19 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 30/08/2005, 00.00

    CINA

    Il governatore del Guangdong si assume la responsabilità per la morte di 123 minatori



    I minatori erano  intrappolati in galleria dall'inizio di agosto a causa di un allagamento. E' la prima volta che un funzionario del governo riconosce proprie responsabilità per simili disastri.

    Pechino (AsiaNews/Scmp) – Ieri le autorità del Guangdong hanno in via ufficiale abbandonato ogni tentativo per recuperare i corpi dei minatori intrappolati dall'allagamento nella miniera di carbone Daxing a Xingning, contea di Meizhou. Zeng Haiying, portavoce del governo di Meizhou, ha dichiarato che i 123 minatori vanno considerati morti. I 123 minatori erano rimasti intrappolati dall'inizio di agosto per l'improvviso allagamento della miniera.

    Le ricerche sono state fermate per evitare "ulteriori incidenti durante le operazioni di recupero". Durante le operazioni di pompaggio per liberare le gallerie dall'acqua, sono stati scoperti nuovi cedimenti nella miniera. Sono stati recuperati solo 6 corpi.

    Huang Huahua, governatore del Guangdong, si è assunto la responsabilità per il disastro, insieme a Zhang Dejiang, segretario regionale del partito. È la prima volta che un personaggio politica si assume responsabilità di un disastro simile. Secondo indiscrezioni, a Huang sarebbe stato anche chiesto di fare autocritica durante l'incontro presso la prefettura a cui partecipano dirigenti del Partito e sindaci. Gli esperti politici ricordano che un'autocritica costituisce "un atto molto grave", "differente dalla semplice assunzione di responsabilità". Ma un'ammissione interna all'amministrazione potrebbe permettere a Huang di "salvare la faccia".

    Nel 2005 in Cina vi sono stati oltre 2700 morti in incidenti minerari. Sotto accusa è la fame di guadagno degli imprenditori (che tengono in esercizio miniere prive dei requisiti di sicurezza), ma anche la compiacenza di autorità locali poco attente nei controlli. Dopo gli ultimi incidenti di agosto un giro di vite dei governi locali ha portato alla chiusura di decine di miniere.

    Dopo l'abbandono delle ricerche per il recupero dei 123 minatori, Zeng Haiying ha fatto notare che  "la prossima importante questione è determinare il risarcimento per i parenti dei minatori." Anche se non ha indicato cifre, sembra essere stato concordato il pagamento di 200 mila yuan (circa 24.705 dollari Usa) per ogni famiglia.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    06/04/2005 CINA
    Stime ufficiali: salgono del 20% le vittime nelle miniere di carbone

    Ma il governo non è allarmato: occorre combattere corruzione e negligenze.



    21/10/2004 CINA
    Esplosione in una miniera dell'Henan: almeno 56 morti e 92 dispersi


    30/03/2010 CINA
    Shanxi, rischiano di morire di fame e di sete i 153 minatori intrappolati
    Un’inondazione ha bloccato le gallerie: si drena l’acqua cercando di raggiungerli, ma non si hanno notizie da 2 giorni. Rischiano di morire di asfissia o avvelenati da gas velenosi. La miniera è considerata un impianto modello. Il triste primato cinese delle morti in miniera.

    15/03/2005 CINA
    Cina: esplosione in una miniera del nord, 16 morti


    10/03/2005 CINA
    Shanxi: esplosione in miniera, 29 dispersi




    In evidenza

    EGITTO-LIBANO
    Al Cairo, musulmani e cristiani si incontrano per Gerusalemme, ‘la causa delle cause’

    Fady Noun

    Si è tenuta il 16 e 17 gennaio all’istituto sunnita al-Azhar. Hanno preso parte molte personalità del Libano, fra cui il patriarca maronita Bechara Raï. I mondo arabo diviso fra “complice passività” e “discorsi rumorosi ma inefficaci”. Ex-premier libanese: coordinare le azioni per una maggiore efficienza al servizio di una “identità pluralistica di Gerusalemme” e della “libertà religiosa”. Card. Raï: serve preghiera congiunta, la solidarietà interreligiosa islamico-cristiana in tutto il mondo arabo e sostenere i palestinesi.


    CINA
    Yunnan: fino a 13 anni di prigione per i cristiani accusati di appartenere a una setta apocalittica



    Le setta in questione è quella dei Tre gradi del Servizio, un gruppo pseudo-protestante sotterraneo fondato nell’Henan e diffuso soprattutto nelle campagne. I condannati rivendicano di essere solo cristiani e di non sapere nulla della setta. Gli avvocati difensori minacciati della revoca della loro licenza.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®