19 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 02/01/2018, 11.42

    INDONESIA

    Il presidente Widodo ai cattolici: ‘Lavorare per giustizia sociale e prosperità’

    Mathias Hariyadi

    A Pontianak le celebrazioni natalizie di Stato. Nel Paese cresce l’intolleranza e lo sfruttamento del sentimento religioso per fini politici. Widodo ribadisce la sua ferma posizione in favore del multiculturalismo della società indonesiana. Mons. Agustinus Agus: “Accettare e sviluppare le nostre differenze, ricchezza della nazione”.

    Pontianak (AsiaNews) – “Non stancatevi mai di lavorare nel giardino del Signore per la giustizia sociale e la prosperità del Paese”. È l’invito rivolto dal presidente indonesiano Joko Widodo ai cittadini della nazione, ed in particolare a cattolici e cristiani, in occasione delle celebrazioni natalizie di Stato. Queste hanno avuto luogo a Pontianak, capitale provinciale del West Kalimantan, lo scorso 28 dicembre e per la terza volta si sono svolte in una città a maggioranza cristiana lontana da Jakarta.

    Contro il crescente clima di intolleranza ed il sempre più frequente sfruttamento del sentimento religioso a fini politici da parte dei gruppi estremisti, il presidente Widodo rinnova la sua ferma posizione in favore del multiculturalismo che caratterizza la società indonesiana. Numerosi personaggi di alto profilo della politica nazionale e regionale hanno partecipato alle cerimonie di Pontianak. Tra essi vi erano diversi ministri di gabinetto, l’ex vice presidente indonesiano Try Sutrismo, i capi di esercito e polizia, il governatore del West Kalimantan Cornelis.

    “Non importa quale sia la vostra professione – ha dichiarato Widodo nel suo intervento – Ciò che conta è il costante impegno per il bene del Paese. Il Signore non ci permetterebbe mai di essere inattivi, perciò dobbiamo fare qualcosa in modo serio per far sì che ogni cittadino goda della giustizia sociale e della prosperità di questa nazione”. “Il vero spirito del Natale è la semplicità, lo spirito di condivisione. Questa è la cosa più importante da promuovere, con la forte aspettativa di portare nuova speranza e cambiamento”, ha concluso il presidente.

    Durante la sua omelia, mons. Agustinus Agus, arcivescovo di Pontianak, ha indicato la pace come espressione del Natale e ribadito quanto espresso da Widodo. “Siamo chiamati ad orchestrare la nostra fratellanza come nazione. È con questo spirito che siamo chiamati ad estendere la nostra benedizione e la nostra carità agli altri”, ha affermato mons. Agus. “Il periodo natalizio richiama tutti i cittadini indonesiani ad accettare e sviluppare le nostre differenze, in quanto ricchezza della nazione, e a celebrarle come una benedizione”.

    Il giorno seguente le cerimonie di Pontianak, il presidente Widodo ha reso ufficiale la politica di “nazionalizzazione del costo dell’energia”, indicata dagli analisti come conferma del suo impegno per la giustizia sociale. La struttura geografica dell’arcipelago indonesiano incide con forza sulle tariffe per il trasporto dei beni di consumo. Dal momento che il prezzo di combustibili come il petrolio varia di isola in isola, tra le diverse province sono frequenti grandi disparità in termini di costo finale dei prodotti. Con il provvedimento, l’amministrazione intende porre fine al problema, imponendo prezzi comuni a tutti i produttori di risorse energetiche, comprese le compagnie controllate dallo Stato.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    07/11/2017 13:01:00 INDONESIA
    Kalimantan, la pastorale di un sacerdote Dayak tra i giovani tribali

    Essi sono spesso esposti a fenomeni come l’uso di droghe ed il gioco d’azzardo. P. Lukas Ahon dedica loro uno specifico programma di “faith coaching”. A Gunung Benuah, l’ultimo raduno giovanile dal titolo “Eucarestia per i giovani”. Le testimonianze di alcuni membri del comitato organizzatore e ragazzi che vi hanno partecipato.



    11/04/2017 13:31:00 INDONESIA
    West Kalimantan, apre la prima università pubblica cattolica in Indonesia

    Lo STAKatN era conosciuto con il nome di Istituto superiore pastorale Sant’Agostino. Il lungo percorso per ottenere il riconoscimento statale. Il traguardo raggiunto grazie al sostegno di importanti figure cattoliche locali. L’assenza di sacerdoti e catechisti è uno dei problemi più grandi per la comunità cattolica di Kalimantan. Mons. Pius Riana Prapdi: “l’assenza di educatori cattolici l’ostacolo principale alla diffusione della Fede”.



    29/12/2015 INDONESIA
    Timor ovest, il presidente Widodo festeggia il Natale coi cattolici
    Il capo del governo ha scelto Kupang, capoluogo di East Nusa Tenggara, per le celebrazioni di Stato. Nel discorso ha citato papa Francesco e mons. Albertus Soegijapranata SJ, primo vescovo indigeno del Paese ed eroe nazionale. Il Natale non è solo una “telenovela” ma “un tempo di cambiamento radicale, per farci più altruisti e rendere la nazione più ricca e pacifica”.

    26/07/2014 INDONESIA
    Indonesia, "gioia e speranza" della Chiesa per l'elezione di Jokowi
    Il presidente della Conferenza episcopale ad AsiaNews: "Widodo è l'uomo giusto per dare una svolta al nostro Paese". L'arcivescovo di Semarang: "Rimanga com'è oggi, semplice e vicino alla gente comune. Si impegni per gli emarginati". La soddisfazione della comunità economica: "Aiuterà a rilanciare lo sviluppo nazionale".

    21/10/2016 11:00:00 INDONESIA
    Economia, infrastrutture e diritti umani: i primi due anni di Joko Widodo

    Il presidente è in carica dal 20 ottobre 2014. Gli elogi per la politica finanziaria, l’amnistia sulle tasse e lo sviluppo delle infrastrutture nelle regioni periferiche. Le critiche per le violazioni dei diritti umani, le esecuzioni capitali e la castrazione dei pedofili.





    In evidenza

    EGITTO-LIBANO
    Al Cairo, musulmani e cristiani si incontrano per Gerusalemme, ‘la causa delle cause’

    Fady Noun

    Si è tenuta il 16 e 17 gennaio all’istituto sunnita al-Azhar. Hanno preso parte molte personalità del Libano, fra cui il patriarca maronita Bechara Raï. I mondo arabo diviso fra “complice passività” e “discorsi rumorosi ma inefficaci”. Ex-premier libanese: coordinare le azioni per una maggiore efficienza al servizio di una “identità pluralistica di Gerusalemme” e della “libertà religiosa”. Card. Raï: serve preghiera congiunta, la solidarietà interreligiosa islamico-cristiana in tutto il mondo arabo e sostenere i palestinesi.


    CINA
    Yunnan: fino a 13 anni di prigione per i cristiani accusati di appartenere a una setta apocalittica



    Le setta in questione è quella dei Tre gradi del Servizio, un gruppo pseudo-protestante sotterraneo fondato nell’Henan e diffuso soprattutto nelle campagne. I condannati rivendicano di essere solo cristiani e di non sapere nulla della setta. Gli avvocati difensori minacciati della revoca della loro licenza.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®