3 Settembre 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato

invia ad un amico visualizza per la stampa


» 23/02/2012
KAZAKISTAN
Il governo kazako mette fuorilegge 579 fra chiese, comunità e confessioni religiose
Esse hanno meno di 50 membri e non rientrano nelle nuove leggi sulla libertà religiosa in vigore dallo scorso 21 ottobre. Le comunità avranno tempo fino al 25 ottobre 2012 per raggiungere i requisiti. In questo periodo sarà comunque vietata qualsiasi forma di riunione pubblica.

Astana (AsiaNews/F18) - Le nuove leggi sulla libertà religiosa fanno sparire 579 fra chiese protestanti, sette islamiche, gruppi e comunità di fede con meno di 50 persone registrate. Secondo il Kairat Lama Sharif, responsabile per gli affari religiosi, dal 21 ottobre, data di entrata in vigore del provvedimento il numero delle realtà religiose è sceso del 13%. Molte chiese protestanti fra cui i cristiani battisti e gli avventisti del settimo giorno saranno costretti a celebrare le proprie funzioni in abitazioni private e sotto lo stretto controllo delle autorità. In questi giorni il governo Kazako ha inviato una lettera a tutte le comunità invitandole ad adeguarsi alle nuove normative oppure fermare subito le propria attività. Le autorità hanno concesso un anno per raggiungere il limite di fedeli necessario per la registrazione. Tuttavia in questo periodo nessuna realtà con un numero di fedeli inferiore a 50 individui potrà celebrare funzioni pubbliche anche se in regola con le leggi precedenti.  

Vyacheslav Melnik, pastore della Grace Church di Shakhan nel distretto di Shakhtinsk (regione di Karaganda), afferma che la polizia lo ha convocato nei suoi uffici per leggergli ad alta voce il comunicato del governo. "La nostra comunità - racconta - è terrorizzata. Tuti i fedeli hanno paura a pregare insieme o riunirsi anche solo per parlare".

Diversi leader hanno protestato contro il trattamento che viola il diritto alla libertà religiosa. Nonostante gli appelli e le varie consultazioni richieste dalle minoranze, il governo è stato inflessibile e ha giustificato il provvedimento come un atto necessario per difendere il Paese dal terrorismo religioso. Per questa ragione chi rifiuta di registrarsi o celebra funzioni pubbliche senza requisiti sarà punito. La prima vittima di questo nuovo sistema è Aleksei Asetov, leader del Consiglio delle Chiese battiste di Ekibastuz, è stato condannato a pagare una multa di 2.486 euro, pari a 18 mesi di stipendio, per non aver registrato la sua congregazione. L'uomo fa il calzolaio ed è padre di 10 figli. In caso di mancato pagamento rischia alcuni mesi di carcere e la confisca dei beni.  

In vigore dallo scorso 21 ottobre e volute dal presidente Nursultan Nazarbayev, le leggi sono nate per combattere l'estremismo islamico. Esse influenzano però tutti i gruppi religiosi del Paese e mirano a nazionalizzare le fedi considerate tradizionali o con un grande seguito, seguendo il modello di controllo utilizzato dal governo cinese. Per sopravvivere a livello nazionale ed evitare sanzioni, le realtà non autoctone devono dimostrare di avere almeno 5mila membri. Le leggi vietano qualsiasi forma di espressione religiosa nei luoghi pubblici e proibiscono alle donne musulmane di indossare il velo. In principio solo la Chiesa ortodossa russa e la comunità islamica kazaka, considerate parte della tradizione, erano escluse da queste restrizioni, ma la recente scoperta sul territorio di gruppi estremisti e gli attentati del 31 ottobre ad Atyrau nell'Ovest del Paese hanno spinto il governo a stringere la morsa anche su di esse. 

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
18/10/2011 KAZAKISTAN
Le nuove leggi sulla libertà religiosa mettono a rischio la Chiesa cattolica kazaka
27/12/2012 KAZAKISTAN
Natale ad Astana, a messa con ortodossi e musulmani
di Nina Achmatova
07/07/2011 KAZAKISTAN
Astana, preghiere per i malati: senza autorizzazione si rischia multa o prigione
27/11/2008 KAZAKISTAN
Il parlamento kazako approva grandi restrizioni alla libertà religiosa
28/10/2006 KAZAKISTAN
Kazakistan, modifiche alle leggi sulla libertà religiosa

In evidenza
INDIA
Card. Toppo: Imparare dai tribali dell’India ad avere cura della terra e dei suoi abitanti
di Nirmala CarvalhoL’arcivescovo di Ranchi parla ad AsiaNews in occasione della Giornata mondiale di preghiera per la cura del creato (1 settembre). Nel Paese “più di un milione di tribali è cattolico, e nella nostra cultura noi rispettiamo la natura e ne celebriamo i doni”. Oggi “per essere veri testimoni di Cristo dobbiamo rispondere alla crisi ecologica attraverso una profonda conversione spirituale”.
VATICANO-IRAQ
P. Samir di Amadiya: Il Papa è la voce dei profughi irakeni
di Bernardo CervelleraIl sacerdote caldeo ha incontrato papa Francesco chiedendogli di tenere alta l’attenzione del mondo sui profughi cristiani di Mosul e della Piana di Ninive. Nella sua diocesi vivono 3500 famiglie cristiane e quasi mezzo milione di yazidi fuggiti davanti alle violenze dello Stato islamico. L’Isis non è tutto l’islam e vi sono musulmani che vogliono un Iraq della convivenza. I cristiani potrebbero emigrare, ma rimangono nella loro terra. I progetti di aiuto ai rifugiati: la scuola per i bambini, lavoro per gli adulti, una casa per ogni famiglia. L’appello di AsiaNews.
LIBANO
La Dichiarazione di Beirut: i musulmani in difesa della libertà dei cristianiLibertà di fede, di educazione e di opinione difese citando il Corano. Esse sono alla base dello Stato di diritto, che non deve essere uno Stato religioso. L’organo di riferimento dei sunniti del Libano condanna senza appello la violenza in nome di Dio. Il testo integrale del messaggio.

Dossier

Terra Santa Banner


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate