29 Aprile 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 01/06/2012, 00.00

    VATICANO - ITALIA

    Il papa saluta Milano, "crocevia di popoli e culture"

    Bernardo Cervellera

    Benedetto XVI viene in visita pastorale alla città che ospita l'Incontro mondiale delle famiglie. Il papa tratteggia il carattere della città fatto di "laicità positiva" e di forte impronta cattolica, di efficienza e di generosità; chiede attenzione ai poveri e ai terremotati, spinge all'imitazione dei suoi santi: Ambrogio, Carlo Borromeo, Pio XI, Paolo VI, Gianna Beretta Molla. L'affidamento alla "Madonnina". In serata il pontefice sarà ospite del Teatro alla Scala.

    Milano (AsiaNews) - "Sono molto lieto di essere oggi in mezzo a voi e ringrazio Dio, che mi offre l'opportunità di visitare la vostra illustre Città. Il mio primo incontro con i Milanesi avviene in questa Piazza del Duomo, cuore di Milano, dove sorge l'imponente monumento simbolo della Città. Con la sua selva di guglie esso invita a guardare in alto, a Dio. Proprio tale slancio verso il cielo ha sempre caratterizzato Milano e le ha permesso nel tempo di rispondere con frutto alla sua vocazione: essere un crocevia - Mediolanum - di popoli e di culture". Con uno sguardo al suo Duomo e uno al milione e più di fedeli da tutto il mondo,  radunati in piazza, è iniziata la visita pastorale di Benedetto XVI alla città-motore dell'economia in Italia, che in questi giorni ospita l'Incontro mondiale delle Famiglie.

    Il papa è arrivato all'aeroporto di Linate, vicino alla città, verso le 17.15 ed è stato salutato dal card. Angelo Scola, arcivescovo di Milano; il card. Ennio Antonelli, presidente del Pontificio consiglio per la famiglia; il card. Dionigi Tettamanzi. Presenti anche il presidente della Regione Lombardia, Roberto Formigoni; il sindaco di Milano, Giuliano Pisapia; il ministro Andrea Riccardi, in rappresentanza del governo italiano. Era dal 1983 che un papa non veniva a Milano.

    Nel suo saluto alla popolazione, Benedetto XVI tratteggia il carattere della città fatto di "laicità positiva" e di forte impronta cattolica, di efficienza e di generosità. "Un pensiero affettuoso - ha detto - indirizzo a quanti hanno bisogno di aiuto e di conforto, e sono afflitti da varie preoccupazioni: alle persone sole o in difficoltà, ai disoccupati, agli ammalati, ai carcerati, a quanti sono privi di una casa o dell'indispensabile per vivere una vita dignitosa. Non manchi a nessuno di questi nostri fratelli e sorelle l'interessamento solidale e costante della collettività. A tale proposito, mi compiaccio di quanto la Diocesi di Milano ha fatto e continua a fare per andare incontro concretamente alle necessità delle famiglie più colpite dalla crisi economico-finanziaria, e per essersi attivata subito, assieme all'intera Chiesa e società civile in Italia, per soccorrere le popolazioni terremotate dell'Emilia Romagna, che sono nel nostro cuore e nella nostra preghiera e per le quali invito, ancora una volta, ad una generosa solidarietà".

    Il papa ricorda pure "il profondo senso ecclesiale e il sincero affetto di comunione con il Successore di Pietro", che "fanno parte della ricchezza e dell'identità della vostra Chiesa lungo tutto il suo cammino", manifestatisi "in modo luminoso nelle figure dei grandi Pastori che l'hanno guidata". E cita san Carlo Borromeo; il card. Andrea Carlo Ferrari, "apostolo della catechesi e degli oratori"; il beato Alfredo Ildefonso Schuster; Achille Ratti, arcivescovo della città, divenuto Pio XI; Giovani Battista Montini, poi Paolo VI.

    E proprio pensando alle famiglie, il papa cita santa Gianna Beretta Molla, "sposa e madre, donna impegnata nell'ambito ecclesiale e civile, che fece splendere la bellezza e la gioia della fede, della speranza e della carità".

    "Cari amici - ha aggiunto -  la vostra storia è ricchissima di cultura e di fede. Tale ricchezza ha innervato l'arte, la musica, la letteratura, la cultura, l'industria, la politica, lo sport, le iniziative di solidarietà di Milano e dell'intera Arcidiocesi. Spetta ora a voi, eredi di un glorioso passato e di un patrimonio spirituale di inestimabile valore, impegnarvi per trasmettere alle future generazioni la fiaccola di una così luminosa tradizione. Voi ben sapete quanto sia urgente immettere nell'attuale contesto culturale il lievito evangelico. La fede in Gesù Cristo, morto e risorto per noi, vivente in mezzo a noi, deve animare tutto il tessuto della vita, personale e comunitaria, privata e pubblica, così da consentire uno stabile e autentico "ben essere", a partire dalla famiglia, che va riscoperta quale patrimonio principale dell'umanità, coefficiente e segno di una vera e stabile cultura in favore dell'uomo. La singolare identità di Milano non la deve isolare né separare, chiudendola in se stessa. Al contrario, conservando la linfa delle sue radici e i tratti caratteristici della sua storia, essa è chiamata a guardare al futuro con speranza, coltivando un legame intimo e propulsivo con la vita di tutta l'Italia e dell'Europa. Nella chiara distinzione dei ruoli e delle finalità, la Milano positivamente "laica" e la Milano della fede sono chiamate a concorrere al bene comune".

    Benedetto XVI ha concluso con l'affidamento della città "alla protezione della Vergine Maria, che dalla più alta guglia del Duomo maternamente veglia giorno e notte su questa Città". In questi giorni, vicino alla "Madonnina", svetta anche una bandiera vaticana. E la banda presente nella piazza del Duomo, per salutare il papa ha suonato proprio le note di "O mia bella Madunina", un canto popolare in dialetto milanese molto noto.

    Questa sera Benedetto XVI sarà al Teatro alla Scala, dove si terrà un concerto in suo onore e per gli ospiti dell'Incontro delle famiglie. Il maestro Daniel Barenboim dirigerà la Nona sinfonia di Beethoven.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    03/06/2012 VATICANO - ITALIA
    Il papa alla Festa delle Famiglie al Parco Nord di Bresso
    Benedetto XVI risponde a braccio alle domande di alcune famiglie in difficoltà: sulla fedeltà, sulla crisi economica, sui divorziati, sul tempo del lavoro e del riposo. Il papa ricorda la sua infanzia: "Il paradiso sarà come tornare a casa e avrà la stessa gioia della mia infanzia". I politici dovrebbero essere più responsabili e non promettere cose che non possono mantenere. Ai divorziati: la Chiesa vi ama; nessuno vi vuole dimenticare.

    02/06/2012 VATICANO - ITALIA
    Papa: L'amore a Cristo nel celibato, fonte di comunione e missione per le famiglie
    Benedetto XVI, in visita pastorale a Milano, incontra in Duomo sacerdoti, diaconi e personale consacrato, all'interno del VII Incontro mondiale delle famiglie. Fra i santi che "hanno speso le loro energie al servizio del Vangelo" cita due missionari del PIME. L'amore personale a Gesù Cristo, coltivato anche con la preghiera liturgica, è la fonte dello "zelo" e dell'unità della vita del sacerdote.

    30/05/2012 VATICANO - ITALIA
    La famiglia e i figli, il bene più prezioso per la società ed il mercato
    Prima giornata di relazioni al Congresso teologico-pastorale, all'interno del VII Incontro mondiale delle famiglie in corso a Milano. La famiglia è una risorsa sociale perché sostiene la maturità della persona, la solidarietà, la dignità della donna. I relatori puntano sulle deviazioni individualistiche e mercantili che soffocano la gratuità e la dignità. Una campagna contro la pubblicità rivolta ai bambini. Ancora più urgente è cambiare la politica che emargina i valori familiari nel privato.

    06/06/2012 VATICANO
    Papa: non c'è futuro per l'umanità senza la famiglia, "causa stessa dell'uomo e della civiltà"
    All'udienza generale, Benedetto XVI ripercorre i giorni della sua presenza all'Incontro mondiale delle famiglie. Le istituzioni siano a servizio della persona, a cominciare dal diritto alla vita e dal riconoscimento dell'identità propria della famiglia, fondata sul matrimonio tra un uomo e una donna", "causa stessa dell'uomo e della civiltà". "Un messaggio di speranza, che è possibile e gioioso, anche se impegnativo, vivere l'amore fedele per sempre". La 'prepotenza' degli impegni lavorativi: "la domenica è il giorno del Signore e dell'uomo, un giorno in cui tutti devono poter essere liberi, liberi per la famiglia e liberi per Dio. Difendendo la domenica, si difende la libertà dell'uomo!".

    29/05/2012 VATICANO - ITALIA
    Al via il VII Incontro mondiale delle Famiglie, con un occhio alla crisi economica e alla speranza
    Card. Antonelli: La famiglia normale, unita in matrimonio, con due o più figli "è la più felice" e influenza in modo positivo il mondo del lavoro e la società. È urgente il sostegno del mondo della cultura, della politica e dell'economia. Card. Scola: L'incontro è un evento eccezionale per sostenere la vita ordinaria. Testimonianze "radiose" in un mondo ripiegato su se stesso.



    In evidenza

    VATICANO
    Papa Francesco ai giovani: L’amore “concreto”, non da telenovela, è la carta d’identità dei cristiani



    Nel Giubileo dei ragazzi e ragazze, papa Francesco pronuncia un’omelia fatta di domande e risposte ai 70mila presenti.  I grandi ideali dell’amore come dono di sé, l’affettività come “voler bene senza possedere”; la libertà come “dono di poter scegliere il bene”. “Guai a un giovane che non osa sognare. Se uno alla vostra età non sogna, se n’è già andato in pensione!”. Le offerte raccolte per l’Ucraina. L’appello per i vescovi e i sacerdoti rapiti in Siria.


    IRAN
    La strana alleanza fra gli Stati Uniti e i fondamentalisti iraniani

    Bernardo Cervellera

    Washington blocca ancora l’uso del dollaro nelle transazioni bancarie, fermando i nuovi contratti economici stabiliti dopo l’accordo sul nucleare. Gli Usa sembrano dare man forte a Khamenei e alle guardie della rivoluzione, che vogliono affossare l’accordo per mantenere il potere. La popolazione sopravvive con i doppi e tripli lavori. L’Iran instabile e bellicoso accresce la vendita di armi. Il reportage.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®