20 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 04/03/2005, 00.00

    INDIA

    India, budget 2005: niente aiuti statali ai dalit cristiani

    Nirmala Carvalho

    Nel programma economico del Governo, previsti aiuti per lo sviluppo giovanile tra i musulmani, nessuna voce per i cristiani. John Dayal: servono interventi per combattere la povertà tra i cristiani dalit e tribali.

    Mumbai (AsiaNews) – Il budget del Governo per il 2005 rimarca le discriminazioni sociali, di cui sono oggetto i cristiani in India. Presentato a fine febbraio dal ministro delle finanze, PC Chidambram, il budget 2005-2006 ha trovato l'approvazione di mercati e industria, ma lo scontento dei cristiani. Esso stabilisce programmi di sviluppo per le zone rurali, investimenti esteri, ma nessuno stanziamento per i cristiani delle campagne, "i più poveri dei poveri". In un'intervista ad AsiaNews John Dayal, segretario del Consiglio nazionale per l'integrazione, ha sottolineato che "il budget dovrebbe prevedere fondi per potenziare l'economia delle minoranze, specialmente dei cristiani, una delle categorie più povere del paese".

    "Il budget - denuncia Dayal, anche presidente dell'All India Christian Council – prevede, ad esempio, fondi per lo sviluppo dei giovani musulmani, ma non fa menzione dei giovani cristiani". Il censimento governativo del 2001 ha mostrato le pessime condizioni sociali e economiche delle comunità cristiane in numerose zone rurali. "Questa situazione – ha sottolineato Dayal – affligge in modo particolare i giovani tribali e dalit". Secondo l'attivista per i diritti umani, questi hanno urgente bisogno di istruzione e di educazione al lavoro artigianale, ma "non possiamo farcela senza gli aiuti statali". L'attivista per i diritti umani ha reso noto che dei 5 miliardi di rupie (circa 86 milioni di Euro) del Fondo nazionale per lo sviluppo delle minoranze, non arriva niente alla comunità cristiana.

    Di un provvedimento si è detto soddisfatto Dayal: lo stanziamento di fondi a favore di donne e bambini, di cui una piccola parte andrà a beneficio anche delle donne cristiane.

    Il rispetto delle minoranze è comunque nei piani del Governo UPA (United Progressive Alliance). "Apprezziamo – ha dichiarato Dayal - la promessa delle autorità di pubblicare un libro bianco sulle comunità di minoranza e di redigere una legge per affrontare le violenze interreligiose".

    L'attivista ha concluso ricordando le parole del presidente APJ Abdul Kalam: "Non è sufficiente che l'India splenda, se non splende per tutti".

    Il programma economico del ministro Chidambram si concentra sullo sviluppo delle campagne, ma non dimentica il commercio e l'industria. Per la prima volta un ministro delle Finanze ha riconosciuto l'importanza dell'investimento estero diretto. Attenendosi al Programma minimo comune, Chidambram ha annunciato l'avvio della Missione nazionale per la salute rurale, che mira al potenziamento dei servizi medici di base in tutto il paese. Rispetto al 2004, i fondi per Sanità e Famiglia sono aumentati di 20 miliardi di rupie (oltre 340 milioni di Euro), quelli per la Difesa del 7,79 %.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    18/06/2007 INDIA
    Il prezzo del boom economico non può essere la vita dei più miseri
    In un’intervista ad AsiaNews il segretario di Giustizia e pace spiega come il boom economico dell’India avvenga spesso a danno dei più poveri, spogliati anche del poco che hanno, a vantaggio delle grandi ditte. La lotta della Chiesa per i loro diritti. Il richiamo al pensiero di Gandhi.

    28/11/2005 INDIA
    Partiti politici in India sostengono la causa dei Dalit cristiani

    Durante una manifestazione in Andhra Pradesh leader di sinistra promettono azioni legali e parlamentari, affinché i fuori casta cristiani ottengano gli stessi diritti di quelli accordati ai loro pari indù, buddisti e sikh; finora non è stato possibile a causa della dura opposizione dei partiti fondamentalisti (Bjp).



    05/08/2005 INDIA
    India, il Governo prepara un rapporto sulle condizioni dei musulmani

    Attivisti cattolici apprezzano il provvedimento, e chiedono di fare ricerche anche sui cristiani, soprattutto i Dalit.



    18/07/2005 INDIA
    Tamil Nadu, al via le udienze del Tribunale popolare dei Dalit cristiani

    I procedimenti verranno inviati anche al presidente e al premier indiano.



    10/08/2016 10:47:00 INDIA
    India, la Chiesa celebra il “Giorno nero” contro la discriminazione dei dalit

    Il 10 agosto 1950 sono state approvate le norme che colpiscono i “fuori casta” cristiani e islamici. La Conferenza episcopale ha invitato tutti i cattolici a manifestazioni, fiaccolate e scioperi della fame per protestare. Card. Gracias: “Non chiediamo alcun favore speciale ma solo giustizia ed uguaglianza”.

     





    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®