31 Agosto 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato

invia ad un amico visualizza per la stampa


» 12/07/2012
COREA DEL SUD
Il governo di Seoul dà ragione alla Chiesa: "Aumentiamo la nostra natalità o spariremo"
di Joseph Yun Li-sun
Un rapporto dell'Istituto coreano per la Salute e gli affari sociali lancia l'allarme: "Se non arriviamo a un tasso di natalità pari all'1,8 %, siamo destinati a perdere tutto". Sotto accusa il governo, che non sostiene le famiglie e non incentiva la procreazione. Una vittoria per i cattolici, che da sempre combattono contro questi mali.

Seoul (AsiaNews) - Dopo circa due decenni, il governo sudcoreano riconosce che al Paese serve in maniera urgente una nuova politica a favore delle nascite. Se non aumenta il tasso di natalità, uno dei più bassi al mondo, la Corea rischia infatti di perdere il proprio status di potenza internazionale. È quanto afferma, schierandosi al fianco della Chiesa cattolica, l'Istituto coreano per la salute e gli affari sociali.

In un documento pubblicato ieri in occasione della Giornata mondiale delle popolazioni, l'Istituto sottolinea: "Abbiamo bisogno di portare il tasso di natalità almeno all'1,8% entro il prossimo decennio, per mantenere la popolazione intorno ai 50 milioni. Soltanto così saremo in grado di mantenere il nostro potere sociale, economico e militare. In caso contrario, siamo costretti a sparire".

Al momento il tasso di natalità coreano si attesta sull'1,05 %, uno dei più bassi al mondo. Consapevole del rischio insito in questi dati, la Chiesa cattolica è da sempre impegnata in diversi programmi a sostegno della famiglia e della procreazione. Nel Paese i temi legati alla genetica e alla clonazione sono molto sentiti, dato che è qui che sono avvenuti i primi esperimenti legati alla riproduzione di cellule umane.

Secondo l'Istituto, il problema è che "troppe persone evitano il matrimonio e l'idea di fare figli. Il governo deve mettere in atto un nuovo sistema che fornisca assistenza sanitaria e assicurazioni a coloro che decidono di mettere su famiglia. Serve inoltre un cambiamento della mentalità comune, forse il fattore più preoccupante".

In Corea del Sud, infatti, la crescita economica e l'affermazione professionale sono divenute il fulcro della vita di quasi tutti gli abitanti. Anche se in leggero aumento rispetto al 2003, l'anno in cui nel Paese quasi non nacquero bambini, i congedi di maternità lo scorso anno sono stati circa 58mila. Questo perché, conclude il rapporto, "pensiamo che sia un male. Invece è un bene".

 

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
19/04/2012 COREA DEL SUD
Corea, presentato il vademecum del cattolico ecologista
di Joseph Yun Li-sun
27/07/2011 COREA
La Caritas di Seoul invia tonnellate di farina al Nord: “Sono allo stremo”
di Joseph Yun Li-sun
09/11/2010 COREA
Riconciliazione e aiuti alimentari ai coreani del Nord
di Matteo Choi Seok Kyoon
17/04/2012 COREA DEL SUD
Religioni coreane: Basta con il nucleare, ci distruggerà
di Theresa Kim Hwa-young
17/02/2011 COREA DEL SUD
Aumentano le donazioni d’organi, sulle orme del cardinal Kim
di Joseph Yun Li-sun

In evidenza
LIBANO
La Dichiarazione di Beirut: i musulmani in difesa della libertà dei cristianiLibertà di fede, di educazione e di opinione difese citando il Corano. Esse sono alla base dello Stato di diritto, che non deve essere uno Stato religioso. L’organo di riferimento dei sunniti del Libano condanna senza appello la violenza in nome di Dio. Il testo integrale del messaggio.
LIBANO
Dalle Makassed islamiche una lotta dottrinale contro l’estremismo musulmano
di Fady NounL’organismo di riferimento ufficiale dei sunniti del Libano ha approvato un documento intitolato “Dichiarazione di Beirut sulla libertà religiosa”. Ci si chiede se Dar el-Fatwa riuscirà a riprendere progressivamente il controllo dell’insegnamento religioso musulmano nelle moschee del Paese.
HONG KONG - CINA
Card. Zen: Rimuovere le croci nel Zhejiang è insultare la fede dei cattoliciIl vescovo emerito di Hong Kong valuta che la campagna di distruzione delle croci e degli edifici religiosi sia ormai una direttiva a livello nazionale e una “regressione” della politica religiosa della Cina. Cattolici e protestanti di Hong Kong: Potrebbe succedere anche da noi. Entro il primo settembre saranno distrutti altri 15 edifici sacri “illegali” nel Zhejiang.

Dossier

Terra Santa Banner


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate