19 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 31/10/2017, 13.03

    INDIA

    India, arrestati e rilasciati missionari pentecostali e sette bambini cristiani

    Nirmala Carvalho

    I membri della Gospel Echoing Missionary Society erano accusati di conversioni forzate in Uttar Pradesh. I minori sono stati rinchiusi per una settimana in una struttura del Madhya Pradesh, senza poter vedere i genitori.

    New Delhi (AsiaNews) – In Uttar Pradesh alcuni cristiani pentecostali sono stati prima arrestati con l’accusa di conversioni forzate e poi rilasciati su cauzione; in Madhya Pradesh sette bambini hanno potuto riabbracciare i propri genitori, dopo essere stati rinchiusi in una struttura per minori per una settimana perché “colpevoli” di voler frequentare un corso di religione cristiana. Sono gli ultimi due episodi di intolleranza e discriminazione contro la minoranza cristiana in India.

    Il 28 ottobre un gruppo di estremisti indù presumibilmente del Bjp (Bharatiya Janata Party, partito nazionalista al governo – ndr) e dell’Rss (Rashtriya Swyamsevak Sangh, formazione paramilitare ultranazionalista indù – ndr), accompagnati dalla polizia di Dudhi, in Uttar Pradesh, hanno fatto irruzione nel complesso della chiesa cristiana locale. Qui erano radunate circa 1500 persone, in occasione di un incontro di preghiera e digiuno organizzato dai cristiani pentecostali della Gems (Gospel Echoing Missionary Society). Il raduno era stato autorizzato in precedenza e le autorità messe al corrente dell’evento.

    Sajan K George, presidente del Global Council of Indian Christians (Gcic), lamenta che “i radicali indù hanno fatto pressione sulla polizia affinchè arrestasse gli organizzatori”. Arrivati sul luogo dell’evento, i poliziotti hanno detto di aver ricevuto numerose telefonate che denunciavano conversioni forzate in atto. Poi hanno bloccato l’evento e disperso i partecipanti. Circa 230 persone, impossibilitate a riprendere il treno verso le loro case, sono state ospitate nella scuola d’inglese della Gems. Le autorità hanno incriminato i sette leader pentecostali, ma poi li hanno rilasciati il giorno seguente. Al contempo, alcuni estremisti hanno fatto visita alla scuola, per accertarsi che nessun raduno di preghiera avesse luogo.

    Secondo il presidente del Gcic, “i cristiani non stavano facendo niente di illegale, non stavano infrangendo la legge o creando problemi all’ordine pubblico. Al contrario, sono stati gli estremisti a creare confusione con le loro accuse fabbricate. L’arresto e la detenzione notturna sono una grave violazione della libertà religiosa. Noi cristiani non siamo cittadini di seconda classe, anche noi siamo titolari di garanzie costituzionali”.

    Nel frattempo ieri la sezione di Indore dell’Alta corte del Madhya Pradesh ha riconsegnato ai genitori sette bambini ospitati – ma di fatto segregati senza possibilità di vedere i parenti – in una struttura d’accoglienza per minori. Essi erano stati bloccati il 23 ottobre alla stazione di Indore mentre stavano per salire su un treno diretto a Mumbai. Nella megalopoli del Maharashtra avrebbero dovuto seguire un corso di religione. Nonostante i genitori fossero al corrente del motivo del viaggio e avessero dato il loro consenso, i bambini sono stati bloccati e i due accompagnatori cristiani, Anita Joseph, 50 anni, e Amrit Kumar, 51 anni, arrestati con l’addebito di conversioni forzate. Questi ultimi dovranno presentarsi davanti al giudice.

    Sajan K George lamenta: “L’India è sempre stata famosa per il suo pluralismo e la società multiculturale. Purtroppo oggi questi incidenti contro i cristiani lasciano spazio ad una sola ideologia nella società, ad un unico grande sistema di credenze che esclude, emargina e opprime tutte le persone di altre fedi”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    16/07/2011 INDIA
    Uttar Pradesh: arrestati con false accuse 5 pastori e fedeli pentecostali
    Un gruppo guidato da leader estremisti indù irrompe in un pacifico incontro di preghiera dei pentecostali. La polizia interviene e arresta i pastori con l’accusa di conversioni forzate. Nel popoloso Stato sono in aumento le violenze contro i cristiani.

    04/12/2012 INDIA
    Madhya Pradesh, violenze anticristiane. Polizia “complice” dei nazionalisti indù
    I sostenitori dell’hindutva sfruttano la legge-anticonversione vigente nello Stato. Nel distretto di Ratlam, attivisti indù hanno accusato alcuni cristiani pentecostali di praticare conversioni forzate, e dei poliziotti hanno ordinato di interrompere il servizio di preghiera in corso.

    31/07/2014 INDIA
    Madhya Pradesh: "incoraggiati" dal governo, radicali indù perseguitano i cristiani
    Lo denuncia ad AsiaNews Sajan K George, presidente del Global Council of Indian Christians (Gcic). Tra giugno e luglio vi sono stati numerosi attacchi contro la minoranza. In tutti i casi gli estremisti usano l'arma della "legge anti-conversione" per minacciare fedeli e leader religiosi cristiani.

    06/12/2017 12:01:00 INDIA
    Uttar Pradesh, sette cristiani pentecostali arrestati per ‘conversioni forzate’

    I fermati rinviati in custodia per 14 giorni. Incolpati anche di aver insultato le divinità indù. Sajan K George: “Allarmante l’aumento dei sospetti contro la minuscola e vulnerabile comunità cristiana”.



    23/05/2017 11:21:00 INDIA
    Uttar Pradesh, pastori arrestati: il carcere un ‘dono di Dio’

    I sei religiosi hanno trascorso dieci giorni in prigione. I nazionalisti indù li hanno denunciati per incitamento all’odio tra le religioni e tentata rivolta. I pastori maltrattati dalla polizia e dai compagni di cella. Ma “il nostro atteggiamento calmo e tranquillo li ha spinti ad avvicinarsi ed ascoltare il messaggio di amore di Cristo”.





    In evidenza

    COREA
    La Corea del Nord invierà una delegazione olimpica di alto livello a Pyeongchang



    Dopo due anni di tensioni, il primo incontro fra delegazioni di Nord e Sud Corea. Seoul propone che gli atleti di Nord e Sud marcino fianco a fianco nelle cerimonie di apertura e chiusura dei Giochi (9-25 febbraio 2018).


    VATICANO
    Papa: il rispetto dei diritti di persone e nazioni essenziale per la pace



    Nel discorso ai diplomatici Francesco ha chiesto la soluzione di conflitti – a partire dalla Siria – e tensioni – dalla Corea a Ucraina, Yemen , Sud Sudan e Venezuela – e auspicato accoglienza per i migranti e per gli “scartati”, come i bambini non nati o gli anziani e rispetto per i diritti alla libertà religiosa e di opinione, al lavoro.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®