27/05/2020, 08.49
IRAN - CINA
Invia ad un amico

Il coronavirus affossa il commercio bilaterale fra Iran e Cina: meno 40%

Gli scambi hanno toccato quota 5,36 miliardi di dollari, in calo rispetto agli 8,76 del 2019. Le importazioni dalla Cina all’Iran segnano un +3%. Crolla il volume di affari inverso, da Teheran a Pechino che segna un meno 61%. Oltre al Covid-19, pesa il calo dei prezzi del greggio che rappresenta l’80% dell’export.

Teheran (AsiaNews/Agenzie) - La pandemia di nuovo coronavirus, che ha determinato chiusure e blocchi alle attività in molte aree del mondo, colpisce anche il commercio bilaterale fra Teheran e il proprio partner privilegiato, la Cina. Secondo i dati diffusi nelle ultime ore, e rilanciati dall’agenzia Tasnim, nel primo quadrimestre del 2020 si è registrato un crollo del 40% nei volumi di affari rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. 

Lo scambio commerciale fra Pechino e Teheran si è attestato attorno ai 5, 36 miliardi di dollari, in sensibile calo rispetto agli 8,76 miliardi di dollari del 2019. 

Secondo un rapporto dell’Amministrazione generale doganale cinese, le importazioni iraniane dalla Cina hanno raggiunto quota 2,92 miliardi nel periodo fra gennaio e aprile, con una crescita del 3% rispetto allo stesso periodo del 2019. 

Tuttavia, le esportazioni verso la Cina hanno subito un crollo verticale con un calo del 61% per un volume complessivo di 2,34 miliardi. 

La principale fonte di importazione cinese dall’Iran è il petrolio; il crollo nei prezzi del greggio e la pandemia di Covid-19 sono i due principali fattori che hanno contribuito al declino nei commerci fra i due Paesi, che restano comunque solidi alleati.

Nel primo trimestre del 2020 la bilancia commerciale ha raggiunto quota 3,94 miliardi, con un calo del 30,4% rispetto allo stesso periodo del 2019. Le esportazioni iraniane verso la Cina si sono fermate a quota 1,81 miliardi, segnando una decrescita su base annua del 52,7%. Al contempo, Pechino ha esportato beni per 2,13 miliardi verso la Repubblica islamica, con un aumento del 15,9% su base annua. 

Cina e Iran vantano una tradizione millenaria di rapporti culturali, politici, economici e commerciali lungo la Via della seta. I primi scambi risalgono al 200 a.C. e proseguono ancora oggi. Circa l’80% delle importazioni dall’Iran alla Cina riguardano il petrolio, il resto è formato da minerali e prodotti chimici.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
La crescita cinese rallenta ancora a maggio. I timori di Wen Jiabao
01/06/2010
Pechino e Obama alla guerra dello yuan
12/11/2009
Gli Usa tolgono il Vietnam dai Paesi "di speciale preoccupazione" nella libertà religiosa
14/11/2006
L'Asia aspetta con preoccupazione l'aumento dei prezzi del greggio
19/01/2005
Cresce la vendita di auto in Cina: quasi del 50% in un mese
09/07/2009