25 Ottobre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 17/01/2005
ARABIA SAUDITA
Il governo avverte: il terrorismo può colpire durante l’Hajj
Il ministero dell’Interno lancia l’allarme su possibili attentati durante la festa sacra e delinea un piano d’azione: 50 mila uomini in più intorno alla Mecca

Mina (AsiaNews/Agenzie) – Il terrorismo potrebbe colpire durante l’Hajj, l’annuale pellegrinaggio alla Mecca, in corso quest’anno dal 19 al 22 gennaio. L'avviso è del ministero dell’Interno saudita, guidato dal principe Nayef Bin Abdul Aziz Al-Saud.

Il portavoce del ministero, Mansour al-Turki, ha dichiarato :”Abbiamo fatto un buon lavoro per scoraggiare il terrorismo, ma loro hanno comunque la capacità di effettuare attentati. Faremo del nostro meglio per prevenirli”.

Il regno saudita esce da un periodo insanguinato, in cui gli sforzi delle forze dell’ordine non sono riuscite ad evitare attentati all’interno del Paese.

Il governo ha annunciato una mobilitazione straordinaria di 50 mila uomini per tentare di mantenere la situazione stabile. Buona parte degli uomini sarà stanziata a Mina, che dista sei miglia dalla Mecca.

Sono state inoltre ordinate misure di sicurezza straordinarie intorno alla Mecca; verranno predisposti controlli di polizia per parecchie miglia prima di arrivare alla città santa musulmana, con perquisizioni e controllo dei documenti. Inoltre saranno proibite manifestazioni o proteste.

Il ministro Nayef ha richiamato in conferenza stampa anche la responsabilità dei Paesi da cui si attende il maggior numero di pellegrini, e li ha invitati ad assicurarsi che la situazione sia stabile e sotto controllo durante le partenze.

“Il governo intende proteggere l’Hajj e i pellegrini, ma non può riuscirci da solo” ha dichiarato, ed ha specificato che “la sicurezza della festività deve essere oggetto di cooperazione fra i vari Paesi”.

Sono attesi oltre 1,5 milioni di fedeli da 160 nazioni, e un altro mezzo milione si muoverà  dall’interno del regno saudita. Potrebbe partecipare anche un milione di residenti della Mecca.

Parecchie comunità islamiche hanno fatto sapere che l’oggetto delle loro preghiere durante il pellegrinaggio sarà la strage del sud-est asiatico, zona ad altissima densità musulmana.

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
09/12/2008 ARABIA SAUDITA – ISLAM
Mecca, lancio delle pietre contro il diavolo. Nessun incidente di rilievo
04/12/2008 ARABIA SAUDITA – ISLAM
Rischio attentati e problema alloggi per i fedeli diretti alla Mecca
24/01/2005 ARABIA SAUDITA
Conclusi i riti del pellegrinaggio alla Mecca
06/08/2009 IRAN - ARABIA SAUDITA
Teheran proibisce il pellegrinaggio alla Mecca per paura dell’influenza suina
04/01/2006 ARABIA SAUDITA
Aviaria e terrorismo, ombre sul pellegrinaggio alla Mecca

In evidenza
IRAQ - ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": raccolti e inviati quasi 700mila euro. La campagna continua
di Bernardo CervelleraInviata la seconda tranche di aiuti, raccolti nel mese di settembre. In Medio oriente e in Iraq si gioca il destino dei rapporti fra oriente e occidente. L'appello di papa Francesco e del Sinodo. I governi tiepidi. Gli aiuti giunti da tutto il mondo: una nuova comunità internazionale che sconfigge la "globalizzazione dell'indifferenza".
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.
ITALIA - IRAQ
Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul". Già raccolti oltre 350mila euro
di Bernardo CervelleraInviate al patriarca di Baghdad e ai vescovi del Kurdistan le donazioni ricevute fino al 31 agosto. La campagna serve a nutrire, alloggiare, vestire, consolare oltre 150mila profughi cristiani, yazidi, turkmeni, sciiti e sunniti, fuggiti dalla violenza dell'esercito del Califfato islamico. Una generosa partecipazione dall'Italia e da tutte le parti del mondo. Donazioni anche da chi è povero e senza lavoro. Una speranza per il mondo, per chi soffre e per chi dona.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate