30 Luglio 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 17/01/2005
ARABIA SAUDITA
Il governo avverte: il terrorismo può colpire durante l’Hajj
Il ministero dell’Interno lancia l’allarme su possibili attentati durante la festa sacra e delinea un piano d’azione: 50 mila uomini in più intorno alla Mecca

Mina (AsiaNews/Agenzie) – Il terrorismo potrebbe colpire durante l’Hajj, l’annuale pellegrinaggio alla Mecca, in corso quest’anno dal 19 al 22 gennaio. L'avviso è del ministero dell’Interno saudita, guidato dal principe Nayef Bin Abdul Aziz Al-Saud.

Il portavoce del ministero, Mansour al-Turki, ha dichiarato :”Abbiamo fatto un buon lavoro per scoraggiare il terrorismo, ma loro hanno comunque la capacità di effettuare attentati. Faremo del nostro meglio per prevenirli”.

Il regno saudita esce da un periodo insanguinato, in cui gli sforzi delle forze dell’ordine non sono riuscite ad evitare attentati all’interno del Paese.

Il governo ha annunciato una mobilitazione straordinaria di 50 mila uomini per tentare di mantenere la situazione stabile. Buona parte degli uomini sarà stanziata a Mina, che dista sei miglia dalla Mecca.

Sono state inoltre ordinate misure di sicurezza straordinarie intorno alla Mecca; verranno predisposti controlli di polizia per parecchie miglia prima di arrivare alla città santa musulmana, con perquisizioni e controllo dei documenti. Inoltre saranno proibite manifestazioni o proteste.

Il ministro Nayef ha richiamato in conferenza stampa anche la responsabilità dei Paesi da cui si attende il maggior numero di pellegrini, e li ha invitati ad assicurarsi che la situazione sia stabile e sotto controllo durante le partenze.

“Il governo intende proteggere l’Hajj e i pellegrini, ma non può riuscirci da solo” ha dichiarato, ed ha specificato che “la sicurezza della festività deve essere oggetto di cooperazione fra i vari Paesi”.

Sono attesi oltre 1,5 milioni di fedeli da 160 nazioni, e un altro mezzo milione si muoverà  dall’interno del regno saudita. Potrebbe partecipare anche un milione di residenti della Mecca.

Parecchie comunità islamiche hanno fatto sapere che l’oggetto delle loro preghiere durante il pellegrinaggio sarà la strage del sud-est asiatico, zona ad altissima densità musulmana.

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
09/12/2008 ARABIA SAUDITA – ISLAM
Mecca, lancio delle pietre contro il diavolo. Nessun incidente di rilievo
04/12/2008 ARABIA SAUDITA – ISLAM
Rischio attentati e problema alloggi per i fedeli diretti alla Mecca
24/01/2005 ARABIA SAUDITA
Conclusi i riti del pellegrinaggio alla Mecca
06/08/2009 IRAN - ARABIA SAUDITA
Teheran proibisce il pellegrinaggio alla Mecca per paura dell’influenza suina
04/01/2006 ARABIA SAUDITA
Aviaria e terrorismo, ombre sul pellegrinaggio alla Mecca

In evidenza
ISRAELE-IRAN
Dopo l’accordo sul nucleare, Israele dovrebbe diventare il miglior alleato dell’Iran
di Uri AvneryE’ la tesi del grande statista e pacifista Uri Avnery, leader del gruppo Gush Shalom, sostenitore della pace fra israeliani e palestinesi. Secondo Avnery, l’Iran desidera solo essere una potenza regionale e del mondo islamico, capace di commerciare con tutti, grazie alla sua raffinata e millenaria esperienza. Di fronte, rivolti al passato, vi sono le monarchie e gli emirati del Golfo. L’Iran può essere un ottimo alleato contro Daesh. Gli abbagli di Netanyahu e dei politici e media israeliani. (Traduzione dall’inglese di AsiaNews).
ASIA
Il Pime in Cina: uomini nuovi in strutture nuove
di Piero GheddoLa missione in Cina è possibile: deve puntare più alla formazione che alle strutture. L’esempio dei martiri antichi e nuovi. Una sintesi commentata della lettera che il Superiore generale del Pime ha mandato ai suoi confratelli, dopo un viaggio in Cina.
EUROPA - ISLAM
Imam di Nîmes: Lo Stato islamico uccide i cristiani, e rischia di eliminare anche l’islam dall’Europa
di Hocine Drouiche*L’islam politico sta diventando un “islam delinquente” che valorizza la menzogna, l’odio, l’inimicizia. I nemici sono i “cristiani” e tutto l’occidente. Ma l’islam ha avuto epoche in cui dialogo, ragione, incontro, assimilazione erano tenuti in grande stima. L’islam guerriero che tanto affascina molti giovani, è frutto di miti e manipolazioni e spinge all’islamofobia. E’ tempo di far nascere e crescere un islam europeo, garante della libertà di coscienza e capace di convivere con cristiani ed ebrei. Risolvere col dialogo il problema palestinese.

Dossier


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate