29 Maggio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 12/02/2007, 00.00

    INDONESIA - COREA DEL SUD

    Influenza aviaria: nuovi morti in Indonesia e altri contagi in Corea



    Morti una ragazza e un bambino, portati in ospedale troppo tardi. In Corea del Sud abbattuti altri 300mila polli, ma la rigida quarantena non ferma il virus, portato dagli uccelli migratori. Contagi in Asia da Hong Kong alla Turchia.

    Jakarta (AsiaNews) – Due nuove morti per influenza aviaria in Indonesia. Intanto il contagio si estende in Corea del Sud nonostante i decisi interventi del governo.

    Il dott. Yudi Prayudha ha confermato ieri la morte di una giovane di 20 anni nell’ospedale Slamet della reggenza di Garut, a circa 80 km. dalla capitale Badung nella provincia di Java occidentale. Il medico ha spiegato che la donna era stata ricoverata alcuni giorni prima in condizioni critiche, dopo che “già da una settimana soffriva di polmonite, febbre alta e tosse”. Il funzionario sanitario Nan M. Adnan definisce “priva di fondamento” l’ipotesi che la donna abbia preso il virus da altri esseri umani, mentre è stato confermato il contatto con polli malati. Poche ore dopo nell’ospedale Slamet è deceduto anche un bambino di 9 anni. Nell’ultimo mese sono state ivi ricoverate tre persone: un altro paziente, Dase Suhendar di 30 anni, è stato dimesso la scorsa settimana.

    I. Nyoman Kandun, direttore generale per la malattie infettive del ministero della Sanità, ha commentato che “le amministrazioni provinciali debbono imitare Jakarta nello sforzo di tenere i polli lontani dalle persone”. Jakarta ha proibito i pollai domestici, ma è difficile farlo nel Paese. La popolazione ne trae un’importante fonte di cibo e di reddito e ha una passione per i galli da combattimento che alleva presso la propria abitazione.

    Corea del Sud. Il 10 febbraio il governo provinciale di Kyonggi ha confermato “la morte di polli presso un allevamento ad Ansong per il virus H5N1” e ha annunciato che saranno abbattuti circa 300 mila polli entro un raggio di 3 km. dal contagio. Sono stati anche abbattuti 7mila tra maiali e capi di bestiame vario entro un raggio di 500 metri e distrutte circa 30mila uova già inviate dalla fattoria a Seoul. Proibito il commercio verso altre regioni per uccelli e uova allevati nelle fattorie site tra i 3 e i 10 km. dal contagio. La fattoria si trova a circa 24 km. dall’allevamento di Chonan, provincia di Chungchong meridionale, dove c’è stato un contagio il 20 gennaio, e a 60 km. da quello di Asan dove il virus si è manifestato a dicembre. Si pensa che il virus sia stato trasmesso dagli uccelli migratori che vivono lungo il vicino fiume Ansong. Ma il 9 febbraio David Nabarro, coordinatore delle Nazioni Unite per l’aviaria, ha espresso il sospetto che questi contagi siano dovuti “al commercio di uccelli vivi, piuttosto che ai movimenti degli uccelli migratori”.

    E’ il 6° contagio nel Paese da novembre, quando scoppiò un focolaio infettivo a Iksan, nella provincia di Cholla settentrionale. La provincia di Kyonggi ha già sofferto per il contagio nel dicembre 2003 e nel marzo 2004, ma da allora ne era rimasta immune.

    Pakistan. Confermato il 10 febbraio un altro contagio tra i polli della capitale Islamabad.

    Hong Kong. Hanno il virus due uccelli trovati morti nel distretto di Mongkok. Sotto osservazione il locale giardino degli uccelli, ma non c’è “nulla di anormale”.

    Turchia. La scorsa settimana sono stati confermati un nuovo contagio nella povera provincia di Batman e il ricovero di un quarto bambino con sintomi sospetti. (MH-TKH)

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    13/05/2008 COREA DEL SUD
    Influenza aviaria: abbattuto tutto il pollame di Seoul
    Oltre 30 contagi in un mese, misure drastiche per contenere il virus. Uccisi già 6,8 milioni di polli, ma l’infezione di H5N1 continua a propagarsi.

    04/04/2007 HONG KONG - CINA
    Infuenza aviaria fra gli uccelli migratori di Hong Kong. Il silenzio della Cina
    Scoperto un nuovo ceppo del virus che la Cina ha cercato di negare. La Fao segnala che Indonesia ed Egitto sono ad alto rischio di pandemia.

    22/01/2007 ASIA
    Non si riesce a contenere l’influenza aviaria
    Il ministro indonesiano della Sanità dice che oggi chi prende l’aviaria ha poche possibilità di sopravvivere. Morti due donne in Indonesia e in Egitto. In Egitto trovato un ceppo di virus resistente al Tamiflu. Nonostante l’impegno dei governi, si estende il contagio in Corea del Sud, Vietnam, Cambogia e Thailandia.

    10/03/2006 CINA - INDONESIA
    Influenza aviaria: ancora morti in Cina e in Indonesia

    In Cina dubbi sulle cause del contagio, perché la vittima proviene da zone dove non risultano focolai. Fonti Onu: il contagio arriverà in America in 6-12 mesi.



    04/04/2006 INDONESIA
    Influenza aviaria: sono occorsi 9 mesi per confermare un contagio in Indonesia

    Per una bambina di 8 anni, deceduta a luglio, la conferma arriva solo ieri. Cresce il timore che i casi di contagio siano più numerosi di quelli ufficiali.





    In evidenza

    IRAQ
    Patriarca di Baghdad: cristiani e musulmani in preghiera per la pace, fra Mese di Maggio e Ramadan

    Joseph Mahmoud

    Il 30 maggio la chiesa della Regina del Rosario a Baghdad ospiterà una preghiera interreligiosa contro le violenze e il terrorismo. A lanciare l’iniziativa il patriarca caldeo: non le opzioni militari, ma la preghiera contro conflitti che colpiscono “la popolazione innocente”. Un invito anche ai musulmani a riflettere per formare una nuova mentalità, una nuova cultura.

     


    EGITTO-ISLAM-VATICANO
    Papa Francesco e il Grande imam di Al Azhar, il detto e il “non detto”

    Samir Khalil Samir

    Vi sono molti aspetti positivi nell’incontro fra il pontefice e la suprema autorità sunnita, insieme a qualche silenzio. Per Al Tayyib l’islam non ha niente a che fare con il terrorismo. Ma l’Isis usa la bandiera nera di Maometto, la spada del profeta, le frasi del Corano. I terroristi prendono le loro affermazioni sanguinarie da molti imam. E’ urgente un nuovo rinascimento dell’islam, rileggendo la tradizione nella modernità: un lavoro interrotto dal fondamentalismo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®