19/12/2009, 00.00
CAMBOGIA – CINA

Il governo cambogiano espelle 20 rifugiati uiguri cinesi

Phnom Penh li considera immigrati irregolari e ne ha disposto il rimpatrio in Cina. Il gruppo, fuggito nel luglio scorso dallo Xinjiang, cercava asilo politico all’ufficio Onu della capitale. Attivisti per i diritti umani lanciano l’allarme: se tornano in Cina verranno torturati e uccisi.
Phnom Penh (AsiaNews/Agenzie) – Il governo cambogiano ha disposto l’espulsione di 20 cinesi di etnia uiguri, fuggiti nel luglio scorso dallo Xinjiang durante la repressione contro la minoranza musulmana. Essi avrebbero varcato “illegalmente” i confini e saranno rimpatriati. La decisione si inchina alle pressioni della Cina, che aveva bollato i rifugiati come “criminali”.
 
Nelle scorse settimane il gruppo era entrato clandestinamente in Cambogia, chiedendo asilo politico all’ufficio delle Nazioni Unite di Phnom Penh. Il governo, in applicazione alle leggi sull’immigrazione, ne ha ordinato l’espulsione. “Sono privi di passaporto e permessi – spiega Koy Kuong, portavoce del Ministero degli esteri – per questo li consideriamo clandestini”. Egli aggiunge di non sapere “dove andranno”, ma la “destinazione finale sarà la Cina, luogo dal quale provengono”.
 
Attivisti per i diritti umani temono per la vita dei 20 rifugiati, se essi torneranno in Cina. Amy Reger, ricercatrice alla Uighur American Association di Washington, spiega che “molto probabilmente verranno torturati, e forse condannati a morte”. L’attivista ricorda il caso di Shaheer Ali, fuggito in Nepal nel 2000 e considerato un rifugiato politico dall’Onu. Rimpatriato in Cina nel 2002, egli è stato giustiziato un anno più tardi.
 
Il 5 luglio del 2009 alcune manifestazioni pacifiche di protesta di uiguri a Urumqi, nate dalla decisione presa da Pechino di chiudere con la forza il bazar musulmano, sono degenerate in scontri etnici fra la popolazione musulmana e i cinesi han. Nel corso degli scontri sono morte 200 persone, e altre 1.600 hanno riportato ferite di vario tipo. Polizia ed esercito hanno represso le tensioni facendo migliaia di arresti.
 
Pechino ha già comminato 12 sentenze di condanna a morte contro i presunti autori della rivolta. Gli uiguri accusano gli han di averli colonizzati, avendo occupato tutte le leve nel commercio e nell’amministrazione pubblica. Questi impediscono alla popolazione di godere dei diritti civili e della libertà religiosa, anche in nome della lotta al terrorismo islamico.
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Per Natale, 5 condanne a morte di uiguri per le proteste di luglio nello Xinjiang
29/12/2009
Condanna a morte per un cinese Han, all'origine degli scontri nello Xinjiang
10/10/2009
Xinjiang, a processo altri 14 uiguri, dopo 6 condanne a morte
14/10/2009
Altri sei condannati a morte per gli scontri nello Xinjiang
15/10/2009
Xinjiang, disposta la raccolta del Dna in nome della ‘stabilità nazionale’
18/05/2017 15:43