4 Marzo 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 19/01/2007
CINA
Inizia la corsa agli armamenti nello spazio
Preoccupazione nel mondo dopo che la Cina ha abbattuto con un missile un suo satellite in orbita nello spazio. I satelliti sono essenziali per la vita quotidiana e per le forze militari. Secondo esperti Pechino non vuole contrastare gli Stati Uniti ma divenire egemone nell’Asia.

Pechino (AsiaNews/Agenzie) – La Cina ha provato con successo un missile spaziale anti satellite, distruggendo un suo vecchio satellite in orbita. Stati Uniti e altri Paesi sono preoccupati che ciò significhi una nuova corsa agli armamenti spaziali e la fine di ogni collaborazione pacifica. Ma esperti parlano di pura azione dimostrativa da considerare nel lungo periodo.

Gordon Johndroe, portavoce del Consiglio nazionale Usa per la sicurezza, ha detto ieri che l’11 gennaio la Cina ha lanciato dal Centro spaziale di Xichang (Sichuan) un missile balistico di medio raggio e ha colpito a circa 865 km. dalla terra il proprio vecchio satellite meteorologico Feng Yun 1 C, in orbita dal 1999. Il satellite distrutto ha sparso una fitta nuvola di decine di migliaia di detriti con diametro da 1 a 10 cm, che esperti temono rechino disturbo e pericolo per gli altri satelliti.

“Gli Stati Uniti – ha detto Johndroe – ritengono che lo sviluppo e la sperimentazione di simili armi da parte della Cina non sia compatibile con lo spirito di cooperazione cui entrambi i Paesi aspirano nello spazio aereo civile”.  Proteste anche dell’Australia che paventa il rischio di una “corsa agli armamenti nello spazio esterno”. Il Giappone ha espresso “preoccupazione” tramite il capo di gabinetto Yasuhisa Shiozaki e ha chiesto alla Cina quali siano “le sue intenzioni”.

Esperti osservano che da tempo la Cina appare impegnata ad affermare nel lungo periodo la sua superiorità militare sull’intera Asia. Dal 1990 al 2005 la spesa militare è cresciuta ogni anno del 9,6% annuo e per il 2006  è stata di 35,9 miliardi di dollari Usa, contro i 31,3 miliardi del 2005. Ma esperti Usa la stimano pari almeno al doppio dei dati ufficiali. Negli ultimi anni la spesa ha riguardato anzittutto marina, forze aeree e il nucleare. All’inizio del mese la Cina ha mostrato al mondo i nuovi aerei jet Jian 10 e ha detto di avere la tecnologia per costruire navi portaerei e missili intercettori aria-aria.

Il test sul satellite, comunque, non coglie di sorpresa Washington: a ottobre il presidente George W. Bush ha dichiarato che la sicurezza del Paese “dipende in modo critico dalle risorse nello spazio e questa dipendenza aumenterà” e ha affermato il diritto di negare l’accesso allo spazio ad avversari che abbiano propositi ostili. Già ad agosto Donald M. Kerr, direttore dell’Ufficio per la National Recoinnasance, aveva rilevato che un satellite Usa era stato attinto dalla luce di un laser della Cina e molti avevano commentato trattarsi di test per accecare i satelliti spia Usa. Durante la Guerra fredda l’allora presidente Ronald Reagan propose di creare uno scudo spaziale di difesa con l’uso di raggi laser per “intercettare e distruggere” i missili. Ma questo programma “Guerre stellari” fu abbandonato nel 1993. Ora si teme una recrudescenza della “Guerra fredda” e una minore collaborazione internazionale e commerciale nella ricerca aereo spaziale.

Il test arriva mentre la Cina sostiene il tentativo delle Nazioni Unite di organizzare una conferenza internazionale per discutere il pericolo di una prossima corsa agli armamenti nello spazio. Gli Stati Uniti si oppongono, dicendo che non vi è alcuna corsa alle armi spaziali.

L’ultimo test antisatellite risale al 1985. Poi tutte le Nazioni hanno ufficialmente cessato la corsa alle armi spaziali, preoccupate per le conseguenze. La vita moderna dipende sempre più dai satelliti in orbita, utilizzati per scopi militari ma anche per le reti di comunicazione governative e commerciali di ogni tipo e l’accesso a internet. Peraltro i più importanti satelliti Usa per le comunicazioni sono in orbita a oltre 35 mila km. di altezza e fonti ufficiali non ritengono che la Cina sia in grado di colpirli.

La Cina nel 2003 è diventata la terza Nazione in grado di mandare una persona in orbita nello spazio e vuole inviare una sonda sulla luna entro il 2017. (PB)


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
20/01/2007 CINA
Il missile cinese è la maggiore minaccia militare da oltre un decennio
27/01/2007 CINA
"La Cina vuole diventare una superpotenza militare nello spazio"
22/01/2007 CINA
Le "guerre stellari" cinesi puntano su Taiwan
26/05/2006 CINA
In forte crescita gli investimenti cinesi per le spese militari
05/10/2007 GIAPPONE
La sonda giapponese è in orbita intorno alla luna

In evidenza
EGITTO - ISLAM
Le parole di al-Tayeb e di al-Sisi un grande passo per una rivoluzione dell'islam
di Samir Khalil SamirIl grande imam di Al-Azhar ha denunciato le interpretazioni basate sulla lettera del Corano e della sunna, brandite dai fondamentalisti e dai terroristi islamici; sostiene l'urgenza di una riforma dell'insegnamento dell'islam fra i laici e gli imam; domanda la fine della scomunica (takfir) reciproca fra sunniti e sciiti. E il presidente egiziano al-Sisi ha deciso di combattere lo Stato islamico dopo la decapitazione di 21 cristiani copti, che egli ha definito "cittadini egiziani" a parte intera.
ARABIA SAUDITA - ISLAM
Imam di Al-Azhar: Per fermare l'estremismo islamico occorre una riforma dell'insegnamento religiosoPer Ahmed al-Tayeb è urgente stilare un nuovo curriculum di studi per evitare una "cattiva interpretazione" del Corano e della sunna. Il terrorismo islamico mette in crisi l'unità del mondo musulmano. Il "nuovo colonialismo globale alleato al sionismo mondiale". Il discorso del re saudita.
HONG KONG - CINA - VATICANO
Card. Zen: Sembra che qualcuno voglia farci tacere
di Card. Joseph Zen Ze-kiunIl diffuso ottimismo sul miglioramento del dialogo fra Santa Sede e Cina sembra non avere fondamento. Alcune "tendenziose" interviste a vescovi cinesi, frenati nella libertà di parlare. Le questioni fondamentali sono sempre aperte: chi nomina i vescovi; cosa fare dell'Associazione patriottica. La guida della Lettera di Benedetto XVI ai cattolici cinesi, citata anche da papa Francesco. Un non accordo è meglio di un cattivo accordo. Cosa è successo a mons. Cosma Shi Enxiang? E a mons. Giacomo Su Zhimin? Un'animata riflessione del vescovo emerito di Hong Kong, campione della libertà religiosa in Cina.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate