24 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 03/11/2017, 08.59

    LIBANO - ARABIA SAUDITA

    Il card. Rai visiterà l’Arabia Saudita, prima ‘storica’ di un leader cristiano



    Il viaggio durerà un giorno e si dovrebbe svolgere “entro le prossime due settimane”. Il porporato ha accolto un invito della leadership saudita, che non avrebbe imposto particolari “condizioni”. Una visita che si inserisce nel solco dei cambiamenti promossi dal regno ultraconservatore. Il Libano conferma il ruolo di “porta” verso il mondo arabo. 

     

    Beirut (AsiaNews) - Il patriarca maronita, card. Bechara Raï, ha annunciato che visiterà, entro le prossime due settimane, l’Arabia Saudita rispondendo all’invito ufficiale arrivato dal re saudita Salman e del principe ereditario, e numero due del Paese, Mohammad bin Salman. Per il porporato libanese si tratta della prima, storica visita nel regno ultraconservatore wahhabita che, negli ultimi tempi, ha avviato una serie di riforme economiche e sociali. Fra questi, stadi aperti e permesso di guida alle donne, affrancamento dalla visione fondamentalista dell’islam. 

    In una intervista alla tv di Stato libanese il card. Raï ha confermato l’invito delle massime autorità saudite, sottolineando che “in riferimento alla visita non sono state poste alcune condizioni particolari” e “durerà un giorno”. “Il mio ruolo - ha aggiunto il porporato - non è politico e tutti sanno chi è il patriarca maronita”. 

    Il leader cristiano libanese ricorda che già in passato, nel 2013, aveva ricevuto un invito per visitare Riyadh da parte del precedente monarca, re Abdallah. Tuttavia, questo viaggio non si è mai potuto effettuare, aggiunge, “per svariate [e non meglio precisate] questioni”. 

    Nell’ultimo periodo il regno saudita ha avviato una serie di riforme, volute con forza dal principe ereditario, nel contesto del programma “Vision 2030” che investono l’ambito sociale, economico, cultura e religioso. Storici e analisti ricordano che quella del card. Raï è “la prima visita di un capo religioso cristiano dai… tempi del Profeta”. In passato il porporato aveva già effettuato un viaggio ufficiale in Qatar. 

    Una fonte ufficiale del patriarcato ha riferito che “l’invito è stato trasmesso oralmente” nei giorni scorsi al cardinale dall’incaricato di affari saudita in Libano Walid Boukhari. Una visita storica, sottolineano le fonti, che rilancia una volta di più il ruolo del Paese dei Cedri quale “messaggio di pluralismo per l’Oriente e l’Occidente”, come amava ripetere papa Giovanni Paolo II. 

    Il patriarca maronita e il Libano si propongono una volta di più come “porta” di un mondo arabo che si apre alla modernità, in un contesto regionale segnato da guerre - in Iraq, in Siria - e da tensioni (Iran e Arabia Saudita, Paesi del Golfo e Qatar). 

    Durante la visita lampo a Riyadh il card. Raï dovrebbe infine sollevare anche la questione di Gerusalemme e la pace in Terra Santa, un problema decennale e irrisolto dalla quale traggono origine tutte le altre crisi che caratterizzano la regione. (DS)

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    16/11/2017 09:02:00 LIBANO - ARABIA SAUDITA
    Media sauditi sulla visita del card. Raï: fratellanza e pace all’ombra della vicenda Hariri

    Il primo viaggio di un leader cristiano nel regno ultraconservatore ha avuto ampia eco sui media locali. Alcuni hanno pubblicato una foto in cui si vedeva con chiarezza la croce, che nella società è proibito mostrare in pubblico. I commentatori insistono sui rapporti fraterni fra i due Paesi e il ruolo delle religioni in un’ottica di pace e contro l’estremismo. Ma resta il nodo del “sequestro” del dimissionario premier libanese. 

     



    15/11/2017 09:03:00 LIBANO - ARABIA SAUDITA
    Riyadh, Hariri incontra il patriarca maronita e assicura un rientro a breve in Libano

    Si è conclusa la storica visita del card. Raï in Arabia Saudita, dove ha incontrato re Salman e il principe ereditario. Commentando il faccia a faccia col premier dimissionario, egli sottolinea di comprenderne “i motivi”. Rilanciato l’impegno comune alla pace nella regione e alla lotta al terrorismo, insieme alla storica “amicizia” fra i due Paesi. 

     



    13/11/2017 09:00:00 LIBANO - ARABIA SAUDITA
    Il card. Raï a Riyadh: dialogo islamo-cristiano e dimissioni di Hariri

    Il patriarca maronita oggi nella capitale saudita, prima visita di un leader cristiano nel regno ultraconservatore. Egli incontrerà re Salman, il principe ereditario e il premier libanese dimissionario. Ieri Hariri ha detto di essere “libero” e pronto a rientrare “presto” in Libano. La maratona di Beirut si trasforma in protesta anti-saudita. 

     



    10/11/2017 08:57:00 LIBANO - ARABIA SAUDITA
    Il card. Raï conferma la storica visita a Riyadh. Incontrerà Hariri

    Ai vertici sauditi vuole ricordare che il Libano “non può sostenere le guerre di altri” sul proprio territorio. Arabia Saudita, Emirati e Kuwait allertano i concittadini a lasciare il Paese dei cedri “il prima possibile”. 

     



    17/11/2017 15:54:00 LIBANO - A. SAUDITA - FRANCIA
    L’epilogo felice della ‘controversia Hariri’: Parigi pronta ad accogliere il premier libanese

    Domani il premier dimissionario libanese lascerà Riyadh per la Francia. Restano i dubbi sul suo futuro e su quello del governo del Paese. La tutela del presidente Aoun che rafforza sempre più il legame col “figlio adottivo”. Le mire saudite sul Libano e la ricerca di stabilità di Europa, Stati Uniti e Iran.  

     





    In evidenza

    MYANMAR-VATICANO
    Yangon, ‘ore frenetiche’ per l’arrivo del papa. L’impegno dei cattolici per i pellegrini

    Paolo Fossati

    Attese 200mila persone per la messa solenne al Kyaikkasan Ground. Tra loro anche leader buddisti e musulmani. In arrivo 6mila ragazzi per la messa dei giovani del giorno seguente. Anche filippini, australiani e thailandesi per lo storico viaggio apostolico di papa Francesco. Dal nostro inviato.


    YEMEN
    Il genocidio dello Yemen: dopo le bombe, la fame, la sete e il colera

    Pierre Balanian

    La coalizione guidata da Riyadh blocca l’arrivo di carburante necessario per far funzionare i pozzi. Oltre un milione di persone senza acqua a Taiz, Saada, Hodeida, Sana’a e Al Bayda. Secondo l’Unicef, 1,7 milioni di bambini soffrono di malnutrizione acuta”; 150mila bambini rischiano di morire di stenti nelle prossime settimane. Il silenzio e l’incuria della comunità internazionale. La minaccia di colpire le navi-cargo del greggio. Ieri l’Arabia saudita ha permesso la riapertura dell’aeroporto di Sana’a e del porto di Hudayda, ma solo per gli aiuti umanitari. Una misura insufficiente.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®