27 Aprile 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 14/03/2017, 12.35

    IRAN - ISRAELE

    Il ministro degli esteri iraniano corregge Netanyahu sulle Scritture: “Falsifica la Torah”



    Aveva usato la festa di Purim per sottolineare la minaccia di Teheran, ma nel libro di Ester il Re persiano salva gli ebrei. La correzione del Ministro degli esteri iraniano e la risposta su twitter di Netanyahu: “Chi volete prendere in giro?”

    Teheran (AsiaNews/Agenzie) – Portando ad esempio la festa di Purim per dimostrare che i persiani mirano alla distruzione del popolo ebraico, Netanyahu ha scatenato una dura reazione da parte del governo di Teheran. Su twitter, il Premier israeliano ha ingaggiato un acceso botta e risposta con il ministro degli esteri Javad Zarif, che lo accusa di falsificare la storia.

    La contesa si è accesa quando, sabato 11 marzo, Netanyahu ha condiviso su twitter un video tratto da una lettura cerimoniale nella sinagoga di Caesarea, nel distretto di Haifa. Nel video, raccontando a dei bambini la storia legata alla festa di Purim, il Primo ministro afferma che “in Persia volevano ucciderci ma non ci sono riusciti – per poi continuare – anche ora i persiani stanno cercando di distruggerci, ma falliranno di nuovo.”

    Il giorno successivo è arrivata la dura reazione dei politici iraniani. In una sessione aperta del parlamento, Il portavoce Ali Larijani ha incolpato Netanyahu di “non conoscere la storia” e di non “aver letto la Torah”.

    Dello stesso tono la replica su twitter del ministro degli esteri Javed Zarif: “Per svendere bugie faziose contro un Paese che ha salvato gli ebrei tre volte, Netanyahu si affida a una storia fasulla e a falsificare la Torah. Forza dell’abitudine”. Secondo le scritture, lo corregge Zarif, il re persiano Serse I salvò gli ebrei. Nel libro di Ester, gli ebrei condannati a morte dal consigliere Amàn vengono salvati per ordine del sovrano, conosciuto nelle scritture come Assuero. Inoltre, il Ministro ricorda del salvataggio degli ebrei da parte di Ciro il Grande – un Re persiano – e che, durante la seconda guerra mondiale, l’Iran aveva accolto “con gioia” ebrei in fuga dallo sterminio in Europa.

    Il contrattacco di Netanyahu è arrivato ieri sera, sempre su twitter: “Il Ministro degli esteri parla di tolleranza mentre il regime impicca omosessuali, arresta giornalisti e invoca la distruzione di Israele. Chi vogliono prendere in giro?”

    Il dibattito sulla storia di Purim non è nuovo: Netanyahu se ne era servito nel 2012, donando una copia del libro di Ester all’allora presidente Obama, e nel 2015, in un appello al Congresso degli Stati Uniti. Già allora Zarif aveva corretto la posizione del Premier. Netanyahu ha utilizzato la metafora durante l’incontro della settimana scorsa con Vladimir Putin. Il presidente russo ha liquidato la questione affermando che ora “viviamo in un mondo diverso”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    23/07/2015 ISRAELE-IRAN
    Dopo l’accordo sul nucleare, Israele dovrebbe diventare il miglior alleato dell’Iran
    E’ la tesi del grande statista e pacifista Uri Avnery, leader del gruppo Gush Shalom, sostenitore della pace fra israeliani e palestinesi. Secondo Avnery, l’Iran desidera solo essere una potenza regionale e del mondo islamico, capace di commerciare con tutti, grazie alla sua raffinata e millenaria esperienza. Di fronte, rivolti al passato, vi sono le monarchie e gli emirati del Golfo. L’Iran può essere un ottimo alleato contro Daesh. Gli abbagli di Netanyahu e dei politici e media israeliani. (Traduzione dall’inglese di AsiaNews).

    03/03/2015 ISRAELE-USA-IRAN
    Netanyahu preoccupato più delle elezioni in casa, che del nucleare iraniano
    Il premier israeliano vuole fermare il "cattivo accordo" con l'Iran che potrebbe "minacciare la sopravvivenza di Israele". Obama: Le buie previsioni di Netanyahu non si sono mai avverate. In patria si pensa che Netanyahu abbia escogitato questo suo viaggio negli Usa per aumentare le possibiità di rielezione. Per la gente comune, si parla troppo di Iran e non si dice nulla sui problemi della casa, del lavoro, della pace coi palestinesi.

    18/02/2014 IRAN-USA-ISRAELE
    Khamenei, Usa e Netanyahu pessimisti verso i negoziati sul nucleare iraniano
    I dialoghi a Vienna tendono ad un accordo a lungo termine sul controllo internazionale del programma nucleare iraniano, in cambio della fine delle sanzioni. L'influenza positiva di Hassan Rouhani. Khamenei: "Non porteranno a nulla". Amministrazione Usa: "processo complicato, difficile, lungo". Netanyahu: Ci guadagna solo Teheran, che occorrerebbe punire per il suo "comportamento aggressivo". La delegazione Usa pronta ad aprire nuove tensioni e nuove sanzioni.

    02/10/2013 ISRAELE - IRAN - USA
    Netanyahu all’Onu: “Con l’Iran, Israele andrà avanti anche da solo”
    Il Primo ministro israeliano invita al pugno di ferro contro Teheran: “Vorrei credere a Rouhani, ma non posso”. Dubbi del Senato Usa sull’applicazione di nuove sanzioni: “Ci stiamo domandano se sia giusto o meno in vista dell’incontro di Ginevra”.

    22/08/2012 IRAN – ISRAELE
    Teheran presenta il nuovo missile balistico a corto raggio Fateh-110
    È la versione potenziata di un precedente vettore terra-terra, con migliori capacità di lancio e longevità. Per il presidente Ahmadinejad è un “deterrente” e un’arma di “difesa” contro attacchi provenienti dall’estero. Nuove voci di un possibile raid militare israeliano nelle prossime settimane.



    In evidenza

    VATICANO-EGITTO
    Papa Francesco in videomessaggio: Caro popolo d’Egitto…

    Papa Francesco

    In occasione della sua visita al Paese (28-29 aprile), oggi papa Francesco ha trasmesso un videomessaggio al popolo egiziano. “Il nostro mondo, dilaniato dalla violenza cieca – che ha colpito anche il cuore della vostra cara terra – ha bisogno di pace, di amore e di misericordia; ha bisogno di operatori di pace”.


    ISLAM
    Le radici dell’islamismo violento sono nell’islam, parola di musulmano

    Kamel Abderrahmani

    Dopo ogni attentato terrorista si tende a dire: “Questo non è l’islam”. Eppure quegli atti criminali sono giustificati e ispirati dai testi che sono il riferimento dei musulmani e delle istituzioni islamiche nel mondo. È urgente una riforma dell’islam dall’interno, da parte degli stessi musulmani. La convivenza con le altre religioni è la strada per togliere l’islam dalla sclerosi e dalla stagnazione.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®