24 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 23/02/2017, 14.49

    INDIA

    India, suore francescane promuovono il dialogo interreligioso: È un’esperienza di liberazione

    Santosh Digal

    Nel 1986 le Francescane missionarie di Maria hanno creato gruppi per il dialogo interreligioso. La loro opera si sviluppa in Tamil Nadu, Andhra Pradesh e in altre aree dell’India. Hanno creato una rete di collaborazione con altre organizzazioni che sostengono relazioni amichevoli tra le comunità religiose. Grazie alla comprensione reciproca, disinnescati conflitti tra cristiani e musulmani.

    Chennai (AsiaNews) – Promuovono il dialogo interreligioso in India perché è “un’esperienza di liberazione”. Lo dice ad AsiaNews suor Mary John Kattikatta, membro delle Francescane missionarie di Maria (Fmm), parlando della sua missione in India. Insieme ad un gruppo di consorelle, dal 1986 suor Mary John si occupa di diffondere il dialogo e la conoscenza tra le varie comunità religiose in Tamil Nadu, Andhra Pradesh e in altre aree. La suora afferma che questo impegno “ci ha aiutato a verificare che tutta la popolazione del Paese, a prescindere dalla religione che professa, è figlia dello stesso Dio”.

    Una delle attività con cui promuovono il dialogo sono i circoli di studio delle fedi, dove si riuniscono appartenenti a comunità diverse. Una volta a settimana indù, musulmani e cristiani pregano, studiano e riflettono insieme sui libri sacri delle rispettive religioni. Suor Mary John riferisce che “questi studi ci hanno permesso di allargare i nostri orizzonti mentali e accettare il buono e il bello presenti nelle altre confessioni”.

    Nel corso degli anni le suore hanno creato una rete con gruppi simili che sostengono il dialogo interreligioso e l’approccio interculturale: essi sono l’Aleyam, la Madras Association of Inter-Cultural Philosophy, la Gandhi Peace Foundation e l’Inter-faith movement for human solidarity. “Grazie a queste attività con persone di altre fedi – afferma – abbiamo costruito relazioni amorevoli. Dialogare su ogni aspetto serve a vivere in maniera armoniosa in ogni contesto”.

    Tra le componenti del proprio lavoro, le suore visitano famiglie indù e musulmane. Si tratta di “un’esperienza gratificante, perché all’inizio la gente ci guardava in modo sospettoso. Quando essi si sono convinti che le nostre visite avevano come obiettivo il creare relazioni sane, il loro atteggiamento di indifferenza e indignazione è cambiato. Ora sono nostri amici e partner nei dialoghi”.

    Un risultato tangibile dell’opera sociale delle suore è come essa sia riuscita a disinnescare gravi attriti tra cristiani e musulmani. Suor Mary John ricorda un episodio in particolare: “Qualche anno fa alcuni fanatici cristiani hanno distribuito volantini religiosi all’esterno di una moschea, mentre i fedeli islamici uscivano dopo la preghiera. Offesi nel loro sentimento religioso e temendo fosse un tentativo di convertirli al cristianesimo, i musulmani hanno reagito malmenando il pastore. Ma poi la loro violenza è stata sedata grazie all’intervento di un musulmano molto rispettato nella comunità, che è membro dei nostri gruppi di dialogo. Il conflitto si è risolto perché egli ha saputo riconoscere e apprezzare i nostri sforzi nel costruire l’armonia in quell’area”.

    “Il nostro unico scopo – conclude suor Mary – è comunicare il messaggio di amore di Dio. Siamo qui per rafforzare un atteggiamento di inclusione e per entrare in comunione con tutti, mantenendo sempre la nostra identità di cristiani”. 

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    11/02/2005 CINA
    Disabili mentali accuditi dalle suore di Xian


    07/12/2015 INDIA
    Tamil Nadu: Noi missionarie colpite dall’alluvione, in aiuto ai nostri vicini
    La città di Chennai è ancora inondata. L’aeroporto è stato riaperto al traffico e la corrente elettrica è tornata nelle case. “Nei giorni di maggior intensità, la pioggia arrivava fino al collo”. Le suore stanno distribuendo latte, pane, biscotti e vestiti “di loro proprietà o donati da amici”. Il governo stanzia dei finanziamenti, “ma ancora non sappiamo come saranno utilizzati in concreto”.

    12/09/2016 13:17:00 INDIA
    Suora francescana: La sfida della missione nelle isole Andamane

    Suor Hilda Mary appartiene alla congregazione delle Missionarie francescane di Maria. Il Territorio dell’Unione è un arcipelago formato da 572 isole. I gruppi tribali sono numerosissimi e parlano diverse lingue. L’unica diocesi è stata eretta nel 1985; il lavoro di donne, giovani e uomini; il servizio delle missionarie.



    16/05/2017 12:13:00 INDIA
    Uttar Pradesh, quattro suore della Croce ‘messaggere di Cristo’ tra indù e musulmani

    Lo Stato è il più popoloso di tutta l’India, con oltre 200 milioni di abitanti. Al governo da poco si è insediato un guru nazionalista indù. Le missionarie operano in campo sociale, educativo e nell’aiuto agli studenti. Visitano i villaggi più remoti e ascoltano le richieste delle persone. “Nonostante le sfide e i problemi, non ci perdiamo d’animo”.



    20/04/2010 INDIA
    L’assassino pentito di suor Rani: “I cristiani, speranza per l’India”
    Samandar Singh si è pentito dopo aver ucciso la religiosa nel 1995. Oggi è un uomo diverso, che aiuta i tribali e considera la famiglia di suor Rani “la sua famiglia”. Ma conferma il clima di odio anti-cristiano che attraversa l’India e invita i suoi connazionali a vedere la verità sulla presenza dei missionari nel Paese.



    In evidenza

    MYANMAR-VATICANO
    Yangon, ‘ore frenetiche’ per l’arrivo del papa. L’impegno dei cattolici per i pellegrini

    Paolo Fossati

    Attese 200mila persone per la messa solenne al Kyaikkasan Ground. Tra loro anche leader buddisti e musulmani. In arrivo 6mila ragazzi per la messa dei giovani del giorno seguente. Anche filippini, australiani e thailandesi per lo storico viaggio apostolico di papa Francesco. Dal nostro inviato.


    YEMEN
    Il genocidio dello Yemen: dopo le bombe, la fame, la sete e il colera

    Pierre Balanian

    La coalizione guidata da Riyadh blocca l’arrivo di carburante necessario per far funzionare i pozzi. Oltre un milione di persone senza acqua a Taiz, Saada, Hodeida, Sana’a e Al Bayda. Secondo l’Unicef, 1,7 milioni di bambini soffrono di malnutrizione acuta”; 150mila bambini rischiano di morire di stenti nelle prossime settimane. Il silenzio e l’incuria della comunità internazionale. La minaccia di colpire le navi-cargo del greggio. Ieri l’Arabia saudita ha permesso la riapertura dell’aeroporto di Sana’a e del porto di Hudayda, ma solo per gli aiuti umanitari. Una misura insufficiente.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®