05 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 17/06/2008, 00.00

    CINA - STATI UNITI

    Inizia il quarto Dialogo strategico economico tra Washington e Pechino



    Si attendono risultati concreti in materia di accesso ai rispettivi mercati e commercio, ma si discuterà pure di energia e valuta. Intanto conclusi accordi per 13,6 miliardi tra ditte dei due Stati. La “discreta” insistenza di Pechino per far venire Bush alle Olimpiad. Yuan record sul dollaro.

    Pechino (AsiaNews/Agenzie) – Il vicepremier cinese Wang Qishan è arrivato negli Stati Uniti, dove oggi e domani, all’Accademia navale di Annapolis (Maryland), si svolge il quarto Dialogo strategico economico tra Cina e Usa. Intanto ha presenziato alla firma di 71 accordi economici tra ditte dei due Paesi per un valore di 13,8 miliardi di dollari nel settore di agricoltura, automobili, motori di aerei, meccanica, telecomunicazioni, semiconduttori e componenti elettroniche. Si è incontrato con politici e imprenditori locali, ai quali ha ribadito che la cooperazione tra le ditte dei due Paesi è “una pietra miliare” per i rapporti anche politici.

    I colloqui, iniziati nel 2006, hanno luogo due volte l’anno tra rappresentanti di massimo livello. Pechino vuole un maggiore accesso al mercato Usa per i suoi investimenti, per rispondere all’esigenza delle sue ditte di nuovi mercati per investire e acquistare materie prime, mentre gli Stati Uniti hanno perseguito una politica “protezionista” e non gradiscono che proprie imprese vadano in mani estere, come dimostra il rifiuto opposto alle offerte delle cinesi Cnooc (petrolio) e Huawei (telecomunicazioni) per acquistare quote di società Usa.

    Washington, rappresentata dal segretario al Tesoro Henry Paulson, chiede accesso per le sue ditte al settore dei servizi finanziari cinesi e una più rapida rivalutazione dello yuan per diminuire il disavanzo commerciale negli scambi e contrastare l’invasione delle merci cinesi. Proprio negli ultimi giorni lo yuan, dopo un periodo di staticità, ha ripreso la sua crescita rispetto al dollaro giungendo sotto il cambio di 6,9: dal luglio 2005, quando è stato tolto il cambio fisso, si è apprezzato del 20% sul dollaro. Ma Pechino ritiene che le sue imprese finanziarie non sono in grado di competere con quelle estere e che una più rapida rivalutazione monetaria danneggerebbe le sue esportazioni. Si parlerà pure di energia e di ambiente e si potrebbe discutere l’istituzione di un forum per risolvere le dispute commerciali tra i due Paesi.

    Esperti ritengono che Wang cercherà anche di convincere il presidente Usa George W. Bush a partecipare alla cerimonia di apertura delle Olimpiadi a Pechino, dopo che, a seguito della protesta internazionale per la repressione in Tibet, lo stesso non ha ancora chiarito se ci sarà. L’annuncio della sua presenza potrebbe influenzare molti leader occidentali.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    19/06/2008 CINA - STATI UNITI
    Pechino e Washington soddisfatti di “fare affari” e “rinviare” le decisioni
    I due Paesi vogliono concordare un trattato bilaterale sul commercio e sviluppare energie alternative e rispettose dell’ambiente. Elogi reciproci e soddisfazione per la rivalutazione dello yuan. Intanto sono stati conclusi affari per 13,8 miliardi e Pechino annuncia la presenza di Bush alle Olimpiadi.

    18/06/2008 CINA - STATI UNITI
    Pechino promette un apprezzamento dello yuan, "a tempi appropriati"
    Scarsi risultati dai colloqui in corso ad Annapolis, dominati da dichiarazioni di intenti. Pechino assicura che la sua moneta continuerà a rivalutarsi, mentre si discute di sicurezza energetica e sviluppo industriale rispettoso dell’ambiente.

    21/09/2006 CINA - STATI UNITI
    Pechino e Washington discuteranno insieme le politiche economiche

    Previsti frequenti incontri al massimo livello, per discutere le principali questioni. L'annuncio in occasione della visita di Paulson, segretario al Tesoro Usa e "vecchio amico" della Cina, fautore della piena apertura di Pechino a un'economia di mercato.



    23/01/2007 CINA
    Il governo vuole rallentare la crescita dell’economia
    La Banca centrale annuncia l’obiettivo di una crescita di “solo” l’8% nel 2007, dopo quattro anni di crescita superiore al 10%. Pechino ha paura che possa espandersi l’inflazione. Prevista “maggiore flessibilità” per lo yuan, ma senza dire se ci sarà la rivalutazione molto chiesta dagli Stati Uniti.

    18/05/2010 CINA
    La crisi dell’euro minaccia le esportazioni cinesi
    La forte perdita di valore dell’euro rispetto allo yuan causa l’aumento dei prezzi delle merci esportate, con conseguente minore competitività. Crescono i consumi interni. Ma Pechino non intende per ora rivalutare la sua moneta.



    In evidenza

    VATICANO
    Papa Francesco ai giovani: L’amore “concreto”, non da telenovela, è la carta d’identità dei cristiani



    Nel Giubileo dei ragazzi e ragazze, papa Francesco pronuncia un’omelia fatta di domande e risposte ai 70mila presenti.  I grandi ideali dell’amore come dono di sé, l’affettività come “voler bene senza possedere”; la libertà come “dono di poter scegliere il bene”. “Guai a un giovane che non osa sognare. Se uno alla vostra età non sogna, se n’è già andato in pensione!”. Le offerte raccolte per l’Ucraina. L’appello per i vescovi e i sacerdoti rapiti in Siria.


    IRAN
    La strana alleanza fra gli Stati Uniti e i fondamentalisti iraniani

    Bernardo Cervellera

    Washington blocca ancora l’uso del dollaro nelle transazioni bancarie, fermando i nuovi contratti economici stabiliti dopo l’accordo sul nucleare. Gli Usa sembrano dare man forte a Khamenei e alle guardie della rivoluzione, che vogliono affossare l’accordo per mantenere il potere. La popolazione sopravvive con i doppi e tripli lavori. L’Iran instabile e bellicoso accresce la vendita di armi. Il reportage.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®