31 Agosto 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 21/07/2005
INDONESIA
Il presidente Susilo blocca l'offensiva dell'esercito contro i ribelli di Aceh
di Mathias Hariyadi

L'ordine è un tentativo di salvaguardare la firma ufficiale del trattato di pace prevista per il 15 agosto. Si prepara un'amnistia per i ribelli e la formazione di un gruppo estero di osservatori.



Jakarta (AsiaNews) – Il presidente indonesiano Susilo Bambang Yudhoyono (SBY) ha ordinato all'esercito (TNI) di cessare le offensive contro i separatisti della provincia di Aceh nel tentativo di facilitare la firma dell'accordo di pace prevista per metà agosto. Ieri sera Sudi Silalahi – segretario di Gabinetto – ha dichiarato che il presidente ha chiesto al capo delle forze armate, gen. Sutarto, di "non lanciare offensive contro i ribelli del Gam (Movimento per Aceh libera) per salvaguardare il trattato di pace". Il presidente ha precisato che, in caso di attacchi del Gam, i militari "devono assumere posizioni difensive", ma ha specificato che "nel frattempo possono restare nelle caserme". Secondo fonti ufficiali, le dichiarazioni sono giunte dopo che, negli ultimi giorni, si sono verificati di nuovo occasionali scontri tra soldati e guerriglia, mettendo a rischio l'intesa concordata a Helsinki, in Finlandia, per porre fine a una guerriglia trentennale costata la vita ad almeno 15 mila persone.

La bozza del memorandum di intesa, diffusa il 17 luglio scorso, prevede per il Gam la rinuncia alla piena indipendenza e la formazione di un proprio partito indipendente; il Gam si impegna anche nel disarmo; in cambio Jakarta effettuerà il ritiro delle sue truppe dalla provincia, ricca di gas e giacimenti petroliferi.

Ieri Hamid Awaluddin, presidente della missione per la pace, ha reso noto che Jakarta concederà l'amnistia ai membri del Gam in patria e all'estero. "Questo – dice Awaluddin, anche ministro dei Diritti umani – significa che a tutti i ribelli verranno assicurati diritti politici, come aderire a un partito, votare e essere eletti come membri del governo locale".

Punto cruciale del memorandum di intesa è proprio il riconoscimento della formazione di un partito politico indipendente per il Gam; ma è anche la questione che ha sollevato più contestazioni e dubbi  sulla reale possibilità di giungere alla firma finale. La legge indonesiana stabilisce che i partiti politici dipendano direttamente da Jakarta. Per rispettare l'accordo il parlamento dovrà quindi approvare emendamenti costituzionali; si prevede però l'opposizione di partiti nazionalisti e fazioni militari interne al legislativo.

Le operazioni saranno controllate da osservatori dell'Unione Europea e dell'Asean (Associazione dei Paesi del Sud Est Asiatico). Secondo Widodo AS, ex capo del TNI, "l'esistenza di un corpo di monitoraggio estero è di inevitabile urgenza". Il 28 luglio prossimo il ministro degli Esteri indonesiano terrà un incontro speciale con membri dell'Ue e dell'Asean per discutere le "linee guida e le regole del gioco" sulla questione. L'Onu ha accolto con favore la notizia dell'accordo e l'impegno per il disarmo bilaterale.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
12/04/2005 INDONESIA
Ribelli dell'Aceh rifiutano le offerte di Jakarta
19/07/2005 INDONESIA
Aceh, i poveri dello tsunami sperano nell'accordo di pace
18/07/2005 INDONESIA
Aceh, raggiunto un accordo di pace fra governo e ribelli
27/12/2005 INDONESIA
Indonesia, ex ribelli di Aceh sciolgono il loro esercito
03/06/2005 INDONESIA
Presidente indonesiano "ottimista" sui colloqui di pace con i ribelli di Aceh

In evidenza
IRAQ-ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del Patriarca Louis Sako; le preoccupazioni del vescovo del Kurdistan
di Bernardo CervelleraIl capo della Chiesa caldea ringrazia per la campagna di AsiaNews e spera che "questa catena di solidarietà si allunghi". Aiutare i profughi a rimanere in Iraq. Ma molti vogliono fuggire all'estero. Il vescovo di Amadiyah, che ha accolto migliaia di sfollati nelle chiese e nelle case: Aiutiamo anche arabi (musulmani) e yazidi, in modo gratuito e senza guardare alle differenze confessionali.
ITALIA - IRAQ
"Adotta un cristiano di Mosul", rispondere nei fatti e con la vita all'emergenza irachenaAsiaNews lancia una raccolta fondi per sostenere i fedeli nel mirino dello Stato islamico, dopo le richieste del Patriarca di Baghdad e il pressante appello di papa Francesco "a assicurare gli aiuti necessari, soprattutto quelli più urgenti, a così tanti sfollati, la cui sorte dipende dalla solidarietà altrui". Oltre 100mila persone sono state costrette a fuggire dalle loro case senza niente addosso, e ora non hanno di che vivere. Per aiutarli, bastano 5 euro al giorno: i fondi raccolti saranno inviati al Patriarcato di Baghdad, che provvederà a distribuirli secondo i bisogni di ogni famiglia.
CINA-VATICANO
Vescovo e sacerdoti di Wenzhou denunciano la campagna del governo contro le croci e le chiese del Zhejiang
di Eugenia ZhangPer mons. Vincenzo Zhu Weifang, della Chiesa ufficiale, la campagna di distruzione aumenta l'instabilità sociale. E' vera persecuzione contro la fede cristiana. Il vescovo si scusa per non essere intervenuto prima: sperava che la campagna finisse presto. Fedeli cattolici e protestanti sono rimasti feriti per difendere i loro edifici sacri. I sacerdoti di Wenzhou: la campagna è ingiusta e colpisce anche edifici in regola. Questi "atti stupidi" del governo provocano una distruzione dell'armonia sociale.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate