5 Luglio 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 23/01/2007
CINA
Il governo vuole rallentare la crescita dell’economia
La Banca centrale annuncia l’obiettivo di una crescita di “solo” l’8% nel 2007, dopo quattro anni di crescita superiore al 10%. Pechino ha paura che possa espandersi l’inflazione. Prevista “maggiore flessibilità” per lo yuan, ma senza dire se ci sarà la rivalutazione molto chiesta dagli Stati Uniti.

Pechino (AsiaNews/Agenzie) – Nel 2007 la Cina avrà una crescita economica dell’8%, inferiore al 10,5% del 2006, e un’inflazione contenuta nel 3%. Lo prevede la Banca del popolo di Cina. La banca centrale ha fatto l’annuncio ieri, al termine delle annuale conferenza sulla politica monetaria per l’anno in corso. Il governo vuole rallentare la crescita economica, dopo quattro anni consecutivi di robusta espansione, sempre superiore al 10%. Pechino teme un aumento dell’inflazione e già dal marzo 2006 ha introdotto misure per rallentare la crescita e diminuire la circolazione del denaro, quali un minore e più attento utilizzo del prestito bancario specie per i mutui immobiliari e per alcuni progetti industriali.

E’ anche prevista una “maggiore flessibilità” del tasso di cambio dello yuan, ma la Banca non ha detto se sia prevista un’altra rivalutazione, come chiede Washington per un allineamento della moneta al suo valore reale rispetto al dollaro, cosa che consentirebbe una diminuzione del grave disavanzo commerciale degli Stati Uniti verso la Cina e una minore competitività delle merci cinesi. Pechino ha svalutato lo yuan nel luglio 2005 portando il cambio a 8,28 yuan/dollaro. Ha poi consentito una progressiva limitata svalutazione, che ha portato il cambio al di sotto di 7,80 yuan/dollaro.

La bilancia commerciale favorevole e il continuo aumento di investimenti diretti esteri hanno consentito alla Cina di avere riserve di valuta estera stimate pari a 1.066 miliardi di dollari Usa alla fine del 2006. Il surplus commerciale è cresciuto del 74% nel 2006 giungendo al record di 177,47 miliardi di dollari, con un aumento del 27,2% nelle esportazioni.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
17/06/2008 CINA - STATI UNITI
Inizia il quarto Dialogo strategico economico tra Washington e Pechino
18/02/2011 CINA
Aumentano gli investimenti esteri in Cina, si temono ricadute sull’inflazione
07/12/2010 CINA - STATI UNITI
Si profila sempre più un braccio di ferro valutario Cina-Stati Uniti
12/07/2008 CINA
Nel Guangdong si vogliono introdurre aumenti “programmati” dei salari
10/04/2008 CINA - STATI UNITI
Si rivaluta lo yuan: 7 per un dollaro

In evidenza
ISLAM – M.ORIENTE
Al Azhar e il Vaticano sul terrorismo. Le ambiguità della comunità internazionale
di Bernardo CervelleraL’autorevole università sunnita denuncia le violenze “odiose” dello Stato islamico e domanda al mondo di sconfiggere questo gruppo “attraverso ogni modo possibile”. Vaticano: il terrorismo è una minaccia per l’umanità intera. La Francia dice di combattere il terrorismo, ma poi vende armi, aerei, elicotteri da guerra all’Arabia saudita, che sostiene il fondamentalismo islamico. Il Kuwait lascia vivere i salafiti che appoggiano al Nusra e lo Stato islamico. La Turchia contro i kurdi; gli Stati Uniti contro Iran, Russia e Cina.
TUNISIA - ISLAM
Tunisi, fermare il terrorismo chiudendo le moschee fondamentalistePer il presidente Essebsi, la sfida del terrore può essere affrontata solo con una strategia unitaria e globale. L’attentato a Sousse quasi in contemporanea con quelli in Francia, in Kuwait, in Somalia. Le rivendicazioni dello Stato islamico.
VATICANO – ITALIA
Torino, Papa ai giovani: Siate casti nell’amore e andate controcorrente. Non andate in pensione a 20 anni!L’ultimo incontro della prima giornata di Francesco a Torino è con i giovani, riuniti a piazza Vittorio. Francesco risponde a braccio a tre domande sull’amore, l’amicizia e la sfiducia nei confronti della vita: “Vi capisco, quanti sono ipocriti e parlano di pace vendendo armi. Come si può avere fiducia? Seguendo Cristo, il cui gesto di amore estremo, cioè la Croce, ha salvato l’umanità”. Una disamina degli orrori del Novecento come prova di sfiducia nei confronti delle potenze mondiali. E il ripetuto invito ai ragazzi: “Non andate in pensione a 20 anni, vivete e non vivacchiate!”. Il testo completo della risposta del papa (a cura di AsiaNews).

Dossier


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate