18 Aprile 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 23/01/2007 12:22
CINA
Il governo vuole rallentare la crescita dell’economia
La Banca centrale annuncia l’obiettivo di una crescita di “solo” l’8% nel 2007, dopo quattro anni di crescita superiore al 10%. Pechino ha paura che possa espandersi l’inflazione. Prevista “maggiore flessibilità” per lo yuan, ma senza dire se ci sarà la rivalutazione molto chiesta dagli Stati Uniti.

Pechino (AsiaNews/Agenzie) – Nel 2007 la Cina avrà una crescita economica dell’8%, inferiore al 10,5% del 2006, e un’inflazione contenuta nel 3%. Lo prevede la Banca del popolo di Cina. La banca centrale ha fatto l’annuncio ieri, al termine delle annuale conferenza sulla politica monetaria per l’anno in corso. Il governo vuole rallentare la crescita economica, dopo quattro anni consecutivi di robusta espansione, sempre superiore al 10%. Pechino teme un aumento dell’inflazione e già dal marzo 2006 ha introdotto misure per rallentare la crescita e diminuire la circolazione del denaro, quali un minore e più attento utilizzo del prestito bancario specie per i mutui immobiliari e per alcuni progetti industriali.

E’ anche prevista una “maggiore flessibilità” del tasso di cambio dello yuan, ma la Banca non ha detto se sia prevista un’altra rivalutazione, come chiede Washington per un allineamento della moneta al suo valore reale rispetto al dollaro, cosa che consentirebbe una diminuzione del grave disavanzo commerciale degli Stati Uniti verso la Cina e una minore competitività delle merci cinesi. Pechino ha svalutato lo yuan nel luglio 2005 portando il cambio a 8,28 yuan/dollaro. Ha poi consentito una progressiva limitata svalutazione, che ha portato il cambio al di sotto di 7,80 yuan/dollaro.

La bilancia commerciale favorevole e il continuo aumento di investimenti diretti esteri hanno consentito alla Cina di avere riserve di valuta estera stimate pari a 1.066 miliardi di dollari Usa alla fine del 2006. Il surplus commerciale è cresciuto del 74% nel 2006 giungendo al record di 177,47 miliardi di dollari, con un aumento del 27,2% nelle esportazioni.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
17/06/2008 CINA - STATI UNITI
Inizia il quarto Dialogo strategico economico tra Washington e Pechino
18/02/2011 CINA
Aumentano gli investimenti esteri in Cina, si temono ricadute sull’inflazione
07/12/2010 CINA - STATI UNITI
Si profila sempre più un braccio di ferro valutario Cina-Stati Uniti
12/07/2008 CINA
Nel Guangdong si vogliono introdurre aumenti “programmati” dei salari
10/04/2008 CINA - STATI UNITI
Si rivaluta lo yuan: 7 per un dollaro

In evidenza
SIRIA
Gesuita siriano: Mi manchi, p. Frans. Hai ispirato tutti noi
di Tony Homsy*Un giovane sacerdote della Compagnia ricorda la vita e l'operato di p.Frans van der Lugt, ucciso a Homs dopo aver rifiutato di abbandonare la popolazione piagata da fame e guerra: "Ha dato e continua a dare tutto per la Chiesa, per la Siria, per la pace. La sua testimonianza e le sue doti ne hanno fatto un missionario e un testimone del Vangelo eccezionale". Per gentile concessione del "thejesuitpost" (traduzione a cura di AsiaNews).
FRANCIA - IRAQ
Patriarca caldeo: il futuro fosco dei cristiani d'Oriente, ricchezza in via di estinzione per Occidente e Islam
di Mar Louis Raphael I SakoLe guerre in Iraq, Libia e Afghanistan hanno peggiorato la condizione dei popoli, in particolare le minoranze. Le politiche fallimentari promosse dall'Occidente. Cresce il fondamentalismo, la Primavera araba svuotata dagli estremismi. Il ruolo delle autorità musulmane nella tutela di diritti e libertà religiosa. La presenza dei cristiani in Medio oriente è fondamentale per i musulmani.
CINA-EU
Xi Jinping torna dall'Europa sazio di contratti e di silenzi
di Bernardo CervelleraIl presidente cinese ha firmato accordi per decine di miliardi di euro con Francia, Germania, Olanda, Belgio. Ma non ha mai voluto incontrare i giornalisti per una conferenza stampa. Al Collegio dell’Europa a Bruges, egli sogna una Via della Seta per un volume di commercio pari a 1000 miliardi. Ma mette in chiaro che in Cina il monopolio del potere rimane al Partito. Fine del sogno delle riforme politiche per la Cina. Ma gli internauti non sono d’accordo con lui.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate