28 Maggio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 07/05/2012, 00.00

    COREA DEL SUD

    Il prezzo della crescita economica: bambini coreani sempre più soli

    Theresa Kim Hwa-young

    Il Paese approva la "settimana corta" a scuola ma emerge subito un dato preoccupante: il sabato i bambini non mangiano, dato che i genitori sono a lavoro. Aumenta inoltre il consumo di cibo-spazzatura e diminuisce il numero di giovani sportivi.

    Seoul (AsiaNews) - Il successo finanziario e la crescita economica della Corea del Sud rischiano di frammentare ancora di più le famiglie locali, che vedono nel lavoro e nello studio l'unico impiego in cui spendere energia. Mentre entra in vigore la "settimana corta" nelle scuole elementari del Paese - 5 giorni pieni a settimana contro i 6 svolti fino a oggi - una ricerca dimostra che 3 bambini su 10 passeranno da soli il sabato: i genitori, infatti, lavorano entrambi.

    L'Unione degli insegnanti e degli educatori coreani (Ktu) ha condotto una ricerca su 1.523 bambini che frequentano la quinta e la sesta classe elementare. Di questi, il 27,9 % ha dichiarato di "mangiare da solo" il sabato a pranzo o di non mangiare affatto. Il campione suggerisce che siano 110.000 bambini totali (su 3,3 milioni di studenti) a rimanere soli per un giorno alla settimana.

    Son Chung-mo, portavoce del Ktu, spiega: "Il problema era noto dallo scorso anno: il 30 % dei bambini che frequentano la scuola è figlio di persone che lavorano anche il sabato. Ora il ministero dell'Educazione deve entrare in azione: ad esempio si potrebbero mettere in piedi dei centri dove, nei giorni non scolastici, distribuire il pranzo e fare attività comuni".

    Altre ricerche sempre sul settore scolastico indicano inoltre che la maggior parte degli studenti salta la colazione nei 5 giorni di frequenza. In questo caso i dati peggiori vengono dalla scuola secondaria: il 18,3 % di questi non mangia la mattina contro l'11,7 % degli studenti secondari. Aumenta inoltre sempre in questa fascia di età il consumo di "cibo-spazzatura", che porta a una maggiore pigrizia fra i ragazzi: soltanto il 45,5 % degli studenti secondari fa sport.

    Il problema non è da poco. La Corea del Sud sta scalando le vette dell'economia mondiale e porta avanti un programma di industrializzazione e di miglioramento tecnologico senza pari in Asia, fatte le debite proporzioni rispetto a Cina e India. Ma questo successo - che si sviluppa soprattutto nel campo automobilistico e della telefonia - sta conducendo a una disgregazione familiare imponente. La Chiesa da anni mette in guardia contro tali pericoli e spinge le famiglie a recuperare i valori di condivisione necessari per andare avanti.

     

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    10/05/2010 VIETNAM
    Abusi e violenze, il nuovo “ideale” dei giovani vietnamiti
    Secondo uno studio del governo docenti universitari e insegnanti fanno carriera grazie a minacce e ingiustizie compiute contro i rivali e trasmettono questi “nuovi valori” ai loro studenti. Essi considerano la violenza un normale comportamento della società e ogni anno oltre 6 milioni di giovani sono vittime o artefici di abusi.

    24/01/2013 TAIWAN
    Scuole a Taiwan: lo squilibrio fra i bambini “di città” e quelli delle aree rurali
    Lo rivela uno studio della Child Welfare League Foundation di Taipei. I coetanei che vivono nelle aree rurali vanno male anche per mancanza di strumenti tecnici. La disparità provoca una perdita di autostima, e il 25% dei bambini delle province non vuole iscriversi alle scuole medie.

    13/01/2007 VIETNAM
    Una scuola per i bambini di Bao Loc
    I giovani della diocesi di Da Lat organizzano nel villaggio di Bao Loc corsi di lingue e matematica ed hanno sensibilizzato la comunità sull’importanza degli studi scolastici. Prevista la costruzione di una biblioteca.

    10/07/2004 COREA DEL SUD
    Incentivi statali contro la disoccupazione giovanile


    26/02/2010 COREA DEL SUD
    Corea del Sud, il Paese con il tasso di natalità più basso del mondo
    Per il secondo anno consecutivo diminuisce il numero delle nascite: da 466mila del 2008 a 445mila nel 2009. L’indice di natalità per le donne tra i 15 e i 49 anni è di 1,14, con un calo di 0,04 punti. Esso causa un invecchiamento della popolazione e pesanti ripercussioni sul sistema previdenziale.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    La persecuzione dei cattolici durante la Rivoluzione culturale

    Sergio Ticozzi

    La documentazione di quel violento periodo è stata bruciata o è sepolta negli archivi. Solo alcuni sopravvissuti ne parlano. I persecutori tacciono nella paura. I roghi degli oggetti religiosi e arredi nell’Hebei. Vescovi umiliati e arrestati nell’Henan; suore battute e uccise con bastoni, o sepolte vive. La persecuzione “non è ancora finita”; oggi è forse solo più sottile.


    CINA
    Il silenzio sui 50 anni della Rivoluzione Culturale in Cina e in occidente

    Bernardo Cervellera

    La sanguinosa campagna lanciata da Mao Zedong ha ucciso quasi 2 milioni di persone e mandato nei lager altri 4 milioni. Ogni cinese è stato segnato dalla paura. Ma oggi, nessuna cerimonia in memoria è stata prevista e non è apparso nessun articolo di giornale. Le lotte interne del Partito e il timore di Xi Jinping di finire come l’Urss. Anche oggi, come allora, in Europa c’è chi tace e osanna il mito della Cina. Molti predicono un ritorno al “grande caos”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®