4 Settembre 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato

invia ad un amico visualizza per la stampa


» 21/07/2005
INDONESIA
Il presidente Susilo blocca l'offensiva dell'esercito contro i ribelli di Aceh
di Mathias Hariyadi

L'ordine è un tentativo di salvaguardare la firma ufficiale del trattato di pace prevista per il 15 agosto. Si prepara un'amnistia per i ribelli e la formazione di un gruppo estero di osservatori.



Jakarta (AsiaNews) – Il presidente indonesiano Susilo Bambang Yudhoyono (SBY) ha ordinato all'esercito (TNI) di cessare le offensive contro i separatisti della provincia di Aceh nel tentativo di facilitare la firma dell'accordo di pace prevista per metà agosto. Ieri sera Sudi Silalahi – segretario di Gabinetto – ha dichiarato che il presidente ha chiesto al capo delle forze armate, gen. Sutarto, di "non lanciare offensive contro i ribelli del Gam (Movimento per Aceh libera) per salvaguardare il trattato di pace". Il presidente ha precisato che, in caso di attacchi del Gam, i militari "devono assumere posizioni difensive", ma ha specificato che "nel frattempo possono restare nelle caserme". Secondo fonti ufficiali, le dichiarazioni sono giunte dopo che, negli ultimi giorni, si sono verificati di nuovo occasionali scontri tra soldati e guerriglia, mettendo a rischio l'intesa concordata a Helsinki, in Finlandia, per porre fine a una guerriglia trentennale costata la vita ad almeno 15 mila persone.

La bozza del memorandum di intesa, diffusa il 17 luglio scorso, prevede per il Gam la rinuncia alla piena indipendenza e la formazione di un proprio partito indipendente; il Gam si impegna anche nel disarmo; in cambio Jakarta effettuerà il ritiro delle sue truppe dalla provincia, ricca di gas e giacimenti petroliferi.

Ieri Hamid Awaluddin, presidente della missione per la pace, ha reso noto che Jakarta concederà l'amnistia ai membri del Gam in patria e all'estero. "Questo – dice Awaluddin, anche ministro dei Diritti umani – significa che a tutti i ribelli verranno assicurati diritti politici, come aderire a un partito, votare e essere eletti come membri del governo locale".

Punto cruciale del memorandum di intesa è proprio il riconoscimento della formazione di un partito politico indipendente per il Gam; ma è anche la questione che ha sollevato più contestazioni e dubbi  sulla reale possibilità di giungere alla firma finale. La legge indonesiana stabilisce che i partiti politici dipendano direttamente da Jakarta. Per rispettare l'accordo il parlamento dovrà quindi approvare emendamenti costituzionali; si prevede però l'opposizione di partiti nazionalisti e fazioni militari interne al legislativo.

Le operazioni saranno controllate da osservatori dell'Unione Europea e dell'Asean (Associazione dei Paesi del Sud Est Asiatico). Secondo Widodo AS, ex capo del TNI, "l'esistenza di un corpo di monitoraggio estero è di inevitabile urgenza". Il 28 luglio prossimo il ministro degli Esteri indonesiano terrà un incontro speciale con membri dell'Ue e dell'Asean per discutere le "linee guida e le regole del gioco" sulla questione. L'Onu ha accolto con favore la notizia dell'accordo e l'impegno per il disarmo bilaterale.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
12/04/2005 INDONESIA
Ribelli dell'Aceh rifiutano le offerte di Jakarta
19/07/2005 INDONESIA
Aceh, i poveri dello tsunami sperano nell'accordo di pace
18/07/2005 INDONESIA
Aceh, raggiunto un accordo di pace fra governo e ribelli
27/12/2005 INDONESIA
Indonesia, ex ribelli di Aceh sciolgono il loro esercito
03/06/2005 INDONESIA
Presidente indonesiano "ottimista" sui colloqui di pace con i ribelli di Aceh

In evidenza
INDIA
Card. Toppo: Imparare dai tribali dell’India ad avere cura della terra e dei suoi abitanti
di Nirmala CarvalhoL’arcivescovo di Ranchi parla ad AsiaNews in occasione della Giornata mondiale di preghiera per la cura del creato (1 settembre). Nel Paese “più di un milione di tribali è cattolico, e nella nostra cultura noi rispettiamo la natura e ne celebriamo i doni”. Oggi “per essere veri testimoni di Cristo dobbiamo rispondere alla crisi ecologica attraverso una profonda conversione spirituale”.
VATICANO-IRAQ
P. Samir di Amadiya: Il Papa è la voce dei profughi irakeni
di Bernardo CervelleraIl sacerdote caldeo ha incontrato papa Francesco chiedendogli di tenere alta l’attenzione del mondo sui profughi cristiani di Mosul e della Piana di Ninive. Nella sua diocesi vivono 3500 famiglie cristiane e quasi mezzo milione di yazidi fuggiti davanti alle violenze dello Stato islamico. L’Isis non è tutto l’islam e vi sono musulmani che vogliono un Iraq della convivenza. I cristiani potrebbero emigrare, ma rimangono nella loro terra. I progetti di aiuto ai rifugiati: la scuola per i bambini, lavoro per gli adulti, una casa per ogni famiglia. L’appello di AsiaNews.
LIBANO
La Dichiarazione di Beirut: i musulmani in difesa della libertà dei cristianiLibertà di fede, di educazione e di opinione difese citando il Corano. Esse sono alla base dello Stato di diritto, che non deve essere uno Stato religioso. L’organo di riferimento dei sunniti del Libano condanna senza appello la violenza in nome di Dio. Il testo integrale del messaggio.

Dossier

Terra Santa Banner


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate