24 Febbraio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan


  • » 18/06/2012, 00.00

    CINA

    Il nuovo leader di Chongqing ammette: “Bo Xilai ha fatto danni seri”



    Zhang Deijiang, successore di Bo alla guida del Partito locale, attacca: “Seri danni di immagine al Partito e alla nazione a causa di questo scandalo. Ora dobbiamo ritornare all’uguaglianza di tutti davanti alla legge e allo sviluppo armonioso”.

    Chongqing (AsiaNews) - Bo Xilai e la sua gestione del potere "hanno creato seri danni all'immagine del Partito comunista e della nazione. Chongqing deve ripartire ammettendo quello che è successo, un danno per tutta la leadership". È quanto ha dichiarato Zhang Dejiang, successore di Bo alla guida del Partito di Chongqing, che ha comunque accusato "eccessiva attenzione" per il caso.

    Bo Xilai, ex capo della zona di Chongqing e membro del Politburo, è stato espulso all'inizio di aprile dal Partito comunista cinese e messo sotto inchiesta; sua moglie invece è sospettata ufficialmente di aver ucciso il cittadino britannico Neil Heywood, morto a Chongqing nel novembre scorso. Gli scandali economici, criminali e politici che ne hanno accompagnato la caduta sono stati paragonati alla "Tiananmen del Partito".

    Zhang, parlando al Congresso del Partito municipale, ha dichiarato che la città "si è sviluppata molto bene, ma ha subito le nuvole provocate dallo scandalo Bo. Abbiamo comunque molte altre cose da fare, prima di poterci ritenere soddisfatti. Soprattutto va affermata l'uguaglianza di tutti davanti alla legge, senza permettere a singoli o gruppi di porsi al di sopra degli altri".

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    23/11/2012 CINA
    Non solo corruzione: il Pcc sempre più coinvolto in scandali sessuali
    Dopo i casi eclatanti di Bo Xilai e del figlio di Ling Jihua, un nuovo scandalo sessuale colpisce il Partito. Un alto funzionario di Chongqing rimosso per aver avuto una “relazione sessuale impropria” con una ragazza. Lui ha negato le accuse ma ha lasciato il posto. Per ora inutili gli appelli della leaderhsip centrale per una “nuova pulizia morale” del Pcc.

    25/07/2013 CINA
    In agosto il processo a Bo Xilai, accusato di corruzione, ma soprattutto di sfidare Pechino
    Xinhua afferma: "Ha minacciato il potere centrale". Bo è accusato di aver incamerato oltre 20 milioni di yuan. Silenzio sulle sue responsabilità nel coprire l'assassinio del britannico Heywood, avvelenato dalla moglie di Bo, Gu Kailai. Il processo dovrebbe svolgersi a metà agosto a Jinan (Shandong). Ma i giudici sono "scomparsi" e gli avvocati difensori non hanno il permesso di incontrare il loro cliente.

    28/09/2012 CINA
    Bo Xilai è la quintessenza del Partito comunista cinese
    L'ex segretario di Chongqing è stato espulso oggi dal Partito, dopo un travaglio durato più di nove mesi. Con il suo allontanamento, il Partito lo addita come una "deviazione" dai suoi ideali. Ma in realtà corruzione, violenza, disprezzo per i diritti della persona, manipolazione delle masse fanno parte dell'essenza del Partito comunista cinese. Il problema è la dittatura del Partito che non viene mai messa in discussione. Senza eliminare il monopolio del potere, ci saranno sempre nuovi Bo Xilai. Una riflessione del grande statista Bao Tong.

    27/07/2012 CINA
    La moglie di Bo Xilai rischia la pena di morte (o forse solo qualche anno di prigione)
    I giornali riportano la notizia dell'incriminazione senza alcun commento. I blog popolari sono oscurati. Il giornale vicino al Quotidiano del popolo esalta la "giustizia uguale per tutti", ma è molto probabile che Gu Kailai sfugga alla pena di morte.

    18/09/2012 CINA
    In segreto e poi in pubblico si apre il processo contro Wang Lijun
    Ieri vi è stata una sessione segreta. Oggi si apre la sessione pubblica, ma proibita ai giornalisti. Wang è accusato di corruzione e di uso della legge a scopi egoistici, ma soprattutto di esser fuggito per cercare rifugio nel consolato Usa di Chengdu. La sua fuga ha portato alla caduta di Bo Xilai e alla condanna a morte della moglie Gu Kailai, e alla rivelazione della corruzione presente nel Partito.



    In evidenza

    LIBANO
    Trump, Marine Le Pen e il Medio oriente: il Libano contro muri e divisioni

    Fady Noun

    L’inizio della presidenza Trump ha segnato la “babelizzazione” della società americana. Ciascun Paese riversa il suo odio contro un nemico esterno. La crisi globale attuale ha radici religiose. Al cuore del caos vi è la minaccia jihadista. Laterza guerra mondiale non si vince con i droni, ma usando moderazione e promuovendo l’incontro e il confronto. 

     


    EGITTO – ISLAM
    Al Azhar sotto l’influenza dell’islamismo di Daesh

    Kamel Abderrahmani

    Le istituzioni religiose ufficiali e le università cosiddette islamiche sono la causa dell’immobilità del mondo musulmano. I programmi insegnati ad Al Azhar e la letteratura usata sono gli stessi che sono applicati sul terreno da tutti i terroristi armati. Nessun paragone possibile fra Al Azhar e il Vaticano. Il Vaticano ha ospitato musulmani irakeni e siriani che fuggivano la guerra. Al Azhar non ha fatto nulla per cristiani e Yazidi. La persecuzione verso Mohamed Nasr Abdellah, desideroso di modernizzare l’islam. Il commento di uno studente musulmano.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®