24 Febbraio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 04/04/2008, 00.00

    TIBET - CINA

    Incidenti a Lhasa: manca ancora qualsiasi spiegazione “ufficiale”



    Pechino nega che suoi soldati abbiano fomentato le proteste e dice “falsa” la fotografia di un soldato travestito da monaco. Ma non spiega perché la polizia fosse impreparata alle prevedibili proteste. Oltre 1.000 arrestati saranno processati subito, prima di riammettere i media.

    Pechino (AsiaNews/Agenzie) – La Cina nega che suoi soldati travestiti da monaci abbiano istigato le violenze in Tibet. Intanto deve ammettere, dopo settimane, che la polizia ha sparato sulla folla tibetana nel Sichuan.

    Secondo Pechino la foto mostrata dal Dalai Lama (un monaco che impugna una spada che non è tibetana ma cinese) è davvero di un ufficiale dell’esercito vestito da monaco, ma è vecchia di tre anni. Dice che le forze di sicurezza non potevano indossare le uniformi estive della fotografia perché inadatte al freddo clima di marzo e perché cambiate nel 2005. Peraltro esuli tibetani hanno affermato che testimoni oculari hanno visto soldati travestiti da monaci, ma non li hanno ancora indicati. La Cina dice che nelle proteste sono morti 18 civili, ma il governo tibetano in esilio parla di almeno 140 morti accertati.

    Intanto Wang Xiangming, vicecapo del Partito comunista a Lhasa, ha ammesso che ci sono oltre 1.000 arrestati per le proteste, che saranno processati entro aprile. Poiché Pechino annuncia che il Tibet riaprirà ai turisti dal 1° maggio, è evidente la volontà di fare i processi senza osservatori esteri. Il Tibet è stato isolato il 16 marzo subito dopo l’esplosione delle violenze, che molti turisti presenti hanno raccontato ai media esteri o filmato, rendendo impossibile tenerle sotto silenzio.

    Xiao Youcai, vicecapo della prefettura che comprende la contea Aba (Sichuan), ha ammesso ieri per la prima volta che ivi la polizia ha sparato sui dimostranti il 16 e 17 marzo “ferendone alcuni”, precisando che l’ha fatto per autodifesa e che “non abbiamo visto morti”. La zona sarà presto riaperta ai turisti, ma “non è ancora sicura per i giornalisti”, “che non sono ancora benvenuti”. Ma il gruppo Campagna per un Tibet libero  parla di almeno 13 morti accertati.

    Pechino accusa dei disordini “la cricca del Dalai Lama”, ma dopo settimane manca qualsiasi attendibile ricostruzione della genesi delle rivolte, soprattutto per la rigida censura subito  imposta ai media e la chiusura della zona. Molti ritengono “incredibile” che la polizia non fosse pronta ad affrontare proteste, anche perché il 10 marzo, anniversario della fuga del Dalai Lama da Lhasa, le dimostrazioni sono ricorrenti. Peraltro i disordini sono esplosi il 14 marzo, dopo 4 giorni di proteste pacifiche dei monaci e dopo che esercito e polizia già erano arrivati in forze. Le stesse telecamere stradali della pubblica sicurezza e testimoni stranieri indicano l’assenza della polizia dai quartieri degli etnici han a Lhasa, al momento delle violenze.

    Le autorità del Tibet hanno fatto pubbliche “scuse” alle famiglie di 5 ragazze morte nell’incendio di un negozio di abbigliamento a Lhasa, il 14 marzo. Ripetendo che è colpa delle “attività secessioniste della cricca del Dalai Lama”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    26/03/2008 CINA - TIBET
    Olimpiadi: si inizia a parlare di boicottaggio
    Il presidente francese Sarkozy potrebbe boicottare la cerimonia d’apertura dei Giochi. Crescono le pressioni internazionali perché la Cina cessi la violenza e riapra il Tibet ai giornalisti. Pechino insiste che è tutto sotto controllo, ma dice alla polizia che la situazione è ancora “critica”.

    04/06/2008 INDIA - TIBET - CINA
    Gli esuli tibetani ricordano il massacro di piazza Tiananmen
    A Dharamsala una veglia e la proiezione di un documentario sul movimento cinese pro-democrazia. Le analogie con la recente repressione in Tibet. Attivista pro-Tibet: solidarietà con il movimento Madri di Tiananmen, che da 19 anni chiede giustizia.

    03/04/2008 TIBET - CINA
    Testimoni confermano: soldati di Pechino "vestiti da monaci” hanno innescato la violenza
    Leader tibetano difende la scelta non-violenta e afferma che soldati cinesi si sono travestiti da monaci per istigare violenze. “Non siamo terroristi”, temiamo che “la propaganda cinese” organizzi attentati per accusarci. A Lhasa l’esercito vessa anche i cinesi.

    01/04/2008 INDIA – CINA
    Il capitano della squadra di calcio indiana boicotta la torcia olimpica
    Bhaichung Bhutia non porterà il simbolo dei Giochi durante il passaggio in India, per protestare contro l’uso della violenza da parte delle autorità cinesi in Tibet. È il secondo atleta a mandare un segnale a Pechino.

    02/07/2011 CINA -TIBET
    I due volti di Wen Jiabao e del Partito comunista cinese
    Un quotidiano pubblica documenti riservati dei massimi organi politici cinesi. Ne emerge un potere che, in politica estera, diffonde un’immagine di pacifico sviluppo e di libertà. Ma in realtà vuole stroncare ogni critica e voce libera e incarcerare chi “disturba” tramite internet.



    In evidenza

    BANGLADESH
    Snehonir, la ‘Casa della Tenerezza’ per disabili (Foto)



    La struttura nasce 25 anni fa dall’opera delle suore Shanti Rani e dei missionari Pime. A Rajshahi accoglie disabili mentali e fisici, sordomuti, ciechi, orfani, poveri, abbandonati. “Il principio-guida è avviarli alla vita”.


    COREA
    L’abbraccio delle atlete della Corea unita, sconfitte in gara, ma ‘prime’ nella storia



    Oggi hanno perso l’ultima partita conto la Svezia e sono finite al settimo posto. Le lacrime per l’imminente separazione. L’orgoglio della coach canadese: “I politici hanno preso la decisione esecutiva. Le nostre giocatrici e il nostro staff sono quelli che l'hanno fatta funzionare”. Atleta sudcoreana: spero che il nostro Paese sia fiero di noi: era una cosa più grande dell’hockey.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®