aveva lo scopo di avviare “colloqui indiretti” tra israeliani e palestinesi e favorire quindi la missione dell’inviato per il Medio Oriente George Mitchell.
 
In questo quadro, alla vigilia dell’incontro di Mosca c’è stato un colloquio telefonico tra la Clinton e il premier israeliano Benjamin Netanyahu. In proposito, il portavoce del premier, Nir Chefetz, si è limitato a dire che Netanyahu ha proposto alcuni “passi per costruire fiducia reciproca”.
 
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Poso, violenze anticristiane: estremisti incendiano una chiesa protestante
23/10/2012
Il “congelamento” non ferma le colonie israeliane, nel 2009 si costruirà come in passato
08/09/2009
Ban Ki-moon apprezza il piano saudita di pace e critica il governo palestinese
19/03/2007
Offensiva finale all’Onu per il riconoscimento della Palestina
24/10/2014
Netanyahu propone dialoghi di pace diretti ogni due settimane
27/08/2010