4 Agosto 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 23/12/2008
CINA
Il premier Wen invita le ditte a “fermare i licenziamenti”
Viaggio lampo di Wen nella zona economica di Chongqing, per assicurare gli aiuti del governo alle imprese e fermare milioni di licenziamenti. Pechino è molto preoccupata per la crescente disoccupazione, soprattutto di migranti e laureati.

Pechino (AsiaNews/Agenzie) – Il premier Wen Jiabao sollecita le ditte a “fare quanto possibile” per mantenere l’attuale forza lavoro. In visita alla ditta automobilistica Changan Group, a Chongqing, Wen ha ripetuto che “le società non debbono licenziare con facilità i lavoratori” ma, anzi, “valorizzare di più la professionalità”.

Dopo il calo di esportazioni e vendite a novembre, si prevede che nel settore automobili e in altre manifatture aumenteranno i licenziamenti e Wen il 21 dicembre si è recato per 2 giorni a Chongqing per assicurare che “il governo sostiene con decisione l’industria automobilistica”. Ha ripetuto che “il primo obiettivo del governo per il 2009 è fermare il declino della crescita economica” e mantenere la stabilità sociale.

A Chonging vivono milioni di migranti, il cui lavoro a basso prezzo è stato cardine del boom economico fondato sulle forti esportazioni. Ora sono i primi ad essere cacciati dalle imprese in crisi. L’Accademia cinese delle scienze sociali (Acss) la scorsa settimana ha stimato che la disoccupazione urbana è giunta al 9,4%, il doppio dei dati ufficiali, con almeno 4 milioni di migranti licenziati che sono dovuti tornare nei villaggi d’origine. Il timore è che molti altri siano cacciati quando andranno a casa a metà gennaio per la tradizionale vacanza del Nuovo Anno Lunare. Nel solo Guangdong a ottobre hanno chiuso 8.513 fabbriche, più che nei primi 9 mesi del 2008.

Wen ha incontrato anche gli studenti dell’università di Chongqing (nella foto) e li ha invitati ad essere ottimisti circa il futuro lavoro. Identico incoraggiamento aveva rivolto il 20 dicembre agli studenti dell’Università di Aeronautica e Astronautica di Pechino, assicurando che le principali preoccupazioni del governo sono “i migranti che tornano a casa [perché licenziati] e la situazione occupazionale dei laureati”.

Sempre secondo la Acss, circa un quarto dei 6,1 milioni di laureati previsti nel 2009 avrà difficoltà a trovare lavoro.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
11/03/2009 CINA
Tonfo delle esportazioni cinesi: meno 25% in febbraio
17/12/2008 CINA
Contadini, operai, laureati cinesi: milioni di nuovi disoccupati ogni mese
22/12/2008 GIAPPONE
Crollano le esportazioni giapponesi, cresce il deficit nel commercio
24/11/2008 CINA
Pechino tenta di stimolare il consumo interno, contro disoccupazione e rivolte
25/11/2008 CINA
Banca mondiale: la crescita cinese scenderà ai livelli del 1990

In evidenza
CINA
Wenzhou, anche la Chiesa non ufficiale contro le demolizioni. La diocesi in digiuno
di Joseph YuanDopo la marcia del 90enne vescovo ufficiale mons. Vincent Zhu Weifang, il coadiutore mons. Peter Shao Zhumin e tutto il clero non ufficiale pubblicano una lettera aperta in cui chiedono di fermare la campagna di demolizione delle croci. Un appello ai cattolici “della Cina e del mondo intero” affinché si uniscano alla protesta, a sostegno della Chiesa cinese. Persino un vescovo illecito manifesta solidarietà con il clero del Zhejiang, contro gli atti del governo.
CINA
Wenzhou: Vescovo 90enne e 26 preti manifestano contro la demolizione delle croci
di Joseph YuanNon è la prima volta che l'anziano vescovo e i suoi sacerdoti si esprimono contro la campagna di demolizione di croci e chiese, che ha colpito oltre 400 edifici. La polizia ha cercato di disperderli e il gruppo ha presentato una petizione. La coroncina della Divina Misericordia a sostegno della Chiesa cinese. Entro il 31 agosto verranno abbattute le croci delle chiese nella zona di Lishui.
ISRAELE-IRAN
Dopo l’accordo sul nucleare, Israele dovrebbe diventare il miglior alleato dell’Iran
di Uri AvneryE’ la tesi del grande statista e pacifista Uri Avnery, leader del gruppo Gush Shalom, sostenitore della pace fra israeliani e palestinesi. Secondo Avnery, l’Iran desidera solo essere una potenza regionale e del mondo islamico, capace di commerciare con tutti, grazie alla sua raffinata e millenaria esperienza. Di fronte, rivolti al passato, vi sono le monarchie e gli emirati del Golfo. L’Iran può essere un ottimo alleato contro Daesh. Gli abbagli di Netanyahu e dei politici e media israeliani. (Traduzione dall’inglese di AsiaNews).

Dossier


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate