28 Luglio 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 08/06/2010
GIAPPONE
Il premier Naoto Kan vara il nuovo governo
I ministeri chiavi sono quelli del precedente governo di Hatoyama. Alle Finanze, un collaboratore del nuovo premier. L’investitura nel pomeriggio dall’imperatore Akihito.

Tokyo (AsiaNews/Agenzie) – Il primo ministro Naoto Kan ha costituito oggi il nuovo governo, dopo l’esperienza disastrosa di Yukio Hatoyama, caduto dopo soli otto mesi.
 
Il nuovo gabinetto conserva 11 ministri del precedente governo ed ha 17 ministeri in tutto. Fra i principali riconfermati vi sono: Katsuya Okada agli Esteri; Toshimi Kitazawa alla Difesa; Seiji Maehara ai Trasporti.
 
L’importante ministero delle Finanze, occupato dallo stesso Kan, è stato affidato a u suo collaboratore, Yoshihiko Noda, 52 anni, sostenitore di una politica del rigore.
 
Il governo avrà il compito di rivitalizzare la molto acciaccata economia giapponese, cercando di ridurre il debito pubblico che ha raggiunto quasi il doppio del Prodotto interno lordo. Non si esclude nemmeno un aumento delle tasse.
 
Il nuovo governo riceverà l’investitura dall’imperatore Akihito durante una cerimonia ufficiale al palazzo imperiale quest’oggi nel tardo pomeriggio.

invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
04/06/2010 GIAPPONE
Tokyo, Naoto Kan eletto nuovo primo ministro
07/06/2010 GIAPPONE
Cambio di governo a Tokyo: sconcerto nei politici e ansietà nel popolo
di Pino Cazzaniga
31/08/2009 GIAPPONE
Tokyo, la vittoria dei democratici una “rivoluzione” fra molte difficoltà
17/09/2010 GIAPPONE
Rimpasto di governo per Naoto Kan, mentre il suo partito è diviso
di Pino Cazzaniga
05/07/2011 GIAPPONE
Tokyo: dimissioni lampo del ministro per la Ricostruzione

In evidenza
ISRAELE-IRAN
Dopo l’accordo sul nucleare, Israele dovrebbe diventare il miglior alleato dell’Iran
di Uri AvneryE’ la tesi del grande statista e pacifista Uri Avnery, leader del gruppo Gush Shalom, sostenitore della pace fra israeliani e palestinesi. Secondo Avnery, l’Iran desidera solo essere una potenza regionale e del mondo islamico, capace di commerciare con tutti, grazie alla sua raffinata e millenaria esperienza. Di fronte, rivolti al passato, vi sono le monarchie e gli emirati del Golfo. L’Iran può essere un ottimo alleato contro Daesh. Gli abbagli di Netanyahu e dei politici e media israeliani. (Traduzione dall’inglese di AsiaNews).
ASIA
Il Pime in Cina: uomini nuovi in strutture nuove
di Piero GheddoLa missione in Cina è possibile: deve puntare più alla formazione che alle strutture. L’esempio dei martiri antichi e nuovi. Una sintesi commentata della lettera che il Superiore generale del Pime ha mandato ai suoi confratelli, dopo un viaggio in Cina.
EUROPA - ISLAM
Imam di Nîmes: Lo Stato islamico uccide i cristiani, e rischia di eliminare anche l’islam dall’Europa
di Hocine Drouiche*L’islam politico sta diventando un “islam delinquente” che valorizza la menzogna, l’odio, l’inimicizia. I nemici sono i “cristiani” e tutto l’occidente. Ma l’islam ha avuto epoche in cui dialogo, ragione, incontro, assimilazione erano tenuti in grande stima. L’islam guerriero che tanto affascina molti giovani, è frutto di miti e manipolazioni e spinge all’islamofobia. E’ tempo di far nascere e crescere un islam europeo, garante della libertà di coscienza e capace di convivere con cristiani ed ebrei. Risolvere col dialogo il problema palestinese.

Dossier


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate