27 Settembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 27/04/2011, 00.00

    VIETNAM

    Il vescovo di Kontum fermato dalla polizia, con l’accusa di aver “battezzato persone”

    J.B. An Dang

    Mons. Michael Hoang Duc Oanh ha potuto celebrare la messa di Pasqua tra i montagnard del villaggio di Son Lang, nel quale non aveva potuto celebrare il Natale. Ha trovato poliziotti e donne della Lega comunista più numerosi dei fedeli.
    Kontun (AsiaNews) – Ha potuto celebrare la messa di Pasqua, ma è stato fermato e portato negli uffici della polizia, con l’accusa di aver battezzato. E’ l’ennesima violazione della libertà religiosa compiuta dalle autorità di Son Lang, nella contea di K’Bang (Vietnam centrale), nella zona dei montagnard. E’ accaduto al vescovo Michael Hoang Duc Oanh, recatosi nello stesso villaggio nel quale a Natale gli era stato impedito di celebrare la messa.
     
    In vista della Pasqua, il vescovo aveva inoltrato numerose petizioni alle autorità di ogni livello, chiedendo di poter celebrare la messa in un villaggio nel quale non era mai stato possibile celebrare l’eucaristia. Permesso che gli è stato concesso.
     
    Ma quando mons. Duc Oanh è arrivato, insieme a un sacerdote, ha trovato un’atmosfera ostile, con uomini della polizia e donne della Lega femminile comunista che superavano di numero i fedeli e che controllavano a sbeffeggiavano vescovo e cattolici. Una lunga fila dei quali ha chiesto di potersi confessare. La celebrazione del sacramento della riconciliazione è avvenuta tra scoppi di risa e battute a commento dei gesti dei fedeli.
     
    E dopo la messa, il vescovo e il sacerdote sono stati portati agli uffici della polizia e sottoposti per ore a interrogatori. Gli agenti hanno accusato il vescovo di aver violato il permesso avuto che “consentiva solo la celebrazione della messa di Pasqua”, mentre egli aveva anche “battezzato persone”, “superando deliberatamente ciò che gli era concesso”.
      
    Il vescovo ha protestato, negando di aver “battezzato persone”, e spigando di aver solo aiutato i fedeli a riconciliarsi con Dio. “Prima di mangiare - ha detto -  voi vi lavate le mani. Allo stesso modo, prima di partecipare alla messa, noi ci laviamo riconciliandoci con Dio”.
     
    La preoccupazione delle autorità comuniste e le loro accuse si spiegano col fatto che la diocesi vede un grandissimo numero di conversioni, testimoniate da 50mila battesimi negli ultimi due anni.
     
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    20/10/2015 VIETNAM
    Nuovo vescovo di Kontum, diocesi ferita da povertà, lebbra e poca libertà religiosa
    Mons. Aloisio Nguyễn Hùng Vị, 63 anni, è stato nominato da papa Francesco il 7 ottobre scorso e prenderà il posto di mons. Michael Hoàng Đức Oanh. Pluralità etnica, povertà e atteggiamento ostile del governo le questioni più urgenti. “Ho scelto il motto ‘Caritas in Veritate’ per ricordarmi che devo amare in modo disinteressato. Costruiamo il Regno di Dio nelle terre di missione”.

    27/12/2010 VIETNAM
    Proibita al vescovo di Kontum la messa di Natale coi montagnard
    In precedenza il governo aveva assicurato il permesso. Le autorità sono preoccupate per la grande ondata di conversioni nella diocesi: 50 mila negli ultimi due anni. La polizia ha cercato anche di ritirare la patente agli autisti del “vescovo vagabondo” che percorre centinaia di chilometri per il suo lavoro pastorale.

    06/04/2007 VIETNAM
    Nelle zone dei montagnard anche la messa di Pasqua serve a violare la libertà religiosa
    Con il pretesto di autorizzare le celebrazioni le autorità della provincia di Kontum, dove vivono le minoranze montagnard, controllano e limitano i diritti dei cattolici. La propagande continua a definire la Chiesa come una forza ostile.

    10/09/2008 VIETNAM
    Vescovo di Thai Binh, la violenza delle autorità di Hanoi sarà condannata dal mondo
    Il presule ha risposto così alle minacce proferite dai responsabili della pubblica sicurezza verso i pacifici manifestanti che chiedono la restituzione dei terreni della parrocchia di Thai Ha. Nuove manifestazioni di solidarietà dei vescovi.

    04/05/2015 VIETNAM
    Hanoi chiede ai vescovi pareri su una nuova legge sulle fedi, che viola la libertà religiosa
    Inusuale l’iniziativa del governo che, per un vescovo, fa avanzare il sospetto che si vogliano “fare le cose in modo che sembri democratico”. Le nuove norme violano “il diritto alla libertà di religione”, vanno contro la Dichiarazione universale dei diritti umani e la Costituzione della Repubblica socialista del Vietnam, dimostrano che scopo del governo è “interferire profondamente con gli affari religiosi”, proseguono in una politica che favorisce la corruzione e consente abusi alle autorità locali.



    In evidenza

    SIMPOSIO ASIANEWS
    Madre Teresa, la Misericordia per l’Asia e per il mondo (VIDEO)



    Pubblichiamo le registrazioni video degli interventi che si sono susseguiti durante il Simposio internazionale organizzato da AsiaNews il 2 settembre scorso. In ordine intervengono: P. Ferruccio Brambillasca, Superiore Generale del PIME; Card. Fernando Filoni, Prefetto della Congregazione di Propaganda Fide; Sr. Mary Prema, Superiora Generale delle Missionarie della Carità; P. Brian Kolodiejchuk, postulatore della Causa della Madre; Card. Oswald Gracias, arcivescovo di Mumbai; P. John A. Worthley, sull'influenza di Madre Teresa in Cina; una testimonianza sull'influenza di Madre Teresa nel mondo islamico; mons. Paul Hinder, vicario apostolico dell’Arabia meridionale.


    CINA - VATICANO
    Pechino diffonde la nuova bozza di regolamenti sulle attività religiose. Più dura

    Bernardo Cervellera

    Multe fino a 200mila yuan (27mila euro) per “attività religiose illegali” da parte di cattolici o altri membri di comunità sotterranee. Fra le “attività illegali” vi è la “dipendenza dall’estero” (ad esempio il rapporto col Vaticano). Si predica la non discriminazione, ma ai membri del partito è proibito praticare la religione anche in privato. Precisi controlli su edifici, statue, croci. Controlli serrati anche su internet. Forse è la fine delle comunità sotterranee.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®