1 Settembre 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato

invia ad un amico visualizza per la stampa


» 27/04/2011
VIETNAM
Il vescovo di Kontum fermato dalla polizia, con l’accusa di aver “battezzato persone”
di J.B. An Dang
Mons. Michael Hoang Duc Oanh ha potuto celebrare la messa di Pasqua tra i montagnard del villaggio di Son Lang, nel quale non aveva potuto celebrare il Natale. Ha trovato poliziotti e donne della Lega comunista più numerosi dei fedeli.

Kontun (AsiaNews) – Ha potuto celebrare la messa di Pasqua, ma è stato fermato e portato negli uffici della polizia, con l’accusa di aver battezzato. E’ l’ennesima violazione della libertà religiosa compiuta dalle autorità di Son Lang, nella contea di K’Bang (Vietnam centrale), nella zona dei montagnard. E’ accaduto al vescovo Michael Hoang Duc Oanh, recatosi nello stesso villaggio nel quale a Natale gli era stato impedito di celebrare la messa.
 
In vista della Pasqua, il vescovo aveva inoltrato numerose petizioni alle autorità di ogni livello, chiedendo di poter celebrare la messa in un villaggio nel quale non era mai stato possibile celebrare l’eucaristia. Permesso che gli è stato concesso.
 
Ma quando mons. Duc Oanh è arrivato, insieme a un sacerdote, ha trovato un’atmosfera ostile, con uomini della polizia e donne della Lega femminile comunista che superavano di numero i fedeli e che controllavano a sbeffeggiavano vescovo e cattolici. Una lunga fila dei quali ha chiesto di potersi confessare. La celebrazione del sacramento della riconciliazione è avvenuta tra scoppi di risa e battute a commento dei gesti dei fedeli.
 
E dopo la messa, il vescovo e il sacerdote sono stati portati agli uffici della polizia e sottoposti per ore a interrogatori. Gli agenti hanno accusato il vescovo di aver violato il permesso avuto che “consentiva solo la celebrazione della messa di Pasqua”, mentre egli aveva anche “battezzato persone”, “superando deliberatamente ciò che gli era concesso”.
  
Il vescovo ha protestato, negando di aver “battezzato persone”, e spigando di aver solo aiutato i fedeli a riconciliarsi con Dio. “Prima di mangiare - ha detto -  voi vi lavate le mani. Allo stesso modo, prima di partecipare alla messa, noi ci laviamo riconciliandoci con Dio”.
 
La preoccupazione delle autorità comuniste e le loro accuse si spiegano col fatto che la diocesi vede un grandissimo numero di conversioni, testimoniate da 50mila battesimi negli ultimi due anni.
 

invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
27/12/2010 VIETNAM
Proibita al vescovo di Kontum la messa di Natale coi montagnard
di Joseph Dang
06/04/2007 VIETNAM
Nelle zone dei montagnard anche la messa di Pasqua serve a violare la libertà religiosa
di Nguyen Van Tranh
10/09/2008 VIETNAM
Vescovo di Thai Binh, la violenza delle autorità di Hanoi sarà condannata dal mondo
04/05/2015 VIETNAM
Hanoi chiede ai vescovi pareri su una nuova legge sulle fedi, che viola la libertà religiosa
27/06/2012 VIETNAM
Vescovo di Kontum denuncia le autorità vietnamite per il sequestro di edifici religiosi

In evidenza
INDIA
Card. Toppo: Imparare dai tribali dell’India ad avere cura della terra e dei suoi abitanti
di Nirmala CarvalhoL’arcivescovo di Ranchi parla ad AsiaNews in occasione della Giornata mondiale di preghiera per la cura del creato (1 settembre). Nel Paese “più di un milione di tribali è cattolico, e nella nostra cultura noi rispettiamo la natura e ne celebriamo i doni”. Oggi “per essere veri testimoni di Cristo dobbiamo rispondere alla crisi ecologica attraverso una profonda conversione spirituale”.
VATICANO-IRAQ
P. Samir di Amadiya: Il Papa è la voce dei profughi irakeni
di Bernardo CervelleraIl sacerdote caldeo ha incontrato papa Francesco chiedendogli di tenere alta l’attenzione del mondo sui profughi cristiani di Mosul e della Piana di Ninive. Nella sua diocesi vivono 3500 famiglie cristiane e quasi mezzo milione di yazidi fuggiti davanti alle violenze dello Stato islamico. L’Isis non è tutto l’islam e vi sono musulmani che vogliono un Iraq della convivenza. I cristiani potrebbero emigrare, ma rimangono nella loro terra. I progetti di aiuto ai rifugiati: la scuola per i bambini, lavoro per gli adulti, una casa per ogni famiglia. L’appello di AsiaNews.
LIBANO
La Dichiarazione di Beirut: i musulmani in difesa della libertà dei cristianiLibertà di fede, di educazione e di opinione difese citando il Corano. Esse sono alla base dello Stato di diritto, che non deve essere uno Stato religioso. L’organo di riferimento dei sunniti del Libano condanna senza appello la violenza in nome di Dio. Il testo integrale del messaggio.

Dossier

Terra Santa Banner


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate