3 Agosto 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 03/08/2012
EGITTO
Il nuovo governo egiziano non ha nessun membro della Rivoluzione dei Gelsomini
Il nuovo esecutivo guidato dal Premier Hisham Qandil ha prestato giuramento ieri pomeriggio. Fra i ministri due donne, di cui una cristiana. Ma sotto Mubarak erano almeno due. Esclusi i leader della Rivoluzione araba e i salafiti. Portavoce della Chiesa egiziana sottolinea la durata limitata del nuovo esecutivo (6 mesi) e critica la nomina di un solo cristiano copto. L'apparente pluralismo mossa dei Fratelli musulmani per tranquillizzare l'opinione pubblica e preparare una nuova ascesa alla prossime elezioni parlamentari.

Il Cairo (AsiaNews) - "Nel governo nominato dal neo-Primo ministro Hisham Qandil, vi è un solo cristiano, nessun membro della Rivoluzione dei gelsomini, troppi uomini dell'ex regime. L'esecutivo avrà una durata di soli sei mesi e questo suscita molte domande sul futuro dell'Egitto guidato dagli islamisti". È quanto afferma ad AsiaNews p. Rafic Greiche, portavoce della Chiesa, sulla recente scelta dei membri del nuovo gabinetto di governo, il secondo nominato dopo la caduta di Mubarak e il primo dell'era Morsi. Secondo il sacerdote il nuovo esecutivo mostra più ombre che luci. Gli aspetti positivi sono la nomina di due donne, la giovane età dei suoi componenti (45 - 55 anni) e la presenza di pochi esponenti dei Fratelli musulmani e nessun salafita. I dubbi sono invece molti.

Il nuovo governo egiziano guidato da Hisham Qandil ha giurato ieri pomeriggio davanti al presidente Mohammed Morsi. In totale sono 31 i ministri nominati dal Premier e approvati dalla presidenza. Quattro, fra cui il Ministro dell'aviazione civile, saranno scelti da Morsi nei prossimi giorni. Il gabinetto di governo include due donne Nadia Zakhary e Nagwa Khalil. La prima è una biologa cristiana copta proveniente dalla staff dell'ex Premier Ganzhouri e servirà come  ministro della ricerca scientifica. La seconda è il giudice incaricato di investigare sulle violenze compiute dall'esercito durante le rivolte di piazza Tahrir e ricoprirà la carica di Ministro per la previdenza e le politiche sociali. 

P. Greiche nota che questa è la prima volta che vi è un solo cristiano all'interno di un esecutivo. "Fin dai tempi del presidente Nasser - afferma - i ministri cristiani erano almeno due. In alcuni casi si è giunti anche a tre".

Poco dopo la sua nomina a premier, Qandil aveva promesso un governo che fosse rappresentativo di tutte le componenti della società egiziana, cristiani compresi. Secondo il sacerdote la nomina della Zakhary potrebbe essere un modo per tranquillizzare l'opinione pubblica.

Per evitare critiche e speculazione il premier ha scelto soprattutto tecnici, lasciando però fuori i leader politici dei partiti nati dalla Rivoluzione dei Gelsomini. "I Fratelli Musulmani, non hanno mai creduto nella Rivoluzione dei Gelsomini - spiega il sacerdote - l'esclusione dei giovani leader politici protagonisti delle manifestazioni è un segno delle false dichiarazioni degli islamisti, che hanno cavalcato l'onda delle proteste solo per guadagnare voti e salire al potere. Agli esponenti dei partiti laici hanno preferito i vecchi membri del regime".

Qandil ha confermato alcune figure chiave del passato regime di Mubarak, fra esse il gen. Hussein Tantawi, attuale capo del Consiglio superiore dei militari che mantiene la carica di ministro della Difesa. Sette ministri provengono invece dal precedente governo di transizione nominato dallo Scaf. Fra essi vi sono Mumtaz al-Said, che servirà come ministro delle Finanze, e Mohammed Kamal Amr, che resta il ministro degli Esteri. L'ex primo ministro Kamal Ganzouri è stato nominato consigliere presidenziale.

La scelta di tecnocrati non schierati ha limitato però il ruolo degli islamisti e la totale esclusione dei salafiti.  Infatti, solo quattro ministeri saranno retti da membri di Giustizia e Libertà (Fratelli Musulmani), partito del presidente e vincitore delle elezioni parlamentari di novembre annullate in giugno. Dopo le polemiche sulla nomina di un solo ministro del loro schieramento, i membri di al-Nour, partito dei salafiti, hanno abbandonato il governo. Tale comportamento suscita diverse domande sul legame fra Fratelli Musulmani e i loro "ex alleati".

Secondo p. Greiche i salafiti potrebbero essere inclusi nel nuovo governo che sarà eletto in febbraio, dopo le elezioni parlamentari. La mossa di escluderli pare un modo per evitare di terrorizzare la popolazione egiziana e soprattutto la comunità internazionale. Vi è però un'altra considerazione. Il sacerdote spiega che i salafiti professano un islam dogmaticamente diverso da quello dei Fratelli Musulmani. La loro esclusione è un segno di tale differenza, che in futuro potrebbe emergere con forza. "In Egitto - afferma - tutti sono consapevoli che la loro alleanza alle elezioni del 2011 era solo una soluzione per raccogliere voti".      

Il portavoce della Chiesa cattolica egiziana si chiede quali saranno le mosse del nuovo governo: "In questi sei mesi verificheremo se il nuovo esecutivo ha un reale intento di cambiare il  Paese. Che scelte faranno i nuovi ministri? Saranno espressione del pluralismo sbandierato da Morsi o del volere dei Fratelli musulmani?".  (S.C.)  

 

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
18/06/2012 EGITTO
Mentre gli islamisti vantano la vittoria alle presidenziali l'esercito si riprende il potere
19/09/2011 EGITTO
Esercito e Fratelli musulmani pericolosi protagonisti del voto del 21 novembre
22/06/2011 EGITTO
Dubbi sul nuovo volto “moderato” del grande imam di Al-Azhar
09/09/2011 EGITTO
Egitto, partiti laici in piazza per dare una sterzata alla rivoluzione dei gelsomini
29/07/2011 EGITTO
Decine di migliaia in piazza Tahrir chiedono un'identità araba e islamica per il Paese

In evidenza
CINA
Wenzhou, anche la Chiesa non ufficiale contro le demolizioni. La diocesi in digiuno
di Joseph YuanDopo la marcia del 90enne vescovo ufficiale mons. Vincent Zhu Weifang, il coadiutore mons. Peter Shao Zhumin e tutto il clero non ufficiale pubblicano una lettera aperta in cui chiedono di fermare la campagna di demolizione delle croci. Un appello ai cattolici “della Cina e del mondo intero” affinché si uniscano alla protesta, a sostegno della Chiesa cinese. Persino un vescovo illecito manifesta solidarietà con il clero del Zhejiang, contro gli atti del governo.
CINA
Wenzhou: Vescovo 90enne e 26 preti manifestano contro la demolizione delle croci
di Joseph YuanNon è la prima volta che l'anziano vescovo e i suoi sacerdoti si esprimono contro la campagna di demolizione di croci e chiese, che ha colpito oltre 400 edifici. La polizia ha cercato di disperderli e il gruppo ha presentato una petizione. La coroncina della Divina Misericordia a sostegno della Chiesa cinese. Entro il 31 agosto verranno abbattute le croci delle chiese nella zona di Lishui.
ISRAELE-IRAN
Dopo l’accordo sul nucleare, Israele dovrebbe diventare il miglior alleato dell’Iran
di Uri AvneryE’ la tesi del grande statista e pacifista Uri Avnery, leader del gruppo Gush Shalom, sostenitore della pace fra israeliani e palestinesi. Secondo Avnery, l’Iran desidera solo essere una potenza regionale e del mondo islamico, capace di commerciare con tutti, grazie alla sua raffinata e millenaria esperienza. Di fronte, rivolti al passato, vi sono le monarchie e gli emirati del Golfo. L’Iran può essere un ottimo alleato contro Daesh. Gli abbagli di Netanyahu e dei politici e media israeliani. (Traduzione dall’inglese di AsiaNews).

Dossier


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate