11/03/2009, 00.00
HONG KONG - CINA
Invia ad un amico

Il card. Zen lascerà la guida della diocesi di Hong Kong dopo Pasqua

La diocesi passerà sotto la guida di mons. John Tong, vescovo coadiutore. Si annuncia una profonda sintonia nella conduzione della Chiesa e verso la Cina e le autorità di Pechino. L’Associazione patriottica spera in una “rottura”.Il card. Zen continuerà ad interessarsi alla Chiesa in Cina.

Hong Kong (AsiaNews) – Voci non ancora ufficiali dicono che nella settimana dopo Pasqua il card. Joseph Zen lascerà la guida della diocesi di Hong Kong, lasciandola nelle mani del suo coadiutore, mons. John Tong.

Il card. Zen, 77 anni, sarebbe dovuto andare in pensione già due anni fa, ma solo lo scorso dicembre Benedetto XVI ha accolto le sue dimissioni. Il card. Zen ha affermato più volte che il papa gli ha chiesto di continuare a interessarsi della situazione della Chiesa in Cina, per la quale il porporato ha spesso combattuto molte battaglie a difesa della libertà religiosa e contro l’ingerenza dello Stato nelle questioni ecclesiali e nelle nomine dei vescovi. Nel suo ultimo intervento in ordine di tempo, egli aveva chiesto ai vescovi cinesi della Chiesa ufficiale di essere più coraggiosi e seguire di più le indicazioni del papa distaccandosi dall’influenza e dalla retorica dell’Associazione patriottica (Ap).

Oggi, in una breve intervista al South China Morning Post, il presidente dell’Ap, Antonio Liu Bainian, ha dichiarato che egli spera che il successore del card. Zen sia più malleabile e “più patriottico”, mettendo in contrasto l’opera del card. Zen con quella del suo predecessore, card. John Baptist Wu, e del successore, mons. Tong.

Mons. Tong è stato ordinato vescovo ausiliare di Hong Kong insieme all’attuale cardinale, nel 1996 ed ha sempre espresso sostegno al lavoro del card. Zen, definendolo “eccellente”. Nel suo messaggio alla diocesi, in occasione della sua nomina a coadiutore nel gennaio 2008, egli sottolineato la vocazione di Chiesa-ponte che Hong Kong ha verso la Cina popolare. “Attendo con tutto il cuore – diceva – che il governo cinese garantisca la piena libertà religiosa ai cattolici della madrepatria, così che essi possano dare un maggior contributo alla società,  e la nostra patria possa progredire nella sua posizione internazionale”.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
L’articolo del card. Tong sul dialogo Cina-Santa Sede fra gioia e sgomento
09/02/2017 11:50
Card. Tong: Il futuro del dialogo Sino-Vaticano dal punto di vista ecclesiologico
09/02/2017 07:26
Ripensare agli accordi fra Cina e Vaticano (anche con un po' di ironia)
29/08/2016 12:10
Sacerdote cinese: La vita dei fedeli è la stessa con o senza accordi Cina-Santa Sede
16/02/2017 13:06
Sacerdoti cinesi: Cambiare l’essenza dell’Associazione patriottica è una speranza vana
15/02/2017 13:07