25 Maggio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 23/01/2007, 00.00

    CINA

    Il governo vuole rallentare la crescita dell’economia



    La Banca centrale annuncia l’obiettivo di una crescita di “solo” l’8% nel 2007, dopo quattro anni di crescita superiore al 10%. Pechino ha paura che possa espandersi l’inflazione. Prevista “maggiore flessibilità” per lo yuan, ma senza dire se ci sarà la rivalutazione molto chiesta dagli Stati Uniti.

    Pechino (AsiaNews/Agenzie) – Nel 2007 la Cina avrà una crescita economica dell’8%, inferiore al 10,5% del 2006, e un’inflazione contenuta nel 3%. Lo prevede la Banca del popolo di Cina. La banca centrale ha fatto l’annuncio ieri, al termine delle annuale conferenza sulla politica monetaria per l’anno in corso. Il governo vuole rallentare la crescita economica, dopo quattro anni consecutivi di robusta espansione, sempre superiore al 10%. Pechino teme un aumento dell’inflazione e già dal marzo 2006 ha introdotto misure per rallentare la crescita e diminuire la circolazione del denaro, quali un minore e più attento utilizzo del prestito bancario specie per i mutui immobiliari e per alcuni progetti industriali.

    E’ anche prevista una “maggiore flessibilità” del tasso di cambio dello yuan, ma la Banca non ha detto se sia prevista un’altra rivalutazione, come chiede Washington per un allineamento della moneta al suo valore reale rispetto al dollaro, cosa che consentirebbe una diminuzione del grave disavanzo commerciale degli Stati Uniti verso la Cina e una minore competitività delle merci cinesi. Pechino ha svalutato lo yuan nel luglio 2005 portando il cambio a 8,28 yuan/dollaro. Ha poi consentito una progressiva limitata svalutazione, che ha portato il cambio al di sotto di 7,80 yuan/dollaro.

    La bilancia commerciale favorevole e il continuo aumento di investimenti diretti esteri hanno consentito alla Cina di avere riserve di valuta estera stimate pari a 1.066 miliardi di dollari Usa alla fine del 2006. Il surplus commerciale è cresciuto del 74% nel 2006 giungendo al record di 177,47 miliardi di dollari, con un aumento del 27,2% nelle esportazioni.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    18/02/2011 CINA
    Aumentano gli investimenti esteri in Cina, si temono ricadute sull’inflazione
    A gennaio gli investimenti esteri sono aumentati del 23,4% rispetto al gennaio 2010. Il 2010 è stato un anno record per l’arrivo dei capitali esteri. Ma grandi somme perseguono finalità speculative, come il settore immobiliare. Esperti: per frenare l’inflazione, Pechino dovrà infine apprezzare lo yuan.

    17/06/2008 CINA - STATI UNITI
    Inizia il quarto Dialogo strategico economico tra Washington e Pechino
    Si attendono risultati concreti in materia di accesso ai rispettivi mercati e commercio, ma si discuterà pure di energia e valuta. Intanto conclusi accordi per 13,6 miliardi tra ditte dei due Stati. La “discreta” insistenza di Pechino per far venire Bush alle Olimpiad. Yuan record sul dollaro.

    07/12/2010 CINA - STATI UNITI
    Si profila sempre più un braccio di ferro valutario Cina-Stati Uniti
    Secondo esperti, la forte liquidità monetaria voluta dagli Stati Uniti causa effetti inflattivi sulla moneta cinese, cosa che può costringere Pechino a riapprezzarla. La Cina tiene lo yuan sottostimato, per favorire le proprie esportazioni.

    12/07/2008 CINA
    Nel Guangdong si vogliono introdurre aumenti “programmati” dei salari
    Si teme che l’inflazione impoverisca le famiglie a basso reddito. Ma le fabbriche lamentano che già hanno costi alti. Intanto diminuiscono le esportazioni, ma aumentano gli investimenti esteri diretti. Esperti: c’è alto rischio di manovre speculative.

    10/04/2008 CINA - STATI UNITI
    Si rivaluta lo yuan: 7 per un dollaro
    E’ la prima volta da quando nel 2005 è stato tolto il cambio fisso. Esperti: Pechino ha interesse a una rapida rivalutazione dello yuan anche per combattere l’inflazione interna, ma ancora non intende liberalizzare né la valuta né il proprio mercato.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    La persecuzione dei cattolici durante la Rivoluzione culturale

    Sergio Ticozzi

    La documentazione di quel violento periodo è stata bruciata o è sepolta negli archivi. Solo alcuni sopravvissuti ne parlano. I persecutori tacciono nella paura. I roghi degli oggetti religiosi e arredi nell’Hebei. Vescovi umiliati e arrestati nell’Henan; suore battute e uccise con bastoni, o sepolte vive. La persecuzione “non è ancora finita”; oggi è forse solo più sottile.


    CINA
    Il silenzio sui 50 anni della Rivoluzione Culturale in Cina e in occidente

    Bernardo Cervellera

    La sanguinosa campagna lanciata da Mao Zedong ha ucciso quasi 2 milioni di persone e mandato nei lager altri 4 milioni. Ogni cinese è stato segnato dalla paura. Ma oggi, nessuna cerimonia in memoria è stata prevista e non è apparso nessun articolo di giornale. Le lotte interne del Partito e il timore di Xi Jinping di finire come l’Urss. Anche oggi, come allora, in Europa c’è chi tace e osanna il mito della Cina. Molti predicono un ritorno al “grande caos”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®