15 Settembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 16/06/2012
NEPAL
Indù e monarchici nepalesi per una nuova rivoluzione contro la democrazia
di Kalpit Parajuli
Dal 28 maggio il Paese è senza una costituzione e rischia di restare senza un governo. In migliaia sono scesi in piazza lo scorso 9 giugno per denunciare la crisi di governo e il fallimento della repubblica. La protesta a favore della monarchia è la più numerosa dalla deposizione del re Gyanendra nel 2006. Ma la maggior parte dei nepalesi crede ancora nella democrazia.

Kathmandu (AsiaNews) - Gli indù nepalesi sono pronti a una nuova rivoluzione per far tornare sul trono il re Gyanendra Shah, deposto nel 2006 dopo 11 anni di guerra civile. Secondo i leader indù, la repubblica non è in grado di mandare avanti il Paese, da cinque anni senza un vero governo e una costituzione scritta.

Lo scorso 9 giugno, oltre 5mila persone hanno partecipato alla manifestazione pro-monarchia organizzata a Kathmandu dal Rastrya Prajatantra Party (Rpp - N) movimento politico che si batte per il ritorno della monarchia.  Il  per la prima volta dal 2006, hanno partecipato a una manifestazione contro la repubblica tutte le frange politiche che non vogliono la democrazia e lo Stato laico. Ma secondo i media la maggior parte dei nepalesi è per la democrazia.

Nel suo discorso, Kamal Thapa, leader del Rpp-N e ultimo Primo ministro di re Gyanendra, ha accusato i partiti politici nati dopo la caduta della monarchia di aver fallito. L'assenza di una nuova costituzione legittimerebbe l'insediamento del vecchio regime. "Ora - ha sottolineato - l'unico documento valido è la Costituzione del 1990, che prevede la monarchia costituzionale fondata sulla religione indù". "La repubblica - ha aggiunto - è fallita lo scorso 28 maggio con lo scioglimento dell'Assemblea costituente".   

Diversi analisti fanno notare la crescita dell'estremismo indù diffuso soprattutto fra i partiti che durante la guerra civile hanno combattuto al fianco della monarchia  e che in seguito sono stati esclusi dalla formazione del nuovo Stato democratico. L'Rpp-N trae forza dall'attuale clima di sfiducia nei confronti dei partiti. Chi subisce in modo maggiore la crisi politica e sociale in corso è il partito maoista, considerato da molti come il principale responsabile della crisi attuale. Ieri, nove deputati del Madhesi People's Right Forum, secondo partito della coalizione di governo, hanno rassegnato le dimissioni, per incompatibilità con le linee politiche dei maoisti. Essi accusano Bijay Kumar Gachchadar, vice-Primo ministro e leader del partito Madhesi, di aver boicottato le richieste in favore delle popolazioni della regione del Terai, per mantenere il potere. I monarchici sperano in un crollo del governo di Baburan Bhattarai, per scatenare nuove manifestazioni e tentare di reinsediare il vecchio regime. L'attuale premier è accusato di abuso di potere per aver programmato le elezioni dell'Assemblea costituente il 22 novembre senza consultare gli altri partiti e potrebbe cadere nei prossimi mesi.

Tuttavia, secondo i media, dopo sette anni di democrazia la maggior parte dei nepalesi è contro il ritorno della monarchia e spera in una nuova elezione per l'Assemblea costituente. A sostenere lo Stato laico sono soprattutto le minoranze etniche e religiose, che gestiscono la politica degli stati più lontani dalla capitale, ma anche più ricchi di risorse.  

K.B. Rokaya, leader cristiano e attivista per i diritti umani avverte "che il Paese non può più tornare indietro ora. Il ripristino della monarchia confessionale indù significherebbe un ritorno alla repressione delle minoranze, e noi non vogliamo subire nuove discriminazioni". "I cristiani e le altre minoranze - aggiunge - non dovranno più essere discriminate. La persecuzione contro le altre religioni deve finire".

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
21/09/2012 NEPAL
Nepal, i partiti laici contro la visita "religiosa" di re Gyanendra
di Kalpit Parajuli
01/09/2014 NEPAL
Premier nepalese: Nella nuova Costituzione, diritti alle minoranze e laicità
di Christopher Sharma
12/07/2012 NEPAL
Crisi economica e corruzione favoriscono l'ascesa dell'ex re indù
di Kalpit Parajuli
04/04/2012 NEPAL
Ex re del Nepal: le minoranze hanno diritto alla libertà religiosa e di culto
di Kalpit Parajuli
01/08/2012 NEPAL
Nepal, leader politici e religiosi insieme per difendere la laicità dello Stato
di Kalpit Parajuli

In evidenza
ITALIA - IRAQ
Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul". Già raccolti oltre 350mila euro
di Bernardo CervelleraInviate al patriarca di Baghdad e ai vescovi del Kurdistan le donazioni ricevute fino al 31 agosto. La campagna serve a nutrire, alloggiare, vestire, consolare oltre 150mila profughi cristiani, yazidi, turkmeni, sciiti e sunniti, fuggiti dalla violenza dell'esercito del Califfato islamico. Una generosa partecipazione dall'Italia e da tutte le parti del mondo. Donazioni anche da chi è povero e senza lavoro. Una speranza per il mondo, per chi soffre e per chi dona.
IRAQ-ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del Patriarca Louis Sako; le preoccupazioni del vescovo del Kurdistan
di Bernardo CervelleraIl capo della Chiesa caldea ringrazia per la campagna di AsiaNews e spera che "questa catena di solidarietà si allunghi". Aiutare i profughi a rimanere in Iraq. Ma molti vogliono fuggire all'estero. Il vescovo di Amadiyah, che ha accolto migliaia di sfollati nelle chiese e nelle case: Aiutiamo anche arabi (musulmani) e yazidi, in modo gratuito e senza guardare alle differenze confessionali.
ITALIA - IRAQ
"Adotta un cristiano di Mosul", rispondere nei fatti e con la vita all'emergenza irachenaAsiaNews lancia una raccolta fondi per sostenere i fedeli nel mirino dello Stato islamico, dopo le richieste del Patriarca di Baghdad e il pressante appello di papa Francesco "a assicurare gli aiuti necessari, soprattutto quelli più urgenti, a così tanti sfollati, la cui sorte dipende dalla solidarietà altrui". Oltre 100mila persone sono state costrette a fuggire dalle loro case senza niente addosso, e ora non hanno di che vivere. Per aiutarli, bastano 5 euro al giorno: i fondi raccolti saranno inviati al Patriarcato di Baghdad, che provvederà a distribuirli secondo i bisogni di ogni famiglia.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate