30 Settembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  •    - Brunei
  •    - Cambogia
  •    - Filippine
  •    - Indonesia
  •    - Laos
  •    - Malaysia
  •    - Myanmar
  •    - Singapore
  •    - Tailandia
  •    - Timor Est
  •    - Vietnam
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 21/10/2004, 00.00

    INDONESIA

    In nome dell'Islam attaccano allevatori cristiani e sgozzano maiali



    Un gruppo di musulmani ha ucciso 20 maiali nelle fattorie del sud Tatura, minacciando la sopravvivenza dei cristiani.

    Jakarta (AsiaNews/Afp) – Un gruppo di musulmani armati di lance e macete ha attaccato fattorie di cristiani indonesiani, sgozzando diversi maiali perché emanavano un cattivo odore. Secondo il Jakarta Post, quotidiano nazionale indonesiano, circa 20 maiali sono stati uccisi nelle fattorie del sud Tatura – provincia centrale del Sulawesi – mentre la polizia restava a guardare.

    Gli attacchi sono stati preceduti da una serie di minacce dirette agli allevatori; essi avrebbero dovuto smantellare gli allevamenti di maiali, considerati impuri dai musulmani.

    Abdul Haris, membro del movimento giovanile musulmano del sud Tatura, ha affermato che "le fattorie emanano cattivo odore e questa è un'offesa per noi, in particolare durante il Ramadan". "Gli allevatori continuavano a peccare e non tenevano conto dei nostri avvertimenti – continua Abdul Haris nell'intervista al Jakarta Post – per questo, durante una riunione, abbiamo deciso di passare all'azione. L'inquinamento e il fetore dovevano finire".

    Per l'Islam è proibito mangiare carne di maiale e il rispetto delle regole diviene ancora più rigoroso durante il Ramadan, mese sacro per i musulmani. L'Indonesia è la nazione con il maggior numero di fedeli musulmani al mondo.

    Nelle Sulawesi gli scontri fra cristiani e musulmani hanno causato la morte di quasi 1000 persone tra il 2000 e il 2001. Nel dicembre del 2001 il governo di Jakarta ha mediato per il raggiungimento di un accordo fra le due fazioni, ma le violenze continuano.  

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    29/10/2004 PAKISTAN
    Cristiani e musulmani: "Sconfiggere la cultura della violenza"


    18/10/2004 INDONESIA
    Ramadan: leader religiosi chiedono la chiusura di locali e ristoranti

    Limitata la vendita di alcol e l'apertura dei locali notturni. Il leader religioso Abu Bakar Ba'asyir rischia la condanna a morte per la strage di Bali



    08/04/2009 INDONESIA
    Provincia indonesiana a maggioranza cristiana posticipa le elezioni a causa della Pasqua
    Domani si vota per le politiche e le legislative. Dopo settimane di protesta il Comitato elettorale di East Nusa Tenggara rimanda il voto al 14 aprile. Solidarietà dai musulmani della provincia; contraria l’ala dell’islam radicale.

    02/11/2004 CINA
    Henan: Musulmani cinesi pronti a combattere per difendere la minoranza Hui


    13/11/2004 FILIPPINE
    Jolo: ucciso giornalista

    Stava realizzando un reportage sul Ramadan nel paese.





    In evidenza

    SIMPOSIO ASIANEWS
    Madre Teresa, la Misericordia per l’Asia e per il mondo (VIDEO)



    Pubblichiamo le registrazioni video degli interventi che si sono susseguiti durante il Simposio internazionale organizzato da AsiaNews il 2 settembre scorso. In ordine intervengono: P. Ferruccio Brambillasca, Superiore Generale del PIME; Card. Fernando Filoni, Prefetto della Congregazione di Propaganda Fide; Sr. Mary Prema, Superiora Generale delle Missionarie della Carità; P. Brian Kolodiejchuk, postulatore della Causa della Madre; Card. Oswald Gracias, arcivescovo di Mumbai; P. John A. Worthley, sull'influenza di Madre Teresa in Cina; una testimonianza sull'influenza di Madre Teresa nel mondo islamico; mons. Paul Hinder, vicario apostolico dell’Arabia meridionale.


    CINA - VATICANO
    Pechino diffonde la nuova bozza di regolamenti sulle attività religiose. Più dura

    Bernardo Cervellera

    Multe fino a 200mila yuan (27mila euro) per “attività religiose illegali” da parte di cattolici o altri membri di comunità sotterranee. Fra le “attività illegali” vi è la “dipendenza dall’estero” (ad esempio il rapporto col Vaticano). Si predica la non discriminazione, ma ai membri del partito è proibito praticare la religione anche in privato. Precisi controlli su edifici, statue, croci. Controlli serrati anche su internet. Forse è la fine delle comunità sotterranee.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®