30 Maggio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 23/12/2008, 00.00

    CINA

    Il premier Wen invita le ditte a “fermare i licenziamenti”



    Viaggio lampo di Wen nella zona economica di Chongqing, per assicurare gli aiuti del governo alle imprese e fermare milioni di licenziamenti. Pechino è molto preoccupata per la crescente disoccupazione, soprattutto di migranti e laureati.

    Pechino (AsiaNews/Agenzie) – Il premier Wen Jiabao sollecita le ditte a “fare quanto possibile” per mantenere l’attuale forza lavoro. In visita alla ditta automobilistica Changan Group, a Chongqing, Wen ha ripetuto che “le società non debbono licenziare con facilità i lavoratori” ma, anzi, “valorizzare di più la professionalità”.

    Dopo il calo di esportazioni e vendite a novembre, si prevede che nel settore automobili e in altre manifatture aumenteranno i licenziamenti e Wen il 21 dicembre si è recato per 2 giorni a Chongqing per assicurare che “il governo sostiene con decisione l’industria automobilistica”. Ha ripetuto che “il primo obiettivo del governo per il 2009 è fermare il declino della crescita economica” e mantenere la stabilità sociale.

    A Chonging vivono milioni di migranti, il cui lavoro a basso prezzo è stato cardine del boom economico fondato sulle forti esportazioni. Ora sono i primi ad essere cacciati dalle imprese in crisi. L’Accademia cinese delle scienze sociali (Acss) la scorsa settimana ha stimato che la disoccupazione urbana è giunta al 9,4%, il doppio dei dati ufficiali, con almeno 4 milioni di migranti licenziati che sono dovuti tornare nei villaggi d’origine. Il timore è che molti altri siano cacciati quando andranno a casa a metà gennaio per la tradizionale vacanza del Nuovo Anno Lunare. Nel solo Guangdong a ottobre hanno chiuso 8.513 fabbriche, più che nei primi 9 mesi del 2008.

    Wen ha incontrato anche gli studenti dell’università di Chongqing (nella foto) e li ha invitati ad essere ottimisti circa il futuro lavoro. Identico incoraggiamento aveva rivolto il 20 dicembre agli studenti dell’Università di Aeronautica e Astronautica di Pechino, assicurando che le principali preoccupazioni del governo sono “i migranti che tornano a casa [perché licenziati] e la situazione occupazionale dei laureati”.

    Sempre secondo la Acss, circa un quarto dei 6,1 milioni di laureati previsti nel 2009 avrà difficoltà a trovare lavoro.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    11/03/2009 CINA
    Tonfo delle esportazioni cinesi: meno 25% in febbraio
    Gli esperti si attendevano solo una riduzione del 5%. Studiosi del Partito stimano che il governo dovrà trovare posti di lavoro per almeno 50 milioni di disoccupati.

    17/12/2008 CINA
    Contadini, operai, laureati cinesi: milioni di nuovi disoccupati ogni mese
    Le zone rurali hanno difficoltà a dar lavoro ai milioni di migranti che, cacciati dalle fabbriche, sono costretti a tornare a casa. Intanto ci sono oltre un milione di laureati senza lavoro. Pechino teme proteste sociali e invita le autorità locali a creare opportunità di lavoro.

    22/12/2008 GIAPPONE
    Crollano le esportazioni giapponesi, cresce il deficit nel commercio
    Esportazioni in caduta libera verso Usa e Europa ma anche in Asia. Autoveicoli ed elettronica i settori più colpiti, la Toyota in perdita per la prima volta da 71 anni. Il governo approva nuovi aiuti per famiglie e imprese.

    24/11/2008 CINA
    Pechino tenta di stimolare il consumo interno, contro disoccupazione e rivolte
    La forte diminuzione delle esportazioni cinesi fa perdere milioni posti di lavoro. Pechino teme che ciò inneschi maggiori proteste e annuncia tagli di imposte e sussidi per stimolare il consumo domestico.

    25/11/2008 CINA
    Banca mondiale: la crescita cinese scenderà ai livelli del 1990
    La Banca mondiale ammonisce che potrebbe essere anche peggio. Pechino, preoccupata per la dilagante disoccupazione, affronta il problema stimolando il consumo interno. Ma intanto non sa come contenere le crescenti proteste sociali.



    In evidenza

    IRAQ
    Patriarca di Baghdad: cristiani e musulmani in preghiera per la pace, fra Mese di Maggio e Ramadan

    Joseph Mahmoud

    Il 30 maggio la chiesa della Regina del Rosario a Baghdad ospiterà una preghiera interreligiosa contro le violenze e il terrorismo. A lanciare l’iniziativa il patriarca caldeo: non le opzioni militari, ma la preghiera contro conflitti che colpiscono “la popolazione innocente”. Un invito anche ai musulmani a riflettere per formare una nuova mentalità, una nuova cultura.

     


    EGITTO-ISLAM-VATICANO
    Papa Francesco e il Grande imam di Al Azhar, il detto e il “non detto”

    Samir Khalil Samir

    Vi sono molti aspetti positivi nell’incontro fra il pontefice e la suprema autorità sunnita, insieme a qualche silenzio. Per Al Tayyib l’islam non ha niente a che fare con il terrorismo. Ma l’Isis usa la bandiera nera di Maometto, la spada del profeta, le frasi del Corano. I terroristi prendono le loro affermazioni sanguinarie da molti imam. E’ urgente un nuovo rinascimento dell’islam, rileggendo la tradizione nella modernità: un lavoro interrotto dal fondamentalismo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®