26 Gennaio 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 11/07/2012
HONG KONG - CINA
Il card. Zen e i cattolici di Hong Kong marciano contro le violazioni della libertà religiosa in Cina
di Eugenia Zhang
La protesta si è tenuta davanti all'ufficio del governo centrale di Hong Kong. Richiesto il rilascio di mons. Ma Daqin, vescovo ausiliare di Shanghai e di tutti cattolici cinesi. Ordinato lo scorso 7 luglio, il prelato è rinchiuso da giorni nel seminario di Sheshan per le sue dimissioni dall'Associazione Patriottica. Pechino censura tutti i siti internet con notizie inerenti al caso di mons. Ma.

Hong Kong (AsiaNews) - Il card. Joseph Zen Ze-Kiun, vescovo emerito di Hong Kong, e decine di cattolici locali, protestano contro le violazioni della libertà religiosa in Cina. Essi chiedono il rilascio di mons. Ma Daqin, vescovo ausiliare di Shanghai, costretto a un "riposo forzato" nel seminario di Sheshan (Shanghai). I manifestanti hanno marciato fino alla sede centrale del governo di Hong Kong (China Liaison Office). La protesta è stata organizzata dopo che la Santa Sede ha diffuso un comunicato di condanna nei confronti dell'ordinazione illecita di Harbin e del riposo forzato di mons. Ma.

I rappresentanti della Commissione Giustizia e Pace della diocesi di Hong Kong, criticano la mossa del governo cinese che ha voluto limitare la libertà del vescovo Ma, dopo le sue dimissioni dalla Associazione Patriottica comunicate durante l'ordinazione del 7 luglio scorso. I cattolici di Hong Kong sottolineano che il prelato stava solo esprimendo le sue intenzioni. Essi definiscono "barbaro" il comportamento delle autorità e chiedono la liberazione di tutti i vescovi, sacerdoti e laici detenuti. Secondo i manifestanti, Pechino ha censurato tutti i siti internet che riportavano notizie riguardanti il vescovo Ma, diffuse da diversi giornali cinesi. "Ciò - affermano - è un grave ostacolo alla libertà di stampa e di espressione".

I cattolici di Hong Kong condannano inoltre l'ordinazione illecita di p. Yue Fusheng, tenutasi ad Harbin il 6 luglio scorso. Nei giorni precedenti la Santa Sede si era detta contraria alla cerimonia, ma l'Associazione Patriottica e le autorità locali hanno fatto di tutto per commettere "questo atto tragico" che ha portato grande dolore e tensione all'interno della Chiesa.

"Questi fatti - sottolineano gli organizzatori della protesta - ostacoleranno e il normale sviluppo della Chiesa cattolica in Cina e le relazioni diplomatiche fra Pechino e Santa Sede".

 

 

 

 

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
10/07/2012 VATICANO - CINA
Scomunica per il vescovo illegittimo di Harbin, apprezzamento per mons. Ma Daqin
17/07/2012 HONG KONG - CINA
Il card. Zen e i cattolici di Hong Kong pregano per mons. Daqin e le sofferenze della Chiesa in Cina
di Eugenia Zhang
02/09/2014 CINA - HONG KONG - VATICANO
Il vescovo di Shanghai prega per i nuovi presuli di Hong Kong: Pace per loro e per la Cina
di Victoria Ma
15/10/2010 HONG KONG – CINA
“Grande gioia” per il card. Zen a Shanghai, per la prima volta dopo 6 anni
di Zhen Yuan
10/10/2012 VATICANO - HONG KONG – CINA
Card. Tong: Evangelizzare è una sfida e un'opportunità, e molti si convertono, anche in Cina

In evidenza
IRAQ
I bambini di Mosul e il futuro: il campo profughi "a cinque stelle"
di Bernardo CervelleraNel giardino della parrocchia di Mar Elia accanto alle tende ci sono container che servono da aule per i ragazzi e da biblioteca. Un altro serve da stanza per il ricamo. Un coro di bambini. P. Douglas: "preoccuparsi dei profughi non significa solo pensare al mangiare, al bere, alle medicine, le iniezioni, le vaccinazioni... Le persone rifugiate hanno bisogno di fare qualcosa e di coltivare la speranza".
IRAQ
Via Crucis: i profughi di Mosul oltre l'emergenza
di Bernardo CervelleraSono almeno mezzo milione le persone che si sono rifugiate in Kurdistan per sfuggire all'ISIS. Nello Shlama Mall a Erbil: 350 persone vivono nello scheletro di un edificio in costruzione, con panni stesi e coperte a fare da pareti. L'ordinazione sacerdotale di un giovane, anch'egli profugo dimostra che con la fuga, c'è qualcosa che non è stato distrutto: la fede, le tradizioni, il sacerdozio.
IRAQ-VATICANO
Vescovo di Mosul: Gesù nasce fra i container dei rifugiati. Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul"
di Amel NonaI profughi perseguitati dallo Stato islamico hanno perso tutto: beni, casa, lavoro, scuole, futuro. Ma rimane forte la fede e la missione. Raccolti e inviati quasi 900mila euro. Il messaggio di vicinanza di papa Francesco. La campagna continua secondo la proposta del patriarca di Baghdad: digiuno e sobrietà a Natale e Capodanno, offrendo il corrispettivo per i cristiani di Mosul.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate