09 Dicembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 24/10/2013, 00.00

    ASIA

    Il "bello" della vasectomia in diretta e il marketing della contraccezione



    Con un film e 16 operazioni in diretta, lanciate anche su streaming, è stata varata la Giornata mondiale della vasectomia. L'Oms e la Planned Parenthood affermano che essa è il miglior contraccettivo e fa risparmiare sulla sanità. Il giudizio della "Caritas in veritate".

    Adelaide (AsiaNews/Agenzie) - "Non fa male per nulla"; "dura solo 10 minuti"; "basta mettere un cerotto"; "è meno cara della sterilizzazione femminile"; "riduce la mortalità materna": sono alcuni degli slogan ascoltati ad Adelaide (Australia) durante la settimana di Science Exchange in cui è stato lanciata la Giornata mondiale della vasectomia. Per tale occasione è stato anche pubblicizzato un film , "Il vasectomista", il cui regista ha addirittura vinto un Emmy Award.

    Tutto questo è l'ultima ondata di una feroce campagna pubblicitaria per diffondere la vasectomia fra gli uomini nel mondo, soprattutto in India e Cina e nei Paesi in via di sviluppo.

    Ma la trovata pubblicitaria più impressionante è che sono state eseguite davanti al pubblico e in diretta televisiva streaming (via internet) almeno 16 operazioni di vasectomia su volontari.

    Il criterio della campagna è che il sottosviluppo è causato dalla sovrappopolazione. Per diminuire la crescita demografica ci sono molte vie di contraccezione, ma la più facile è la vasectomia. Grazie al "taglietto" dei canali dello sperma si riduce il sottosviluppo; si migliora l'ambiente,  inquinato da troppi esseri umani; si aiuta le donne a liberarsi dalla schiavitù della gravidanza e dai problemi legati all'aborto o al parto.

    La logica sembra essere questa: l'essere umano è un problema; non fare figli è la soluzione; la contraccezione - pillole, spirali intrauterine, sterilizzazione femminile - "aiuta" già molto; la vasectomia aiuterà ancora di più. Vi sono perfino scienziati che applaudono alle operazioni di vasectomia. Paul R. Ehrlich, 81 anni, professore della Stanford University, esperto di popolazione, citato da Bloomberg, afferma: "I maschi di queste nazioni [India e Cina] dovrebbero andare in delirio di felicità [perché con la vasectomia] risparmiano per sempre alle loro mogli e alle fidanzate il peso della contraccezione".

    Secondo studi della  Planned Parenthood, un'organizzazione che mira al controllo sulla popolazione attraverso politiche di contraccezione, la vasectomia è il più efficace mezzo contraccettivo. Anche l'Organizzazione mondiale della sanità è dello stesso parere e fa notare che l'operazione di vasectomia costa la metà di una sterilizzazione femminile.

    L'assunto da cui partono queste posizioni - la "bomba demografica" - sono guardati con scetticismo da diversi scienziati e dalla Chiesa cattolica: la popolazione mondiale che doveva "scoppiare" negli anni '70, si sta invece assestando sempre di più e  oggi molti Paesi soffrono al contrario di un "inverno demografico". Perfino la Cina, con la sua legge del figlio unico, sta rischiando il crollo della sua economia per carenza di popolazione. In più, secondo molti studiosi del sottosviluppo, molte morti materne, al momento del parto, si potrebbero ovviare se vi fossero più servizi sanitari per le gestanti e acqua pulita per le famiglie.

    Nell'enciclica "Caritas in veritate" si condanna la mentalità anti-natalista come un elemento di falso sviluppo (v. n.28).

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    12/10/2005 Filippine
    Il cardinale Vidal loda il governo per pianificazione familiare naturale

    La presidente Arroyo annuncia l'uso dei fondi Onu per l'adozione di un metodo per la pianificazione familiare naturale. Card. Vidal: "Queste direttive proteggono la società e la famiglia".



    03/02/2012 ASIA
    I morti per malaria sono 1,24 milioni: il doppio di quelli stimati dall’Oms
    Uno studio dell’Università di Seattle ha calcolato che nel 2010 le vittime della malattia sono circa il 47% in più dei dati diffusi dall’Organizzazione mondiale della sanità. Finanziata da Bill Gates, la ricerca si basa su nuovi modelli statistici che tengono conto anche di decessi in precedenza non imputati alla malaria.

    14/10/2005 ASIA – EUROPA
    Il mondo è impreparato a una pandemia da influenza aviaria

    L'influenza aviaria arriva in Europa. Non esiste ancora un vaccino specifico. Aumentano le misure per isolare il contagio.



    04/05/2009 ASIA
    Oms: ancora allerta per l’influenza suina, ma è in declino
    I morti confermati sono 22 nel solo Messico. Nel mondo sono 23, con 900 casi di infezione. Polemiche fra Messico e Cina sull’isolamento dei viaggiatori. Negli Stati Uniti, ogni anno per una comune influenza muoiono 36 mila persone.

    22/05/2009 ASIA
    Oms: quasi mille nuovi casi al giorno di influenza suina
    Per ora non è necessario alzare il livello di allerta. I nuovi casi sono in Messico, Usa, Canada e Giappone. Il primo caso nelle Filippine. Nell’emisfero sud il virus si sta diffondendo più lentamente.



    In evidenza

    IRAQ
    Parroco di Amadiya: profughi cristiani di Mosul, fra l’emergenza aiuti e l’attesa del rientro

    P. Samir Youssef

    In una lettera p. Samir Youssef racconta la situazione dei rifugiati, da oltre due anni lontani dalle loro case. Si segue con attenzione l’offensiva, anche se case e chiese “sono in gran parte” bruciate o distrutte. Con l’arrivo dell’inverno servono cherosene, vestiti, cibo e denaro per pagare il trasporto degli studenti. Un appello per continuare a sostenere la campagna di AsiaNews.


    IRAQ
    “Adotta un cristiano di Mosul”: il dono di Natale per attraversare l’inverno

    Bernardo Cervellera

    Le nuove ondate di profughi, con l’avanzata dell’esercito verso la Piana di Ninive e Mosul rischiano di far dimenticare i rifugiati che da due anni hanno trovato ospitalità nel Kurdistan. C’è bisogno di cherosene, vestiti per l’inverno, aiuti per i bambini, soldi per gli affitti. La campagna lanciata da AsiaNews due anni fa è più urgente che mai. Rinunciare a un dono superfluo per offrire loro un dono essenziale per vivere.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®