22 Ottobre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 08/06/2010
GIAPPONE
Il premier Naoto Kan vara il nuovo governo
I ministeri chiavi sono quelli del precedente governo di Hatoyama. Alle Finanze, un collaboratore del nuovo premier. L’investitura nel pomeriggio dall’imperatore Akihito.

Tokyo (AsiaNews/Agenzie) – Il primo ministro Naoto Kan ha costituito oggi il nuovo governo, dopo l’esperienza disastrosa di Yukio Hatoyama, caduto dopo soli otto mesi.
 
Il nuovo gabinetto conserva 11 ministri del precedente governo ed ha 17 ministeri in tutto. Fra i principali riconfermati vi sono: Katsuya Okada agli Esteri; Toshimi Kitazawa alla Difesa; Seiji Maehara ai Trasporti.
 
L’importante ministero delle Finanze, occupato dallo stesso Kan, è stato affidato a u suo collaboratore, Yoshihiko Noda, 52 anni, sostenitore di una politica del rigore.
 
Il governo avrà il compito di rivitalizzare la molto acciaccata economia giapponese, cercando di ridurre il debito pubblico che ha raggiunto quasi il doppio del Prodotto interno lordo. Non si esclude nemmeno un aumento delle tasse.
 
Il nuovo governo riceverà l’investitura dall’imperatore Akihito durante una cerimonia ufficiale al palazzo imperiale quest’oggi nel tardo pomeriggio.

invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
04/06/2010 GIAPPONE
Tokyo, Naoto Kan eletto nuovo primo ministro
07/06/2010 GIAPPONE
Cambio di governo a Tokyo: sconcerto nei politici e ansietà nel popolo
di Pino Cazzaniga
31/08/2009 GIAPPONE
Tokyo, la vittoria dei democratici una “rivoluzione” fra molte difficoltà
17/09/2010 GIAPPONE
Rimpasto di governo per Naoto Kan, mentre il suo partito è diviso
di Pino Cazzaniga
05/07/2011 GIAPPONE
Tokyo: dimissioni lampo del ministro per la Ricostruzione

In evidenza
IRAQ - ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": raccolti e inviati quasi 700mila euro. La campagna continua
di Bernardo CervelleraInviata la seconda tranche di aiuti, raccolti nel mese di settembre. In Medio oriente e in Iraq si gioca il destino dei rapporti fra oriente e occidente. L'appello di papa Francesco e del Sinodo. I governi tiepidi. Gli aiuti giunti da tutto il mondo: una nuova comunità internazionale che sconfigge la "globalizzazione dell'indifferenza".
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.
ITALIA - IRAQ
Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul". Già raccolti oltre 350mila euro
di Bernardo CervelleraInviate al patriarca di Baghdad e ai vescovi del Kurdistan le donazioni ricevute fino al 31 agosto. La campagna serve a nutrire, alloggiare, vestire, consolare oltre 150mila profughi cristiani, yazidi, turkmeni, sciiti e sunniti, fuggiti dalla violenza dell'esercito del Califfato islamico. Una generosa partecipazione dall'Italia e da tutte le parti del mondo. Donazioni anche da chi è povero e senza lavoro. Una speranza per il mondo, per chi soffre e per chi dona.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate