29 Giugno 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 11/03/2015, 00.00

    KAZAKHSTAN

    Il "sovrano" kazako Nazarbayev verso la quinta rielezione

    George Voloshin

    A febbraio l'Assemblea del popolo del Kazakhstan ha chiesto di indire elezioni anticipate, come già avvenuto nel 2011. Grazie ad un emendamento del 2011, il presidente ha la facoltà di organizzare elezioni senza rispettare la naturale scadenza del mandato. Il motivo ufficiale è la crisi economica e il nazionalismo russo. La ragione reale è la continuità politica dell'attuale presidente.

    Astana (AsiaNews) - È in corso in queste ore ad Astana il XVI Congresso del partito Nur Otan che nominerà il candidato ufficiale alle prossime elezioni politiche anticipate del 26 aprile. Secondo gli analisti sarà, ancora una volta, l'attuale Presidente del Kazakhstan, Nursultan Nazarbayev. Presenti alla convention circa 2.000 persone, di cui 1.200 delegati provenienti da tutte le regioni del Paese. Se dovesse essere rieletto, come tutti si aspettano, sarebbe il quinto mandato per il politico 74enne, alla presidenza del più ricco Paese dell'Asia centrale fin dalla caduta del regime sovietico nel 1991.

    Il 25 febbraio 2015 il Presidente del Kazakhstan Nursultan Nazarbayev ha tenuto un discorso televisivo alla nazione in cui ha annunciato nuove elezioni presidenziali anticipate, che si terranno il 26 aprile. Il capo dello Stato ha usato il suo diritto a indire elezioni anticipate, garantito dall'articolo 41 (comma 1-3) della Costituzione. L'articolo in questione è stato introdotto per la prima volta nella legislazione nazionale il febbraio 2011 - due mesi prima dell'ultima elezione presidenziale, anch'essa tenuta prima della naturale scadenza del mandato. Egli ha dichiarato: "Le elezioni sono il più importante atto costituzionale e patriottico. Dobbiamo svolgerle in conformità alla legge, in modo aperto e trasparente, con la più ampia partecipazione possibile degli osservatori interni e internazionali" [Newskaz.ru, Akorda.kz, 25 febbraio].

    L'attuale mandato di Nazarbayev sarebbe dovuto terminare alla fine del 2016, mentre il suo precedente incarico sarebbe dovuto inizialmente finire a dicembre 2012. Ma, a seguito di una campagna nazionale organizzata dall'associazione "Kazakhstan 2020", nel gennaio del 2011 entrambe le camere del Parlamento hanno votato una risoluzione congiunta in cui si richiedeva al presidente di organizzare un referendum popolare. Lo scopo del referendum era quello di estendere il suo mandato presidenziale fino al 2020 senza tenere alcuna elezione. Dopo una ondata di pesanti critiche da parte dei Paesi occidentali, il presidente ha posto il veto a tale iniziativa e ha deciso di indire una elezione anticipata - grazie alla nuova prerogativa conferita dalla rapida approvazione dell'emendamento costituzionale [Lenta.ru, 2 febbraio 2011; Inform.kz, 1 febbraio 2015; Kursiv.kz, 16 gennaio 2011].

    Come è avvenuto quattro anni fa, anche l'ultima iniziativa di tenere rapide elezioni proviene ufficialmente  dal basso. Infatti il 14 febbraio 2015 l'Assemblea del popolo del Kazakhstan, un organo consultivo fondato nel 1995 e presieduto dallo stesso Nazarbayev, ha pubblicato una dichiarazione in cui si richiede un nuovo voto anticipato a causa dell'attuale contesto economico segnato da una crescente instabilità e delle tensioni geopolitiche in cui versa il contesto regionale del Kazakhstan. L'Assemblea ha dichiarato: "Per far navigare con successo il nostro Paese fuori dalla tempesta della seconda crisi finanziaria dal 2008, noi dobbiamo rinnovare il mandato di Nursultan Nazarbayev, per il bene della stabilità interna e dell'unità nazionale". Nello stesso giorno il partito Nur Otan, attualmente al governo (con 83 membri su 107 in Parlamento) e presieduto sempre dal presidente, ha espresso pieno appoggio alla proposta dell'Assemblea del popolo, seguito a breve distanza dagli altri due partiti che hanno rappresentanze parlamentari: il partito Comunista (7 membri) e Ak Zhol (8 membri) [Tengrinews.kz, Matritca.kz, 14 febbraio].

