20 Ottobre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 14/08/2008, 00.00

    INDONESIA

    Indonesia, tribale ucciso dalla polizia durante la festa dei popoli indigeni



    Lo scorso 9 agosto nel West Papua le forze dell’ordine hanno aperto il fuoco contro la folla che celebrava la Giornata internazionale dei Popoli Indigeni, ammazzando un tribale. Il governo di Jakarta e la polizia respingono le accuse e parlano di manifestazione “illegale”.

    Jayapura (AsiaNews) – Lo scorso 9 agosto, in concomitanza con la Giornata internazionale dei Popoli Indigeni, la polizia indonesiana ha ferito a morte un nativo della provincia di West Papua.

    L’incidente è avvenuto nella città di Wamena, capitale del distretto di Jayawijaya, nel corso delle celebrazioni previste per la giornata dei popoli indigeni; sino a quel momento non si erano registrati momenti di tensione e la festa si svolgeva in maniera pacifica. La situazione è precipitata verso la fine del discorso tenuto da Forkorus Yaboisembut, presidente del Consiglio per i costumi e le tradizioni di Papua, quando la folla ha cominciato a issare quattro bandiere: quella delle Nazioni Unite, la bandiera del West Papua indipendente, il simbolo dell’S.O.S. – a sottolineare la situazione d’emergenza che si vive nella zona – e la bandiera nazionale indonesiana.

    Appena alzati gli stendardi, la polizia ha aperto il fuoco ad altezza uomo. Nella foto pubblicata – tratta dal sito internet FreeWestPapua – si vedono gli agenti indonesiani pochi istanti prima di aprire il fuoco contro la folla. Uno dei proiettili vaganti ha colpito in pieno Opius Tabuni, un tribale che al momento della sparatoria si trovava nella zona per prendere parte ai festeggiamenti.

    Il governo di Jakarta e la polizia respingono ogni accusa e negano vi siano stati degli spari da parte delle forze dell’ordine. Essi cercano inoltre di imputare ai nativi del West Papua le responsabilità in merito all’incidente, sottolineando che la loro manifestazione era “illegale” perchè priva delle necessarie autorizzazioni.

    Una accusa respinta al mittente dal reverendo Socrates Sofyan Yoman, pastore protestante della Chiesa battista, secondo cui i nativi avevano tutti i diritti di “manifestare”, anche perchè essi sono gli abitanti “originari” della zona e gli unici a “vantare un diritto di proprietà” sul territorio.  

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    12/08/2017 12:26:00 PAKISTAN
    Lahore, minoranze etniche e religiose: porre fine alle discriminazioni

    È necessario assicurare un'efficace partecipazione politica e la rappresentatività delle minoranze religiose. L’appello in occasione della Giornata Nazionale delle Minoranze. Le proposte del movimento Rwadari Tehreek.



    10/08/2017 13:09:00 BANGLADESH
    Dhaka, i diritti degli indigeni da iscrivere nella costituzione

    Nella Giornata internazionale dedicata ai popoli indigeni, organizzata una manifestazione con migliaia di partecipanti. Danze, musiche, processione con candele. Muhammed Zafar Iqbal, scrittore ed educatore. La diversità è bellezza. Ma il governo si dimentica dei diritti delle minoranze.



    21/03/2005 CINA-USA
    Dissidente musulmana liberata: senza diritti umani, gli affari sono inutili

    Rebiya Kadeer, dissidente politica di etnia Uighur, rilasciata il 17 marzo dalle carceri cinesi, dagli Stati Uniti parla di diritti umani, economia e prigioni cinesi.



    21/09/2005 CINA – TIBET
    Tibet, monaco "rapito" dalle forze di sicurezza cinesi

    Human Rights Watch denuncia da agosto la sparizione del religioso, Sonam. Dietro le fastose celebrazioni ufficiali per il 40° anniversario della creazione della Regione autonoma del Tibet tibetani rapiti e intere famiglie spostate con la forza in campagna per semplici sospetti.



    16/03/2012 INDONESIA
    Vescovo di Papua: falsità la conversione all'islam di un leader tribale
    Gruppi musulmani e tv di Stato avevano diffuso la notizia, celebrandola come un grande evento. Mons. Aloysius Murwito OFM chiarisce che si tratta della scelta personale di un semplice cittadino, che non ricopre cariche politiche o posizioni ufficiali. E avverte: false notizie possono creare tensioni in seno ai tribali Asmat.



    In evidenza

    MYANMAR
    Non solo Rohingya: la persecuzione delle minoranze cristiane in Myanmar



    La sofferenza di Kachin, Chin e Naga. La discriminazione su basi religiose è in certi casi addirittura istituzionalizzata. I cristiani sono visti come espressione di una fede straniera ed in contrasto con la visione nazionalista. Per anni il regime militare ha introdotto feroci misure discriminatorie.


    VATICANO - ASIA
    Il mondo ha urgenza della missione della Chiesa

    Bernardo Cervellera

    Ottobre è un mese consacrato al risveglio della missione fra i cristiani. Nel mondo c’è indifferenza o inimicizia verso Dio e la Chiesa. Le religioni sono considerate la fonte di tutte le guerre. Il cristianesimo è l’incontro con una Persona, che cambia la vita del fedele e lo mette al servizio delle ferite del mondo, lacerato da frustrazioni e guerre fratricide. L’esempio del patriarca di Baghdad e del presidente della Corea del Sud.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®