25 Maggio 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 17/06/2008
CINA - STATI UNITI
Inizia il quarto Dialogo strategico economico tra Washington e Pechino
Si attendono risultati concreti in materia di accesso ai rispettivi mercati e commercio, ma si discuterà pure di energia e valuta. Intanto conclusi accordi per 13,6 miliardi tra ditte dei due Stati. La “discreta” insistenza di Pechino per far venire Bush alle Olimpiad. Yuan record sul dollaro.

Pechino (AsiaNews/Agenzie) – Il vicepremier cinese Wang Qishan è arrivato negli Stati Uniti, dove oggi e domani, all’Accademia navale di Annapolis (Maryland), si svolge il quarto Dialogo strategico economico tra Cina e Usa. Intanto ha presenziato alla firma di 71 accordi economici tra ditte dei due Paesi per un valore di 13,8 miliardi di dollari nel settore di agricoltura, automobili, motori di aerei, meccanica, telecomunicazioni, semiconduttori e componenti elettroniche. Si è incontrato con politici e imprenditori locali, ai quali ha ribadito che la cooperazione tra le ditte dei due Paesi è “una pietra miliare” per i rapporti anche politici.

I colloqui, iniziati nel 2006, hanno luogo due volte l’anno tra rappresentanti di massimo livello. Pechino vuole un maggiore accesso al mercato Usa per i suoi investimenti, per rispondere all’esigenza delle sue ditte di nuovi mercati per investire e acquistare materie prime, mentre gli Stati Uniti hanno perseguito una politica “protezionista” e non gradiscono che proprie imprese vadano in mani estere, come dimostra il rifiuto opposto alle offerte delle cinesi Cnooc (petrolio) e Huawei (telecomunicazioni) per acquistare quote di società Usa.

Washington, rappresentata dal segretario al Tesoro Henry Paulson, chiede accesso per le sue ditte al settore dei servizi finanziari cinesi e una più rapida rivalutazione dello yuan per diminuire il disavanzo commerciale negli scambi e contrastare l’invasione delle merci cinesi. Proprio negli ultimi giorni lo yuan, dopo un periodo di staticità, ha ripreso la sua crescita rispetto al dollaro giungendo sotto il cambio di 6,9: dal luglio 2005, quando è stato tolto il cambio fisso, si è apprezzato del 20% sul dollaro. Ma Pechino ritiene che le sue imprese finanziarie non sono in grado di competere con quelle estere e che una più rapida rivalutazione monetaria danneggerebbe le sue esportazioni. Si parlerà pure di energia e di ambiente e si potrebbe discutere l’istituzione di un forum per risolvere le dispute commerciali tra i due Paesi.

Esperti ritengono che Wang cercherà anche di convincere il presidente Usa George W. Bush a partecipare alla cerimonia di apertura delle Olimpiadi a Pechino, dopo che, a seguito della protesta internazionale per la repressione in Tibet, lo stesso non ha ancora chiarito se ci sarà. L’annuncio della sua presenza potrebbe influenzare molti leader occidentali.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
19/06/2008 CINA - STATI UNITI
Pechino e Washington soddisfatti di “fare affari” e “rinviare” le decisioni
18/06/2008 CINA - STATI UNITI
Pechino promette un apprezzamento dello yuan, "a tempi appropriati"
21/09/2006 CINA - STATI UNITI
Pechino e Washington discuteranno insieme le politiche economiche
23/01/2007 CINA
Il governo vuole rallentare la crescita dell’economia
18/05/2010 CINA
La crisi dell’euro minaccia le esportazioni cinesi

In evidenza
ASIA
La Veglia per i cristiani perseguitati, nostri maestri nella missione in occidente
di Bernardo CervelleraIl “muro dell’indifferenza e del cinismo”, il mutismo e l’inerzia tante volte denunciati da papa Francesco sono divenuti quasi una fortezza. Davanti alle persecuzioni vi è un strumentalizzazione “confessionale”, che tende a bollare l’islam e tutto l’islam, e una strumentalizzazione “ideologica”, che “dimentica” ciò che accade in Corea del nord o in Cina. E all’Europa sempre più post-cristiana sembra non interessare i cristiani.
RUSSIA - CINA
Patriarcato di Mosca: la Cina autorizza l’ordinazione di sacerdoti ortodossi cinesi sul suo territorio
di Marta AllevatoIl metropolita Hilarion, ‘ministro degli Esteri del Patriarcato’, lo ha riferito al termine della sua visita in Cina, dove ha incontrato i vertici dell’amministrazione statale per gli affari religiosi. Il primo sacerdote dovrebbe servire ad Harbin e in futuro potrebbero avvenire altre due ordinazioni. L’alleanza strategica tra Mosca e Pechino - sullo sfondo della nuova Guerra Fredda con l’Occidente - passa anche per la Chiesa ortodossa, di cui la Repubblica popolare riconosce il ruolo ‘politico’ in Russia.
VATICANO
Papa: Noi e le quattro nuove sante, testimoni della resurrezione “dove più forte è l’oblio di Dio e lo smarrimento dell’uomo”Francesco proclama sante quattro suore, una francese, una italiana, due palestinesi: Maria Alfonsina Danil Ghattas, fondatrice delle Suore del Rosario, e la carmelitana Maria di Gesù Crocifisso (al secolo: Maria Bawardy). Presente Mahmoud Abbas, presidente dell’Autorità palestinese. “Rimanere in Cristo” e coltivare “l’unità fra di noi” sono segni essenziali della testimonianza. Maria Bawardy, “strumento di incontro e di comunione con il mondo musulmano”.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate