24 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 10/01/2009, 00.00

    MYANMAR

    Il fallimento della comunità internazionale di fronte al dramma del popolo birmano



    Pascal Khoo Thwe, dissidente birmano, traccia il bilancio di un 2008 tragico: Nargis e la dittatura militare hanno ridotto allo stremo la popolazione. La giunta ha lasciato morire in maniera deliberata le persone per confiscarne i terreni. Egli ribadisce che la lotta per la democrazia deve partire dalla gente.

    Yangon (AsiaNews) – Per la maggior parte dei birmani il 2008 verrà ricordato “per l’apocalisse di nome Nargis” che ha devastato il Paese e per “il fallimento delle Nazioni unite e della comunità internazionale” di fronte all’emergenza e al dramma degli sfollati, incapace di scalfire il potere di una dittatura militare che “reprime qualsiasi voce contraria al regime” nel sangue. La denuncia arriva da Pascal Khoo Thwe, attivista birmano di etnia Padaung rifugiato a Londra, in un’editoriale pubblicato sul sito internet del giornale dissidente Democratic Voice of Burma.

    Egli ricorda come lo scorso mese di maggio il mondo fosse “in attesa dell’inizio dei Giochi Olimpici” in Cina e preoccupato di “non turbare la lunga marcia del Dragone”per pensare alla tragedia che colpiva il Myanmar. Ad aggravare la situazione ha contribuito la noncuranza della giunta al potere, che non ha preso in considerazione l’allarme lanciato da un centro meteorologico dell’India, considerando Nargis al pari di una semplice tempesta tropicale.

    “Più persone uccideva la tempesta – scrive Pascal Khoo Thwe – più aumentava la soddisfazione dei generali perché non vi sarebbero stati sopravvissuti a incolparli della tragedia e avrebbero potuto facilmente confiscare i terreni dei morti”. Tra le vittime molte sono di etnia Karen, una minoranza che il governo ha più volte cercato di sradicare con la forza dalla regione.

    Egli non risparmia critiche nemmeno ai governi stranieri, che “invocano, denunciano, condannano e chiedono” ma non fanno nulla di concreto per cambiare la realtà e aiutare il popolo birmano. Al contempo biasima la politica Onu che ha voluto “aspettare e vedere” l’evolversi della situazione, mentre morivano “ogni giorno migliaia di persone”.

    La repressione imposta dai militari si abbatte anche su quanti – pochi, in realtà – hanno promosso iniziative personali per aiutare le popolazioni e le aree sconvolte dal passaggio del ciclone: Pascal Khoo Thwe cita l’esempio del più famoso attore birmano, Zarganar, che è stato “fermato, assaltato, intimidito dagli uomini della giunta” e infine “arrestato e messo in prigione per gli sforzi compiuti”. Egli riferisce anche di un contadino –  l’unico sopravvissuto della sua famiglia – che, alcune settimane dopo la catastrofe, ha apostrofato un volontario di una Ong straniera dicendogli: “”Grazie per la vostra inutilità e per essere arrivati troppo tardi. Continuate ad aiutare la tirannia”. L’agricoltore è “sparito nel nulla senza lasciare alcuna traccia e nessuno, ad oggi, sa cosa gli sia successo”. E anche quei pochi che “per anni si sono battuti con coraggio contro la dittatura come Win Tin”, esponente di primo piano del partito di opposizione Lega nazionale per la democrazia (Nld), sembrano “aver sprecato le loro energie” senza che la comunità internazionale fornisse loro “alcun aiuto concreto” o che smettesse “di sostenere i generali” al potere.

    Per il futuro Pascal Khoo Thwe non sembra cavalcare l’onda di ottimismo che ha accompagnato l’elezione del neo-presidente Usa Barack Obama. Non per una questione di sfiducia, giustificata peraltro da molti suoi predecessori con promesse mai mantenute, ma per una questione di realismo politico. “Troppe sfide – scrive l’attivista – attendono Obama, dall’Afghanistan all’Iraq, il conflitto fra Israele e Palestina e la crisi economica globale. Per questo invito i miei connazionali a non far dipendere le loro speranze da agenti esterni”. Egli invita a “non dipendere da potenze straniere […] e andare oltre una politica basata sull’emotività”. “Dobbiamo smettere di credere alle formule magiche in politica, e ascoltare davvero i problemi della gente”. Altrimenti si ripeteranno stragi, massacri, catastrofi naturali dalla portata ancora più devastante, che potranno essere evitate solo se la gente sarà in grado di affrontare il futuro con “meno nevrosi ed emotività”. “La storia della Birmania – conclude – ci ha mostrato che le buone idee o le buone azioni o il sostegno di forze esterne da sole non bastano per governare o ricostruire una nazione e preservarne l’anima”.  

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    13/03/2009 INDIA – MYANMAR
    Sacerdote indiano: il popolo birmano sacrificato sull’altare degli interessi economici
    Il “silenzio” della comunità internazionale e dell’India, che liquida “i diritti umani” come una “questione interna” e fa affari con la dittatura. Oggi in Myanmar si celebra la giornata per i diritti umani, ma la democrazia resta ancora “un obiettivo di lungo periodo”.

    01/08/2008 MYANMAR
    Rischia due anni di carcere l’attore che aiutava le vittime del ciclone Nargis
    Zarganar è stato incriminato con l’accusa di “turbamento dell’ordine pubblico”, un capo di imputazione che prevede fino a due anni di galera. L’inizio del processo previsto per il prossimo 7 agosto; con il comico alla sbarra anche tre attivisti per i diritti umani.

    03/03/2009 MYANMAR
    Per le vittime del ciclone, la giunta birmana deve rispondere di crimini contro l’umanità
    È la denuncia di una ong che accusa la giunta militare di sfruttamento del lavoro, anche minorile, confisca degli aiuti umanitari ed evizioni forzate. Il rapporto si basa su interviste a volontari e vittime del ciclone Nargis. A Laputta manca acqua potabile ed è alto il rischio di epidemie.

    05/05/2009 MYANMAR
    Arcivescovo di Yangon: la tragedia di Nargis fonte di “speranza” per un nuovo Myanmar
    Il prelato sottolinea il sentimento di “compassione” che “ha unito la popolazione” all’indomani del ciclone. In una preghiera comune cristiani, buddisti, musulmani e indù hanno ricordato le vittime e i supersiti, che ancora oggi patiscono “stenti e privazioni”. La censura del regime blocca i reportage nelle zone del delta dell’Irrawaddy.

    04/07/2008 MYANMAR
    Il dramma dei birmani, segnati dal ciclone e dalla crudeltà del regime
    Bambini e insegnanti traumatizzati, rifugiati allontanati dai centri di accoglienza e privati degli aiuti, giornalisti arrestati: a due mesi dal passaggio di Nargis il Paese è sull’orlo del collasso. Ieri una nave affondata nel delta dell’Yrrawaddy ha causato altri 38 morti.



    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®