    Entrambe le camere del Parlamento hanno poi votato durante la settimana successiva per abbreviare l'incarico di Nazarbayev. Il presidente del Senato, Kassym-Zhomart Tokayev, ha posto la questione al Consiglio Costituzionale circa "l'esistenza di ostacoli per l'elezione presidenziale anticipata". E, infine, il 25 febbraio il Consiglio ha sgomberato ufficialmente la strada alle nuove elezioni confermando l'illimitato diritto costituzionale del presidente a decidere in ogni momento. Diritto di cui Nazarbayev si è avvalso il giorno dopo.

    Mentre il Presidente non ha ancora annunciato la sua candidatura, l'imminente congresso straordinario  del partito Nur Otan quasi sicuramente nominerà l'attuale presidente come il suo candidato ufficiale. Nel frattempo, si è svolto il congresso del partito Comunista del popolo del Kazakhstan, che ha eletto come suo candidato ufficiale Turgun Syzdykov, segretario del comitato centrale del partito [Newskaz.ru, 4 marzo; Forbes.kz, 25 febbraio; News.nur.kz, 19 febbraio].

    Durante le precedenti elezioni presidenziali dell'aprile 2011 Zhambyl Akhmetbekov, lo sfidante comunista, ha ottenuto l'1,36% dei voti, posizionandosi subito dopo il presidente del partito dei Patrioti, Gani Kassymov, che ha guadagnato l'1,94% del consenso popolare. Kassymov ha deciso di non ripresentarsi a questa nuova tornata elettorale. Un altro politico con qualche interesse al compito presidenziale, di basso profilo e con uno stile proprio, è Mels Eleusizov, il capo del movimento ambientalista Tabigat, che ha già corso nelle elezioni del 2005 e del 2011. Ma in entrambi i casi egli ha ottenuto il peggior risultato, rispettivamente lo 0,28 e l'1,15% dei voti.

    Il presidente in carica, Nazarbayev, ha vinto entrambe le elezioni con un risultato schiacciante: 91,15% nel 2005 e 95,55% dei voti nel 2011. Con tutta probabilità, Nazarbayev correrà per la rielezione anche questa volta. Lo scenario più plausibile finora è che il presidente in carica raccoglierà fino al 95% di tutti i voti espressi [vlast.kz, 16 febbraio; election.kz, 5 aprile 2011; election.kz, 6 dicembre 2005].

    Tra le motivazioni che spingono Nazarbayev a rinnovare di altri cinque anni il suo mandato, vi sono le pessime prospettive economiche che prevedono un peggioramento nei prossimi anni.  Ai calcoli di Astana contribuisce anche la minaccia posta dalle rivendicazioni nazionaliste della Russia nei confronti della grande regione dell'Asia Centrale. Secondo gli esperti, il prodotto interno lordo del Kazakhstan quest'anno sarà al di sotto del 2 percento, a causa della caduta del prezzo del petrolio da 100 dollari al barile nel 2014 a circa 60 dollari nel primo periodo del 2015. Al contrario, il PIL è cresciuto di 4,3 punti percentuali nel 2014 e di 6 punti nel 2013.

    Queste fosche previsioni sono condivise anche da autorevoli organizzazioni internazionali come la Banca Mondiale e la Banca Europea per la Ricostruzione e lo Sviluppo (EBRD). A causa anche del rapido deprezzamento del rublo russo nei confronti del dollaro americano - avvenuto durante il 2014-, ci si aspetta che la Banca centrale del Kazakhstan possa attuare una nuova svalutazione  della moneta nazionale (il tenge kazako), così come il governo ha fatto nel febbraio 2014 (svalutando la moneta del 19%) e nel febbraio 2009 (25%) [RIA Novosti, 25 gennaio; Inform.kz, 15 gennaio].

