25 Luglio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 07/12/2009, 00.00

    IRAQ

    Il parlamento irakeno approva la legge elettorale, si vota (forse) il 27 febbraio



    Il via libera giunto quasi all’unanimità al termine di una seduta fiume, a pochi minuti dalla scadenza del termine. Soddisfazione del vice-presidente di etnia sunnita, che aveva bocciato la proposta precedente. I seggi passano da 275 a 325, previste quote rosa. Fonti di AsiaNews: è una “tregua” fra le fazioni, ma la tensione “resta alta”.
    Baghdad (AsiaNews) – Il parlamento irakeno ha approvato pressoché all’unanimità la nuova legge elettorale, preparando il terreno per il voto in programma nel 2010. Il via libera è arrivato nel corso di una seduta fiume, conclusa poco prima della mezzanotte di ieri, termine ultimo per il varo. Essa dovrebbe mettere la parola fine a un periodo di stallo politico. Fonti di AsiaNews a Baghdad la definiscono una “tregua” fra fazioni politiche, ma la “tensione resta alta”.
     
    Con l’approvazione della legge, resta da discutere la data in cui si terranno le elezioni, previste in origine per il 16 gennaio. Il vice-presidente del Parlamento annuncia che potrebbero tenersi il 27 febbraio 2010, ma non è chiaro al momento se saranno ultimati tutti i passaggi necessari per lo svolgimento del voto.
     
    Tareq al-Hashemi, vice-presidente di etnia sunnita, si congratula “con tutto il popolo irakeno per questa storica vittoria” e aggiunge che il compromesso raggiunto “tirerà fuori il Paese dal vicolo cieco” nel quale si era infilato e “dai problemi”. Egli aveva bocciato la precedente riforma della legge elettorale, perché non garantiva seggi a sufficienza all’etnia sunnita, minoranza in Iraq seppure al potere durante la dittatura di Saddam Hussein. Tra gli altri elementi di contrasto vi è Kirkuk, città nel nord del Paese, al centro di una disputa fra arabi, curdi e turcomanni per le ingenti quantità di petrolio presenti nel sottosuolo.  
     
    La nuova legge prevede un aumento nel numero dei seggi parlamentari, che passa dagli attuali 275 a 325. Ai curdi andranno 41 seggi previsti per le tre province del nord e un’ulteriore dozzina di seggi supplementari. Potranno votare anche gli irakeni all’estero, per il collegio provinciale di origine. La minoranza cristiana disporrà di otto seggi. Previste anche quote rosa: un terzo del Parlamento sarà formato da donne.
     
    Fonti di AsiaNews a Baghdad mostrano un cauto ottimismo per la firma dell’accordo. “La tensione – spiegano dalla capitale – fra i gruppi etnici resta alta”. La ratifica sembra più “una tregua”, perché la classe dirigente ha capito “che il popolo irakeno è stanco di litigi, divisioni, violenze che insanguinano il Paese”.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    10/12/2009 IRAQ
    Mosul, uccisi due fratelli cristiani. Cellula di al Qaeda rivendica la strage a Baghdad
    Entrambi sono stati assassinati con un colpo di pistola alla testa. Cellula irakena di al Qaeda promette nuovi attacchi se non verrà applicata la legge islamica nel Paese. Alto funzionario della polizia accusa Damasco e Riyadh di complicità.

    10/09/2012 IRAQ
    Arcivescovo di Kirkuk: “matrice politica” dietro le violenze settarie in Iraq
    Una serie di attentati in tutto il Paese hanno causato circa 100 morti e oltre 350 feriti. Le violenze una risposta alla pena capitale inflitta in contumacia al vice-presidente sunnita Tariq al-Hashemi. Mons. Sako: governo diviso, progetto di riconciliazione lontano, nazione frammentata e tratti “comuni” alle vicende in Siria, anche l'impatto dei paesi vicino è forte. Speranze di pace e prospettive future dalla visita di Benedetto XVI in Libano.

    08/07/2016 12:22:00 IRAQ
    Ancora morti in Iraq, patriarca Sako: cristiani e musulmani uniti contro il terrorismo

    La Chiesa caldea ha organizzato una veglia di preghiera per le vittime della strage di Baghdad. Il numero dei morti è salito a 292. E non si fermano le violenze: 30 morti e 50 feriti in un attentato al santuario sciita di Balad. Mar Sako: Crimini che rinnegano i valori delle religioni e conducono i loro autori “all’inferno, non in paradiso”. 



    06/07/2016 08:55:00 IRAQ
    La strage di Baghdad, il "peggior attentato dall’invasione americana del 2003"

    Il bilancio delle vittime dell’attacco del 3 luglio a Karrada è salito a 250. Molti dei feriti sono stati dimessi. I casi più gravi trasferiti in strutture all’estero. Cittadini organizzano fiaccolate e preghiere per la pace. Per l’Eid al-Fitr il patriarca caldeo chiede ai “fratelli musulmani” di condannare una visione “deviata e distorta” della fede. 



    04/07/2016 12:46:00 IRAQ
    Patriarca Sako: Dietro la strage di Baghdad c'è il desiderio dell’Isis di dominare il mondo

    Questa mattina il patriarca caldeo ha visitato il quartiere di Karrada, teatro dell’attentato jihadista. Le vittime sono almeno 165, oltre 225 i feriti. Secondo alcune fonti i morti oltre 200. Contro la violenza estremista servono “unità” a livello di governo e una presa di coscienza del mondo musulmano, perché lo SI è un “cancro per l’islam stesso”. La preghiera di papa Francesco. 





    In evidenza

    CINA-VATICANO
    I 60 anni dell’Associazione patriottica cinese: la Chiesa sottomessa alla politica

    Shan Ren Shen Fu (山人神父)

    Sebbene in tono basso - forse per i dialoghi col Vaticano - è risuonato ancora lo slogan per una Chiesa “autonoma” e “indipendente” (dalla Santa Sede) e sottomessa in tutto alla politica del Partito. I vescovi ufficiali muoiono come “funzionari di Stato”, lontani dai fedeli. Alcuni sono richiesti di iscriversi al Partito che obbliga i suoi membri all’ateismo. Fra i vescovi ufficiali mancano “testimoni”, ma vi sono alcuni “opportunisti”. L'opinione di un sacerdote della Chiesa ufficiale.


    VATICANO
    Papa: appello per “moderazione e dialogo” a Gerusalemme



    All’Angelus Francesco, preoccupato per le violenze in atto nella Città santa, invita a pregare  preghiera “affinché il Signore ispiri a tutti propositi di riconciliazione e di pace”. Il male e il bene sono “intrecciati” in ognuno di noi e non spetta all’uomo distinguere né giudicare.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®