30 Settembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 16/06/2012, 00.00

    NEPAL

    Indù e monarchici nepalesi per una nuova rivoluzione contro la democrazia

    Kalpit Parajuli

    Dal 28 maggio il Paese è senza una costituzione e rischia di restare senza un governo. In migliaia sono scesi in piazza lo scorso 9 giugno per denunciare la crisi di governo e il fallimento della repubblica. La protesta a favore della monarchia è la più numerosa dalla deposizione del re Gyanendra nel 2006. Ma la maggior parte dei nepalesi crede ancora nella democrazia.

    Kathmandu (AsiaNews) - Gli indù nepalesi sono pronti a una nuova rivoluzione per far tornare sul trono il re Gyanendra Shah, deposto nel 2006 dopo 11 anni di guerra civile. Secondo i leader indù, la repubblica non è in grado di mandare avanti il Paese, da cinque anni senza un vero governo e una costituzione scritta.

    Lo scorso 9 giugno, oltre 5mila persone hanno partecipato alla manifestazione pro-monarchia organizzata a Kathmandu dal Rastrya Prajatantra Party (Rpp - N) movimento politico che si batte per il ritorno della monarchia.  Il  per la prima volta dal 2006, hanno partecipato a una manifestazione contro la repubblica tutte le frange politiche che non vogliono la democrazia e lo Stato laico. Ma secondo i media la maggior parte dei nepalesi è per la democrazia.

    Nel suo discorso, Kamal Thapa, leader del Rpp-N e ultimo Primo ministro di re Gyanendra, ha accusato i partiti politici nati dopo la caduta della monarchia di aver fallito. L'assenza di una nuova costituzione legittimerebbe l'insediamento del vecchio regime. "Ora - ha sottolineato - l'unico documento valido è la Costituzione del 1990, che prevede la monarchia costituzionale fondata sulla religione indù". "La repubblica - ha aggiunto - è fallita lo scorso 28 maggio con lo scioglimento dell'Assemblea costituente".   

    Diversi analisti fanno notare la crescita dell'estremismo indù diffuso soprattutto fra i partiti che durante la guerra civile hanno combattuto al fianco della monarchia  e che in seguito sono stati esclusi dalla formazione del nuovo Stato democratico. L'Rpp-N trae forza dall'attuale clima di sfiducia nei confronti dei partiti. Chi subisce in modo maggiore la crisi politica e sociale in corso è il partito maoista, considerato da molti come il principale responsabile della crisi attuale. Ieri, nove deputati del Madhesi People's Right Forum, secondo partito della coalizione di governo, hanno rassegnato le dimissioni, per incompatibilità con le linee politiche dei maoisti. Essi accusano Bijay Kumar Gachchadar, vice-Primo ministro e leader del partito Madhesi, di aver boicottato le richieste in favore delle popolazioni della regione del Terai, per mantenere il potere. I monarchici sperano in un crollo del governo di Baburan Bhattarai, per scatenare nuove manifestazioni e tentare di reinsediare il vecchio regime. L'attuale premier è accusato di abuso di potere per aver programmato le elezioni dell'Assemblea costituente il 22 novembre senza consultare gli altri partiti e potrebbe cadere nei prossimi mesi.

    Tuttavia, secondo i media, dopo sette anni di democrazia la maggior parte dei nepalesi è contro il ritorno della monarchia e spera in una nuova elezione per l'Assemblea costituente. A sostenere lo Stato laico sono soprattutto le minoranze etniche e religiose, che gestiscono la politica degli stati più lontani dalla capitale, ma anche più ricchi di risorse.  

    K.B. Rokaya, leader cristiano e attivista per i diritti umani avverte "che il Paese non può più tornare indietro ora. Il ripristino della monarchia confessionale indù significherebbe un ritorno alla repressione delle minoranze, e noi non vogliamo subire nuove discriminazioni". "I cristiani e le altre minoranze - aggiunge - non dovranno più essere discriminate. La persecuzione contro le altre religioni deve finire".

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    21/09/2012 NEPAL
    Nepal, i partiti laici contro la visita "religiosa" di re Gyanendra
    Con la scusa di un pellegrinaggio religioso, l'ex monarca ha dato il via a una visita nei distretti di Kanski, Myagdi e Parbat nella regione Occidentale. Le autorità locali maoiste annunciano il boicottaggio. Interi villaggi addobbati a festa per l'arrivo del re. Consensi soprattutto fra le classi povere di religione indù deluse dal Maoismo.

    01/09/2014 NEPAL
    Premier nepalese: Nella nuova Costituzione, diritti alle minoranze e laicità
    Sushil Koirala è intervenuto a un evento del Nepal Trust Office, ente governativo che censisce e controlla i beni appartenuti alla ex famiglia reale. Le parole del premier indeboliscono i movimenti indù filo-monarchici. Sacerdote gesuita: "La democrazia sarà più forte quando tutte le religioni saranno rispettate".

    12/07/2012 NEPAL
    Crisi economica e corruzione favoriscono l'ascesa dell'ex re indù
    In vista delle elezioni di novembre, Gyanendra Shah, deposto re del Nepal, continua la sua campagna mediatica per riprendersi il trono. Il Primo ministro maoista Bhattarai esclude un ritorno al passato e conferma il sistema repubblicano. La moglie Yami, membro del partito, critica i politici corrotti e non esclude un ritorno alla monarchia.

    04/04/2012 NEPAL
    Ex re del Nepal: le minoranze hanno diritto alla libertà religiosa e di culto
    Intervistato da AsiaNews Gyanendra Shah parla della sua campagna per il ritorno di una monarchia indù. Egli riconosce il grande contributo delle minoranze al bene del Paese e condanna gli attacchi terroristi in nome della religione.

    01/08/2012 NEPAL
    Nepal, leader politici e religiosi insieme per difendere la laicità dello Stato
    Cristiani, musulmani e rappresentanti della società civile temono la crescita dell'estremismo indù nel Paese. L'incontro è stato organizzato dal Freedom For All Nepal, associazione per il dialogo interreligioso.



    In evidenza

    SIMPOSIO ASIANEWS
    Madre Teresa, la Misericordia per l’Asia e per il mondo (VIDEO)



    Pubblichiamo le registrazioni video degli interventi che si sono susseguiti durante il Simposio internazionale organizzato da AsiaNews il 2 settembre scorso. In ordine intervengono: P. Ferruccio Brambillasca, Superiore Generale del PIME; Card. Fernando Filoni, Prefetto della Congregazione di Propaganda Fide; Sr. Mary Prema, Superiora Generale delle Missionarie della Carità; P. Brian Kolodiejchuk, postulatore della Causa della Madre; Card. Oswald Gracias, arcivescovo di Mumbai; P. John A. Worthley, sull'influenza di Madre Teresa in Cina; una testimonianza sull'influenza di Madre Teresa nel mondo islamico; mons. Paul Hinder, vicario apostolico dell’Arabia meridionale.


    CINA - VATICANO
    Pechino diffonde la nuova bozza di regolamenti sulle attività religiose. Più dura

    Bernardo Cervellera

    Multe fino a 200mila yuan (27mila euro) per “attività religiose illegali” da parte di cattolici o altri membri di comunità sotterranee. Fra le “attività illegali” vi è la “dipendenza dall’estero” (ad esempio il rapporto col Vaticano). Si predica la non discriminazione, ma ai membri del partito è proibito praticare la religione anche in privato. Precisi controlli su edifici, statue, croci. Controlli serrati anche su internet. Forse è la fine delle comunità sotterranee.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®