    Per concludere, anche se si ipotizza che la rielezione di Nazarbayev possa aiutare il Paese a superare le incombenti crisi - economica e geopolitica - con meno danni rispetto ad uno suo ritiro nel 2016, tutto questo non risponde alla domanda chiave che si aggira nelle menti di molti kazaki: "Chi succederà al presidente di 74 anni?"  Finora in realtà, Nazarbayev non ha mostrato alcun segno di voler lasciare il suo incarico.

    (Per gentile concessione della Jamestown Foundation, traduzione a cura di AsiaNews)

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    28/01/2012 KAZAKHSTAN
    Migliaia di persone in piazza contro il governo kazako
    I manifestanti denunciano brogli nelle ultime elezioni parlamentari. Al voto del 15 gennaio scorso il partito del presidente Nazarbayev ha vinto con l’81% dei voti.

    21/03/2016 15:48:00 KAZAKHSTAN
    Elezioni in Kazakhstan: vittoria schiacciante – ma contestata – per il partito di Nazarbayev

    Il partito Nur Otan ha ottenuto l’82,15% dei consensi. Governerà con i partiti alleati comunista e democratico. Osservatori dell’Osce hanno contestato il voto. La tornata elettorale è stata anticipata per riaffermare il mandato popolare del Parlamento in tempo di crisi. Ma il Paese è in crescita. La figlia del presidente, già erede designata, potrebbe diventare presidente della Camera.



    27/04/2015 KAZAKHSTAN
    Astana, plebiscito per Nazarbayev: rieletto presidente con il 97,7% dei voti
    Il leader kazako conquista un nuovo mandato e promette stabilità e prosperità. Ma davanti a sé ha la sfida di un’economia che rallenta sotto il peso del calo dei prezzi del petrolio e lo scenario di una crisi di successione.

    31/01/2011 KAZAKHSTAN
    La Corte costituzionale kazaka boccia il referendum su Nazarbayev, ma spetta a lui l’ultima parola
    La “spontanea” proposta popolare, approvata dal parlamento che ha un solo partito, prevede che il presidente, in carica dal 1991, possa rimanervi fino al 2020. La Corte dice che è incostituzionale, ma che l’ultima decisione spetta al capo dello Stato.

    09/01/2017 13:46:00 KAZAKHSTAN – SIRIA
    Il Kazakhstan fornisce ulteriori aiuti umanitari alla Siria

    Le provvigioni sono arrivate al porto siriano di Tartus e comprendono generi alimentari e medicinali. L’ambasciatore kazako in Giordania: “la situazione umanitaria è ancora catastrofica”.

     

     





    In evidenza

    VATICANO-CINA
    ‘Grave preoccupazione’ della Santa Sede per mons. Shao Zhumin, sequestrato dalla polizia da oltre un mese

    Bernardo Cervellera

    Il vescovo di Wenzhou (Zhejiang) sarebbe sottoposto a lavaggio di cervello per farlo aderire all’Associazione patriottica. Mons. Shao appartiene alla comunità sotterranea. È la prima volta in tre anni - da quando sono ripresi di dialoghi Cina-Santa Sede - che la Sala Stampa si esprime su un vescovo arrestato. Il dolore dei fedeli per il troppo silenzio. Per mons. Shao aveva parlato anche l’ambasciatore tedesco a Pechino, Michael Clauss. L’invito a pregare per mons. Shao e per “il cammino della Chiesa in Cina”.


    VATICANO
    Papa: le Chiese d’Oriente, vivaci malgrado persecuzioni e terrorismo



    Ricevendo i partecipanti all’assemblea della “Riunione delle Opere per l’Aiuto alle Chiese Orientali” Francesco raccomanda la formazione del clero. “Non dimentichiamo che in Oriente anche ai giorni nostri, i cristiani – non importa se cattolici, ortodossi o protestanti – versano il loro sangue come sigillo della loro testimonianza”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®