2 Settembre 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato

invia ad un amico visualizza per la stampa


» 27/04/2010
INDIA
Inflazione indiana al 9,9%, più rapida della crescita economica
L’India ha ripreso una rapida crescita, ma l’inflazione corre di più. Il governatore della Banca centrale parla della politica monetaria e finanziaria del Paese, che adotta scelte in “controtendenza” rispetto a Cina e ad altri Stati asiatici.

New Delhi (AsiaNews/Agenzie) – La crescente inflazione è “il grande problema” per l’economia indiana. Lo dice Duvvuri Subbarao, governatore della centrale Banca di India, in un discorso tenuto al prestigioso Peterson Institute for International Economics a Washington, e annuncia l’intenzione di rinunciare in modo “graduale” ai finanziamenti erogati quale “stimolo” per l’economia, per non colpire la crescita del Paese.

A marzo l’indice dei prezzi al consumo è cresciuto del 14,9%, il massimo da 17 mesi, spinto dagli aumenti di alimenti e generi di lusso, mentre il costo delle materie per le imprese industriali è salito del 9,9% a febbraio. Da novembre gli alimenti hanno sempre avuto aumenti superiori al 15%. La giustificazione ufficiale parla delle cattive piogge monsoniche del 2009 e alla conseguente diminuita produzione agricola, ma altre fonti accusano la presenza di fenomeni speculativi e osservano che il Paese è carente di infrastrutture come strade e porti, così che è meno rapido e facile il trasporto delle merci, specie quelle deperibili come gli alimenti.

Gli stimoli fiscali e monetari finora concessi hanno molto aiutato l’economia, ma Subbarao ha osservato che gli investimenti e il consumo privato non hanno ancora recuperato del tutto e rimangono inferiori rispetto ai livelli precedenti alla crisi finanziaria globale. Il governatore ha anche difeso la rigida politica monetaria adottata dalla Banca di India, che tiene ancora bassi gli interessi sui prestiti monetari, al fine di non deprimere la ripresa economica. Politica che appare difforme rispetto agli altri Stati asiatici in via di sviluppo, dalla Cina alla Malaysia, che hanno tutti aumentato il costo del denaro o adottato misure per drenare l’eccessiva liquidità del sistema bancario, appunto al fine di contenere l’inflazione e prevenire bolle speculative.

Subbarao prevede per l’India una crescita del 7,5% per l’anno fiscale 2009/2010 (terminato il 31 marzo 2010) e non inferiore all’8% per quello successivo, con “una crescita industriale abbastanza robusta”. Ma, come premesso, negli ultimi mesi l’inflazione ha marciato più rapida. Anche per questo egli ha ribaduto che “il grande problema è l’inflazione”, che “può essere abbattuta solo in modo graduale” per non deprimere domanda od offerta, ma consentendo loro un progressivo allineamento.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
26/02/2010 INDIA
Contro la crisi, il governo sostiene l’agricoltura e modernizza le infrastrutture
31/01/2008 INDIA
Crescita record dell’India nell’anno finanziario 2006/2007
15/02/2011 CINA
Accelera l’inflazione, spinta dai prezzi alimentari e da quelli immobiliari
19/07/2007 CINA
Accelera la crescita economica, ma ancor più l’inflazione
13/07/2011 INDIA
India, rallenta ancora la crescita industriale, diminuiscono i consumi

In evidenza
INDIA
Card. Toppo: Imparare dai tribali dell’India ad avere cura della terra e dei suoi abitanti
di Nirmala CarvalhoL’arcivescovo di Ranchi parla ad AsiaNews in occasione della Giornata mondiale di preghiera per la cura del creato (1 settembre). Nel Paese “più di un milione di tribali è cattolico, e nella nostra cultura noi rispettiamo la natura e ne celebriamo i doni”. Oggi “per essere veri testimoni di Cristo dobbiamo rispondere alla crisi ecologica attraverso una profonda conversione spirituale”.
VATICANO-IRAQ
P. Samir di Amadiya: Il Papa è la voce dei profughi irakeni
di Bernardo CervelleraIl sacerdote caldeo ha incontrato papa Francesco chiedendogli di tenere alta l’attenzione del mondo sui profughi cristiani di Mosul e della Piana di Ninive. Nella sua diocesi vivono 3500 famiglie cristiane e quasi mezzo milione di yazidi fuggiti davanti alle violenze dello Stato islamico. L’Isis non è tutto l’islam e vi sono musulmani che vogliono un Iraq della convivenza. I cristiani potrebbero emigrare, ma rimangono nella loro terra. I progetti di aiuto ai rifugiati: la scuola per i bambini, lavoro per gli adulti, una casa per ogni famiglia. L’appello di AsiaNews.
LIBANO
La Dichiarazione di Beirut: i musulmani in difesa della libertà dei cristianiLibertà di fede, di educazione e di opinione difese citando il Corano. Esse sono alla base dello Stato di diritto, che non deve essere uno Stato religioso. L’organo di riferimento dei sunniti del Libano condanna senza appello la violenza in nome di Dio. Il testo integrale del messaggio.

Dossier

Terra Santa Banner


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate