23 Ottobre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 07/05/2012
COREA DEL SUD
Il prezzo della crescita economica: bambini coreani sempre più soli
di Theresa Kim Hwa-young
Il Paese approva la "settimana corta" a scuola ma emerge subito un dato preoccupante: il sabato i bambini non mangiano, dato che i genitori sono a lavoro. Aumenta inoltre il consumo di cibo-spazzatura e diminuisce il numero di giovani sportivi.

Seoul (AsiaNews) - Il successo finanziario e la crescita economica della Corea del Sud rischiano di frammentare ancora di più le famiglie locali, che vedono nel lavoro e nello studio l'unico impiego in cui spendere energia. Mentre entra in vigore la "settimana corta" nelle scuole elementari del Paese - 5 giorni pieni a settimana contro i 6 svolti fino a oggi - una ricerca dimostra che 3 bambini su 10 passeranno da soli il sabato: i genitori, infatti, lavorano entrambi.

L'Unione degli insegnanti e degli educatori coreani (Ktu) ha condotto una ricerca su 1.523 bambini che frequentano la quinta e la sesta classe elementare. Di questi, il 27,9 % ha dichiarato di "mangiare da solo" il sabato a pranzo o di non mangiare affatto. Il campione suggerisce che siano 110.000 bambini totali (su 3,3 milioni di studenti) a rimanere soli per un giorno alla settimana.

Son Chung-mo, portavoce del Ktu, spiega: "Il problema era noto dallo scorso anno: il 30 % dei bambini che frequentano la scuola è figlio di persone che lavorano anche il sabato. Ora il ministero dell'Educazione deve entrare in azione: ad esempio si potrebbero mettere in piedi dei centri dove, nei giorni non scolastici, distribuire il pranzo e fare attività comuni".

Altre ricerche sempre sul settore scolastico indicano inoltre che la maggior parte degli studenti salta la colazione nei 5 giorni di frequenza. In questo caso i dati peggiori vengono dalla scuola secondaria: il 18,3 % di questi non mangia la mattina contro l'11,7 % degli studenti secondari. Aumenta inoltre sempre in questa fascia di età il consumo di "cibo-spazzatura", che porta a una maggiore pigrizia fra i ragazzi: soltanto il 45,5 % degli studenti secondari fa sport.

Il problema non è da poco. La Corea del Sud sta scalando le vette dell'economia mondiale e porta avanti un programma di industrializzazione e di miglioramento tecnologico senza pari in Asia, fatte le debite proporzioni rispetto a Cina e India. Ma questo successo - che si sviluppa soprattutto nel campo automobilistico e della telefonia - sta conducendo a una disgregazione familiare imponente. La Chiesa da anni mette in guardia contro tali pericoli e spinge le famiglie a recuperare i valori di condivisione necessari per andare avanti.

 

 

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
10/05/2010 VIETNAM
Abusi e violenze, il nuovo “ideale” dei giovani vietnamiti
di Nguyen Hung
24/01/2013 TAIWAN
Scuole a Taiwan: lo squilibrio fra i bambini “di città” e quelli delle aree rurali
di Xin Yage
13/01/2007 VIETNAM
Una scuola per i bambini di Bao Loc
di JB. Vu
10/07/2004 COREA DEL SUD
Incentivi statali contro la disoccupazione giovanile
26/02/2010 COREA DEL SUD
Corea del Sud, il Paese con il tasso di natalità più basso del mondo
di Theresa Kim Hwa-young

In evidenza
IRAQ - ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": raccolti e inviati quasi 700mila euro. La campagna continua
di Bernardo CervelleraInviata la seconda tranche di aiuti, raccolti nel mese di settembre. In Medio oriente e in Iraq si gioca il destino dei rapporti fra oriente e occidente. L'appello di papa Francesco e del Sinodo. I governi tiepidi. Gli aiuti giunti da tutto il mondo: una nuova comunità internazionale che sconfigge la "globalizzazione dell'indifferenza".
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.
ITALIA - IRAQ
Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul". Già raccolti oltre 350mila euro
di Bernardo CervelleraInviate al patriarca di Baghdad e ai vescovi del Kurdistan le donazioni ricevute fino al 31 agosto. La campagna serve a nutrire, alloggiare, vestire, consolare oltre 150mila profughi cristiani, yazidi, turkmeni, sciiti e sunniti, fuggiti dalla violenza dell'esercito del Califfato islamico. Una generosa partecipazione dall'Italia e da tutte le parti del mondo. Donazioni anche da chi è povero e senza lavoro. Una speranza per il mondo, per chi soffre e per chi dona.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate