26 Gennaio 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 23/12/2008
CINA
Il premier Wen invita le ditte a “fermare i licenziamenti”
Viaggio lampo di Wen nella zona economica di Chongqing, per assicurare gli aiuti del governo alle imprese e fermare milioni di licenziamenti. Pechino è molto preoccupata per la crescente disoccupazione, soprattutto di migranti e laureati.

Pechino (AsiaNews/Agenzie) – Il premier Wen Jiabao sollecita le ditte a “fare quanto possibile” per mantenere l’attuale forza lavoro. In visita alla ditta automobilistica Changan Group, a Chongqing, Wen ha ripetuto che “le società non debbono licenziare con facilità i lavoratori” ma, anzi, “valorizzare di più la professionalità”.

Dopo il calo di esportazioni e vendite a novembre, si prevede che nel settore automobili e in altre manifatture aumenteranno i licenziamenti e Wen il 21 dicembre si è recato per 2 giorni a Chongqing per assicurare che “il governo sostiene con decisione l’industria automobilistica”. Ha ripetuto che “il primo obiettivo del governo per il 2009 è fermare il declino della crescita economica” e mantenere la stabilità sociale.

A Chonging vivono milioni di migranti, il cui lavoro a basso prezzo è stato cardine del boom economico fondato sulle forti esportazioni. Ora sono i primi ad essere cacciati dalle imprese in crisi. L’Accademia cinese delle scienze sociali (Acss) la scorsa settimana ha stimato che la disoccupazione urbana è giunta al 9,4%, il doppio dei dati ufficiali, con almeno 4 milioni di migranti licenziati che sono dovuti tornare nei villaggi d’origine. Il timore è che molti altri siano cacciati quando andranno a casa a metà gennaio per la tradizionale vacanza del Nuovo Anno Lunare. Nel solo Guangdong a ottobre hanno chiuso 8.513 fabbriche, più che nei primi 9 mesi del 2008.

Wen ha incontrato anche gli studenti dell’università di Chongqing (nella foto) e li ha invitati ad essere ottimisti circa il futuro lavoro. Identico incoraggiamento aveva rivolto il 20 dicembre agli studenti dell’Università di Aeronautica e Astronautica di Pechino, assicurando che le principali preoccupazioni del governo sono “i migranti che tornano a casa [perché licenziati] e la situazione occupazionale dei laureati”.

Sempre secondo la Acss, circa un quarto dei 6,1 milioni di laureati previsti nel 2009 avrà difficoltà a trovare lavoro.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
11/03/2009 CINA
Tonfo delle esportazioni cinesi: meno 25% in febbraio
17/12/2008 CINA
Contadini, operai, laureati cinesi: milioni di nuovi disoccupati ogni mese
22/12/2008 GIAPPONE
Crollano le esportazioni giapponesi, cresce il deficit nel commercio
24/11/2008 CINA
Pechino tenta di stimolare il consumo interno, contro disoccupazione e rivolte
25/11/2008 CINA
Banca mondiale: la crescita cinese scenderà ai livelli del 1990

In evidenza
IRAQ
I bambini di Mosul e il futuro: il campo profughi "a cinque stelle"
di Bernardo CervelleraNel giardino della parrocchia di Mar Elia accanto alle tende ci sono container che servono da aule per i ragazzi e da biblioteca. Un altro serve da stanza per il ricamo. Un coro di bambini. P. Douglas: "preoccuparsi dei profughi non significa solo pensare al mangiare, al bere, alle medicine, le iniezioni, le vaccinazioni... Le persone rifugiate hanno bisogno di fare qualcosa e di coltivare la speranza".
IRAQ
Via Crucis: i profughi di Mosul oltre l'emergenza
di Bernardo CervelleraSono almeno mezzo milione le persone che si sono rifugiate in Kurdistan per sfuggire all'ISIS. Nello Shlama Mall a Erbil: 350 persone vivono nello scheletro di un edificio in costruzione, con panni stesi e coperte a fare da pareti. L'ordinazione sacerdotale di un giovane, anch'egli profugo dimostra che con la fuga, c'è qualcosa che non è stato distrutto: la fede, le tradizioni, il sacerdozio.
IRAQ-VATICANO
Vescovo di Mosul: Gesù nasce fra i container dei rifugiati. Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul"
di Amel NonaI profughi perseguitati dallo Stato islamico hanno perso tutto: beni, casa, lavoro, scuole, futuro. Ma rimane forte la fede e la missione. Raccolti e inviati quasi 900mila euro. Il messaggio di vicinanza di papa Francesco. La campagna continua secondo la proposta del patriarca di Baghdad: digiuno e sobrietà a Natale e Capodanno, offrendo il corrispettivo per i cristiani di Mosul.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate