28 Agosto 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 07/05/2012
COREA DEL SUD
Il prezzo della crescita economica: bambini coreani sempre più soli
di Theresa Kim Hwa-young
Il Paese approva la "settimana corta" a scuola ma emerge subito un dato preoccupante: il sabato i bambini non mangiano, dato che i genitori sono a lavoro. Aumenta inoltre il consumo di cibo-spazzatura e diminuisce il numero di giovani sportivi.

Seoul (AsiaNews) - Il successo finanziario e la crescita economica della Corea del Sud rischiano di frammentare ancora di più le famiglie locali, che vedono nel lavoro e nello studio l'unico impiego in cui spendere energia. Mentre entra in vigore la "settimana corta" nelle scuole elementari del Paese - 5 giorni pieni a settimana contro i 6 svolti fino a oggi - una ricerca dimostra che 3 bambini su 10 passeranno da soli il sabato: i genitori, infatti, lavorano entrambi.

L'Unione degli insegnanti e degli educatori coreani (Ktu) ha condotto una ricerca su 1.523 bambini che frequentano la quinta e la sesta classe elementare. Di questi, il 27,9 % ha dichiarato di "mangiare da solo" il sabato a pranzo o di non mangiare affatto. Il campione suggerisce che siano 110.000 bambini totali (su 3,3 milioni di studenti) a rimanere soli per un giorno alla settimana.

Son Chung-mo, portavoce del Ktu, spiega: "Il problema era noto dallo scorso anno: il 30 % dei bambini che frequentano la scuola è figlio di persone che lavorano anche il sabato. Ora il ministero dell'Educazione deve entrare in azione: ad esempio si potrebbero mettere in piedi dei centri dove, nei giorni non scolastici, distribuire il pranzo e fare attività comuni".

Altre ricerche sempre sul settore scolastico indicano inoltre che la maggior parte degli studenti salta la colazione nei 5 giorni di frequenza. In questo caso i dati peggiori vengono dalla scuola secondaria: il 18,3 % di questi non mangia la mattina contro l'11,7 % degli studenti secondari. Aumenta inoltre sempre in questa fascia di età il consumo di "cibo-spazzatura", che porta a una maggiore pigrizia fra i ragazzi: soltanto il 45,5 % degli studenti secondari fa sport.

Il problema non è da poco. La Corea del Sud sta scalando le vette dell'economia mondiale e porta avanti un programma di industrializzazione e di miglioramento tecnologico senza pari in Asia, fatte le debite proporzioni rispetto a Cina e India. Ma questo successo - che si sviluppa soprattutto nel campo automobilistico e della telefonia - sta conducendo a una disgregazione familiare imponente. La Chiesa da anni mette in guardia contro tali pericoli e spinge le famiglie a recuperare i valori di condivisione necessari per andare avanti.

 

 

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
10/05/2010 VIETNAM
Abusi e violenze, il nuovo “ideale” dei giovani vietnamiti
di Nguyen Hung
24/01/2013 TAIWAN
Scuole a Taiwan: lo squilibrio fra i bambini “di città” e quelli delle aree rurali
di Xin Yage
13/01/2007 VIETNAM
Una scuola per i bambini di Bao Loc
di JB. Vu
10/07/2004 COREA DEL SUD
Incentivi statali contro la disoccupazione giovanile
26/02/2010 COREA DEL SUD
Corea del Sud, il Paese con il tasso di natalità più basso del mondo
di Theresa Kim Hwa-young

In evidenza
IRAQ-ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del Patriarca Louis Sako; le preoccupazioni del vescovo del Kurdistan
di Bernardo CervelleraIl capo della Chiesa caldea ringrazia per la campagna di AsiaNews e spera che "questa catena di solidarietà si allunghi". Aiutare i profughi a rimanere in Iraq. Ma molti vogliono fuggire all'estero. Il vescovo di Amadiyah, che ha accolto migliaia di sfollati nelle chiese e nelle case: Aiutiamo anche arabi (musulmani) e yazidi, in modo gratuito e senza guardare alle differenze confessionali.
ITALIA - IRAQ
"Adotta un cristiano di Mosul", rispondere nei fatti e con la vita all'emergenza irachenaAsiaNews lancia una raccolta fondi per sostenere i fedeli nel mirino dello Stato islamico, dopo le richieste del Patriarca di Baghdad e il pressante appello di papa Francesco "a assicurare gli aiuti necessari, soprattutto quelli più urgenti, a così tanti sfollati, la cui sorte dipende dalla solidarietà altrui". Oltre 100mila persone sono state costrette a fuggire dalle loro case senza niente addosso, e ora non hanno di che vivere. Per aiutarli, bastano 5 euro al giorno: i fondi raccolti saranno inviati al Patriarcato di Baghdad, che provvederà a distribuirli secondo i bisogni di ogni famiglia.
CINA-VATICANO
Vescovo e sacerdoti di Wenzhou denunciano la campagna del governo contro le croci e le chiese del Zhejiang
di Eugenia ZhangPer mons. Vincenzo Zhu Weifang, della Chiesa ufficiale, la campagna di distruzione aumenta l'instabilità sociale. E' vera persecuzione contro la fede cristiana. Il vescovo si scusa per non essere intervenuto prima: sperava che la campagna finisse presto. Fedeli cattolici e protestanti sono rimasti feriti per difendere i loro edifici sacri. I sacerdoti di Wenzhou: la campagna è ingiusta e colpisce anche edifici in regola. Questi "atti stupidi" del governo provocano una distruzione dell'armonia sociale.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate