26 Giugno 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 08/06/2010, 00.00

    GIAPPONE

    Il premier Naoto Kan vara il nuovo governo



    I ministeri chiavi sono quelli del precedente governo di Hatoyama. Alle Finanze, un collaboratore del nuovo premier. L’investitura nel pomeriggio dall’imperatore Akihito.
    Tokyo (AsiaNews/Agenzie) – Il primo ministro Naoto Kan ha costituito oggi il nuovo governo, dopo l’esperienza disastrosa di Yukio Hatoyama, caduto dopo soli otto mesi.
     
    Il nuovo gabinetto conserva 11 ministri del precedente governo ed ha 17 ministeri in tutto. Fra i principali riconfermati vi sono: Katsuya Okada agli Esteri; Toshimi Kitazawa alla Difesa; Seiji Maehara ai Trasporti.
     
    L’importante ministero delle Finanze, occupato dallo stesso Kan, è stato affidato a u suo collaboratore, Yoshihiko Noda, 52 anni, sostenitore di una politica del rigore.
     
    Il governo avrà il compito di rivitalizzare la molto acciaccata economia giapponese, cercando di ridurre il debito pubblico che ha raggiunto quasi il doppio del Prodotto interno lordo. Non si esclude nemmeno un aumento delle tasse.
     
    Il nuovo governo riceverà l’investitura dall’imperatore Akihito durante una cerimonia ufficiale al palazzo imperiale quest’oggi nel tardo pomeriggio.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    04/06/2010 GIAPPONE
    Tokyo, Naoto Kan eletto nuovo primo ministro
    L’elezione avvenuta oggi, subito dopo che Kan è stato votato capo del suo partito, il Dpj. Diviene il quinto premier in soli tre anni. Franco e diretto, sa sfidare la potente burocrazia giapponese. È conosciuto per la sua linea di austerity – alte tasse e tagli alla spesa pubblica – per diminuire il debito pubblico del Paese, uno dei più grandi del mondo industriale.

    07/06/2010 GIAPPONE
    Cambio di governo a Tokyo: sconcerto nei politici e ansietà nel popolo
    Le dimissioni di Hatoyama sono state una scelta coraggiosa. Spingendo anche il segretario del suo partito, Ozawa, a dimettersi ha preparato al successore una strada libera dal blocco del “duplice potere”. La crisi per il contrasto con gli americani su Okinawa.

    31/08/2009 GIAPPONE
    Tokyo, la vittoria dei democratici una “rivoluzione” fra molte difficoltà
    Una “rivoluzione senza spargimento di sangue”, il partito democratico dovrebbe vincere 308 seggi su 480. Taro Aso, premier uscente, dichiara la sconfitta. Sostegno ai figli, scuole gratis e tagli nella burocrazia sono le promesse da mantenere mentre il Paese soffre di invecchiamento ed è immerso nella crisi economica. La borsa di Tokyo risponde in modo positivo.

    17/09/2010 GIAPPONE
    Rimpasto di governo per Naoto Kan, mentre il suo partito è diviso
    Confermati solo il ministro delle Finanze e quello della Difesa. Seiji Maehara è il nuovo ministro degli Esteri. Il rimpasto dopo le elezioni del nuovo presidente del partito, con la sconfitta del navigato Ichiro Ozawa. Kan deve affrontare la sfida economica, ma anche quella della divisione all’interno del suo schieramento.

    05/07/2011 GIAPPONE
    Tokyo: dimissioni lampo del ministro per la Ricostruzione
    Ryu Matsumoto era in carica da appena una settimana. Non ha spiegato le ragioni del suo gesto. Il 3 luglio si è rivolto con durezza ai governatori delle aree colpite dal terremoto e dallo tsunami dell’11 marzo, e le sue dichiarazioni sono state molto criticate.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Confusione e polemiche per il silenzio del Vaticano sul caso di mons. Ma Daqin di Shanghai

    Bernardo Cervellera

    Per alcuni l’articolo di mons. Ma con cui elogia l’Associazione patriottica, riconoscendo i suoi “errori”, è solo “fango”. Per altri egli si è umiliato “per il bene della sua diocesi”. Molti esprimono perplessità per il silenzio della Santa Sede: silenzio sul contenuto dell’articolo; silenzio sulla persecuzione subita dal vescovo di Shanghai. Il sospetto che in Vaticano si vede bene lo svolgimento del “caso” Ma Daqin che però fa emergere un problema: la Lettera di Benedetto XVI (con cui dichiara l’AP non compatibile con la dottrina cattolica) è abolita? E chi l’ha abolita? Il rischio di una strada di compromessi senza verità.


    CINA - VATICANO
    Mons. Ma Daqin: il testo della sua “confessione”

    Mons. Taddeo Ma Daqin

    Con un articolo pubblicato sul suo blog, il vescovo di Shanghai, dimessosi dall’Associazione patriottica quattro anni fa, sembra “confessare” il suo errore e esalta l’organismo di controllo della Chiesa. Riportiamo qui il testo quasi integrale del suo intervento. Traduzioni dal cinese a cura di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®