26 Ottobre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 27/03/2006
libano
Il futuro di Lahoud e di Hezbollah blocca il dialogo inter-libanese
di Youssef Hourany

Domani il vertice della Lega araba parlerà dei rapporti tra Siria e Libano. Siniora, al termine di una visita in Arabia Saudita, afferma la volontà di andare a Damasco per affrontare le questioni che dividono i due Paesi.



Beirut (AsiaNews) – Il futuro del presidente della Repubblica, il filosiriano Emile Lahoud, che ha provocato il rinvio a lunedì della quarta fase del dialogo inter-libanese, il disarmo di Hezbollah ed i rapporti tra Libano e Siria, alla vigilia del vertice della Lega araba, sono al centro della giornata politica a Beirut. Oggi è stato aperto e subito rinviato, per la seconda volta nell'ultima settimana, il "Dialogo" tra i 14 leader politici libanesi. La questione principale all'ordine del giorno era la presidenza della Repubblica. "Non abbiamo raggiunto un risultato – ha dichiarato il presidente del parlamento, Nabih Berri - e rimarrà all'ordine del giorno della prossima riunione".

Lahoud intanto ha confermato la sua presenza all'annuale vertice della Lega Araba, in programma nella capitale sudanese Khartoum, durante il quale dovrebbe essere discussa anche la questione dei rapporti tra Libano e Siria. Al vertice parteciperà anche il premier libanese Fuad Siniora, che, al termine di una visita di due giorni in Arabia Saudita, ha oggi dichiarato che oggetto del suo incontro con re Abdullah sono stati i rapporti tra il suo Paese e Damasco. "Sulla questione – ha detto ai giornalisti - abbiamo gli stessi punti di vista e gli stessi principi". Siniora ha aggiunto di "avere la volontà e di essere pronto" ad andare in Siria "per costruire buoni rapporti e risolvere i problemi pendenti tra noi". Ma ha sostenuto di voler ben studiare e preparare la visita, prima di annunciarla.

Quanto al futuro di Lahoud, il generale Michel Aoun, candidatosi ala successione e schierato su posizioni vicine all'attuale capo dello Stato, ha sostenuto che sono solo due le strade percorribili per la maggioranza parlamentare: "accettare la Costituzione vigente e quindi la permanenza del presidente Lahoud a capo della Repubblica libanese, con la necessità di cambiare il governo attuale, oppure mettersi d'accordo sul nome del futuro presidente, che dovrebbe essere rappresentativo". Il nuovo presidente, a suo avviso, "dovrebbe possedere un patrimonio popolare, nazionale e umano-etico, che lo renda capace di dirigere il Paese in questo momento critico".

Dal canto suo, il capo delle forze libanesi, Samir Geagea, in una dichiarazione ha espresso "fiducia nel dialogo svolto" ed ha ribadito la necessità di proseguire gli sforzi per costringere il presidente Lahoud a presentare le sue dimissioni. Egli ha detto di temere un risultato "grigio, che significa il prolungamento del periodo della crisi" ed ha rinnovato il suo appello per un sit-in popolare. Sul profilo del nuovo presidente, Geagea si è detto favorevole ad un "presidente di prima classe, uomo politico per eccellenza".

Secondo fonti giornalistiche, ci sarebbe un contrasto sul nome del nuovo presidente tra Geagea ed il suo alleato Saad Hariri, che rifiuta categoricamente l'elezione di un uomo delle Forze libanesi, come Georges Adwan, vice comandante delle stesse Forze, accusato di massacri durante la guerra civile, e tra Geagea e Cornet Chehwan, che vuole uno dei suoi uomini, come il deputato Boutros Harb.

Accanto al problema del futuro di Lahoud, il Dialogo si è bloccato per la ricerca di una soluzione del problema del disarmo dei movimenti armati, in primo luogo il filosiriano Hezbollah, come richiede la risoluzione 1559 del Consiglio di sicurezza, del settembre 2004. Al riguardo l'inviato speciale dell'Onu Terje Roed-Larsen, ieri, al momento di lasciare Beirut ha escluso un possibile uso della forza. "Il nostro obiettivo – ha spiegato - e' integrare Hezbollah nell'esercito libanese".

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
15/03/2006 LIBANO
Un accordo in quattro punti conclude la prima parte del colloquio interlibanese
di Youssef Hourany
22/03/2006 libano
Pieno appoggio di Sfeir a "qualsiasi iniziativa" che porti il Libano fuori dalla crisi
di Youssef Hourani
01/06/2006 libano
Geagea: l'8 giugno cercheremo di risolvere le questioni di Lahoud e Hezbollah
di Youssef Hourany
07/03/2006 libano
Il patriarca Sfeir esorta a riflettere sul futuro della libertà in Libano
di Yousef Hourany
14/03/2006 libano
Dichiarazioni di ottimismo alla ripresa del dialogo inter-libanese
di Youssef Hourani

In evidenza
IRAQ - ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": raccolti e inviati quasi 700mila euro. La campagna continua
di Bernardo CervelleraInviata la seconda tranche di aiuti, raccolti nel mese di settembre. In Medio oriente e in Iraq si gioca il destino dei rapporti fra oriente e occidente. L'appello di papa Francesco e del Sinodo. I governi tiepidi. Gli aiuti giunti da tutto il mondo: una nuova comunità internazionale che sconfigge la "globalizzazione dell'indifferenza".
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.
ITALIA - IRAQ
Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul". Già raccolti oltre 350mila euro
di Bernardo CervelleraInviate al patriarca di Baghdad e ai vescovi del Kurdistan le donazioni ricevute fino al 31 agosto. La campagna serve a nutrire, alloggiare, vestire, consolare oltre 150mila profughi cristiani, yazidi, turkmeni, sciiti e sunniti, fuggiti dalla violenza dell'esercito del Califfato islamico. Una generosa partecipazione dall'Italia e da tutte le parti del mondo. Donazioni anche da chi è povero e senza lavoro. Una speranza per il mondo, per chi soffre e per chi dona.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate