19 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 25/09/2008, 00.00

    NEPAL

    Il governo maoista chiude tutti i locali notturni

    Kalpit Parajuli

    Vietato tenere aperto dopo le ore 23. Il ministro per l’Interno dice che occorre sgominare la criminalità, soprattutto notturna. Ma imprese e lavoratori del settore protestano e proclamano uno sciopero.

    Kathmandu (AsiaNews) – Il ministro dell’Interno del nuovo governo ha disposto la chiusura di tutti i locali notturni entro le ore 23. Ora sono in crisi centinaia di nightclub, discoteche, bar e ristoranti notturni e casinò e oltre 8mila lavoratori rischiano il posto.

    Bamdev Gautam, ministro dell’Interno del primo governo della Repubblica federale democratica del Nepal, spiega che “abbiamo riscontrato molte attività criminali durante la notte, per questo abbiamo preso questa iniziativa” per diminuire le attività notturne e poter meglio individuare i criminali.

    E’ d’accordo la polizia. Sarvendra Khanal, capo della polizia di Kathmandu, dice che “questo ha fortemente ridotto le attività criminali e ha dato una forte scossa a chi vuole farla diventare un centro di traffici illegali internazionali attraverso commerci notturni”.

    Ma Samir Gurung, presidente dell’Organizzazione degli operatori economici della vita notturna, ribatte che “il problema dovrebbe essere discusso, non approviamo questo improvviso ordine coatto. Questo ha colpito l’economia del Paese e soprattutto centinaia di imprenditori e lavoratori notturni e turisti esteri. Cosa penserà il mondo del nuovo governo guidato dai maoisti, quando l’intera Kathmandu sarà morta prima delle ore 23?”.

    Ieri imprenditori e lavoratori notturni hanno proclamato uno sciopero di protesta.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    22/07/2010 NEPAL
    Le tensioni fra i partiti lasciano il Nepal senza governo
    I membri del parlamento non sono riusciti a eleggere un nuovo primo ministro, dopo le dimissioni del Premier Kumar Nepal. I leader dei partiti minori, in protesta con le coalizioni più forti, hanno votato in massa scheda bianca. La nuova votazione è prevista per il prossimo 23 luglio, ma è alto il rischio di un nuovo fallimento.

    01/05/2013 NEPAL
    Primo Maggio a Kathmandu: I partiti politici distruggono il lavoro
    Conflitti politici, manifestazioni e scioperi costringono fabbriche a chiudere lasciando la gente disoccupata. Alcuni non possono provvedere né cibo, né scuola per i figli. Una critica al governo maoista.

    05/09/2011 NEPAL
    Gli ex guerriglieri maoisti frenano il disarmo. Governo in crisi
    Almeno 21 i campi di addestramento pieni di armi ancora in mano agli ex guerriglieri. Consegnate le chiavi di soli 7 depositi nei campi controllati dall’ Onu. A rischio la stabilità del Paese. Per placare gli animi il governo nomina un ex combattente ministro delle Finanze.

    28/07/2011 NEPAL
    Governo ricattato dai maoisti, il premier pensa alle dimissioni
    Il partito maoista vuole sostituire l’interno gabinetto, pena l’uscita dal governo. L’opposizione insorge e spinge il Primo ministro a dimettersi a soli cinque mesi dalla sua elezione. Dubbi sul futuro del Paese, dal 2009 in preda allo stallo politico ed economico.

    10/01/2011 NEPAL - ONU
    Diatriba tra governo e Onu. Naufraga il processo di pace in Nepal
    Per i delegati Onu, non esiste nessuna forza politica in grado di portare avanti il processo di pace. Nulli gli sforzi di questi anni per il reintegro dei guerriglieri maoisti nell’esercito e la firma di una nuova costituzione. Kathmandu risponde alle accuse e rifiuta una eventuale proroga della missione di pace, che scade il 14 gennaio. Si temono rivolte dei maoisti.



    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®