28 Febbraio 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 12/07/2012
COREA DEL SUD
Il governo di Seoul dà ragione alla Chiesa: "Aumentiamo la nostra natalità o spariremo"
di Joseph Yun Li-sun
Un rapporto dell'Istituto coreano per la Salute e gli affari sociali lancia l'allarme: "Se non arriviamo a un tasso di natalità pari all'1,8 %, siamo destinati a perdere tutto". Sotto accusa il governo, che non sostiene le famiglie e non incentiva la procreazione. Una vittoria per i cattolici, che da sempre combattono contro questi mali.

Seoul (AsiaNews) - Dopo circa due decenni, il governo sudcoreano riconosce che al Paese serve in maniera urgente una nuova politica a favore delle nascite. Se non aumenta il tasso di natalità, uno dei più bassi al mondo, la Corea rischia infatti di perdere il proprio status di potenza internazionale. È quanto afferma, schierandosi al fianco della Chiesa cattolica, l'Istituto coreano per la salute e gli affari sociali.

In un documento pubblicato ieri in occasione della Giornata mondiale delle popolazioni, l'Istituto sottolinea: "Abbiamo bisogno di portare il tasso di natalità almeno all'1,8% entro il prossimo decennio, per mantenere la popolazione intorno ai 50 milioni. Soltanto così saremo in grado di mantenere il nostro potere sociale, economico e militare. In caso contrario, siamo costretti a sparire".

Al momento il tasso di natalità coreano si attesta sull'1,05 %, uno dei più bassi al mondo. Consapevole del rischio insito in questi dati, la Chiesa cattolica è da sempre impegnata in diversi programmi a sostegno della famiglia e della procreazione. Nel Paese i temi legati alla genetica e alla clonazione sono molto sentiti, dato che è qui che sono avvenuti i primi esperimenti legati alla riproduzione di cellule umane.

Secondo l'Istituto, il problema è che "troppe persone evitano il matrimonio e l'idea di fare figli. Il governo deve mettere in atto un nuovo sistema che fornisca assistenza sanitaria e assicurazioni a coloro che decidono di mettere su famiglia. Serve inoltre un cambiamento della mentalità comune, forse il fattore più preoccupante".

In Corea del Sud, infatti, la crescita economica e l'affermazione professionale sono divenute il fulcro della vita di quasi tutti gli abitanti. Anche se in leggero aumento rispetto al 2003, l'anno in cui nel Paese quasi non nacquero bambini, i congedi di maternità lo scorso anno sono stati circa 58mila. Questo perché, conclude il rapporto, "pensiamo che sia un male. Invece è un bene".

 

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
19/04/2012 COREA DEL SUD
Corea, presentato il vademecum del cattolico ecologista
di Joseph Yun Li-sun
27/07/2011 COREA
La Caritas di Seoul invia tonnellate di farina al Nord: “Sono allo stremo”
di Joseph Yun Li-sun
09/11/2010 COREA
Riconciliazione e aiuti alimentari ai coreani del Nord
di Matteo Choi Seok Kyoon
17/04/2012 COREA DEL SUD
Religioni coreane: Basta con il nucleare, ci distruggerà
di Theresa Kim Hwa-young
17/02/2011 COREA DEL SUD
Aumentano le donazioni d’organi, sulle orme del cardinal Kim
di Joseph Yun Li-sun

In evidenza
EGITTO - ISLAM
Le parole di al-Tayeb e di al-Sisi un grande passo per una rivoluzione dell'islam
di Samir Khalil SamirIl grande imam di Al-Azhar ha denunciato le interpretazioni basate sulla lettera del Corano e della sunna, brandite dai fondamentalisti e dai terroristi islamici; sostiene l'urgenza di una riforma dell'insegnamento dell'islam fra i laici e gli imam; domanda la fine della scomunica (takfir) reciproca fra sunniti e sciiti. E il presidente egiziano al-Sisi ha deciso di combattere lo Stato islamico dopo la decapitazione di 21 cristiani copti, che egli ha definito "cittadini egiziani" a parte intera.
ARABIA SAUDITA - ISLAM
Imam di Al-Azhar: Per fermare l'estremismo islamico occorre una riforma dell'insegnamento religiosoPer Ahmed al-Tayeb è urgente stilare un nuovo curriculum di studi per evitare una "cattiva interpretazione" del Corano e della sunna. Il terrorismo islamico mette in crisi l'unità del mondo musulmano. Il "nuovo colonialismo globale alleato al sionismo mondiale". Il discorso del re saudita.
HONG KONG - CINA - VATICANO
Card. Zen: Sembra che qualcuno voglia farci tacere
di Card. Joseph Zen Ze-kiunIl diffuso ottimismo sul miglioramento del dialogo fra Santa Sede e Cina sembra non avere fondamento. Alcune "tendenziose" interviste a vescovi cinesi, frenati nella libertà di parlare. Le questioni fondamentali sono sempre aperte: chi nomina i vescovi; cosa fare dell'Associazione patriottica. La guida della Lettera di Benedetto XVI ai cattolici cinesi, citata anche da papa Francesco. Un non accordo è meglio di un cattivo accordo. Cosa è successo a mons. Cosma Shi Enxiang? E a mons. Giacomo Su Zhimin? Un'animata riflessione del vescovo emerito di Hong Kong, campione della libertà religiosa in Cina.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate