2 Ottobre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 19/01/2007
CINA
Inizia la corsa agli armamenti nello spazio
Preoccupazione nel mondo dopo che la Cina ha abbattuto con un missile un suo satellite in orbita nello spazio. I satelliti sono essenziali per la vita quotidiana e per le forze militari. Secondo esperti Pechino non vuole contrastare gli Stati Uniti ma divenire egemone nell’Asia.

Pechino (AsiaNews/Agenzie) – La Cina ha provato con successo un missile spaziale anti satellite, distruggendo un suo vecchio satellite in orbita. Stati Uniti e altri Paesi sono preoccupati che ciò significhi una nuova corsa agli armamenti spaziali e la fine di ogni collaborazione pacifica. Ma esperti parlano di pura azione dimostrativa da considerare nel lungo periodo.

Gordon Johndroe, portavoce del Consiglio nazionale Usa per la sicurezza, ha detto ieri che l’11 gennaio la Cina ha lanciato dal Centro spaziale di Xichang (Sichuan) un missile balistico di medio raggio e ha colpito a circa 865 km. dalla terra il proprio vecchio satellite meteorologico Feng Yun 1 C, in orbita dal 1999. Il satellite distrutto ha sparso una fitta nuvola di decine di migliaia di detriti con diametro da 1 a 10 cm, che esperti temono rechino disturbo e pericolo per gli altri satelliti.

“Gli Stati Uniti – ha detto Johndroe – ritengono che lo sviluppo e la sperimentazione di simili armi da parte della Cina non sia compatibile con lo spirito di cooperazione cui entrambi i Paesi aspirano nello spazio aereo civile”.  Proteste anche dell’Australia che paventa il rischio di una “corsa agli armamenti nello spazio esterno”. Il Giappone ha espresso “preoccupazione” tramite il capo di gabinetto Yasuhisa Shiozaki e ha chiesto alla Cina quali siano “le sue intenzioni”.

Esperti osservano che da tempo la Cina appare impegnata ad affermare nel lungo periodo la sua superiorità militare sull’intera Asia. Dal 1990 al 2005 la spesa militare è cresciuta ogni anno del 9,6% annuo e per il 2006  è stata di 35,9 miliardi di dollari Usa, contro i 31,3 miliardi del 2005. Ma esperti Usa la stimano pari almeno al doppio dei dati ufficiali. Negli ultimi anni la spesa ha riguardato anzittutto marina, forze aeree e il nucleare. All’inizio del mese la Cina ha mostrato al mondo i nuovi aerei jet Jian 10 e ha detto di avere la tecnologia per costruire navi portaerei e missili intercettori aria-aria.

Il test sul satellite, comunque, non coglie di sorpresa Washington: a ottobre il presidente George W. Bush ha dichiarato che la sicurezza del Paese “dipende in modo critico dalle risorse nello spazio e questa dipendenza aumenterà” e ha affermato il diritto di negare l’accesso allo spazio ad avversari che abbiano propositi ostili. Già ad agosto Donald M. Kerr, direttore dell’Ufficio per la National Recoinnasance, aveva rilevato che un satellite Usa era stato attinto dalla luce di un laser della Cina e molti avevano commentato trattarsi di test per accecare i satelliti spia Usa. Durante la Guerra fredda l’allora presidente Ronald Reagan propose di creare uno scudo spaziale di difesa con l’uso di raggi laser per “intercettare e distruggere” i missili. Ma questo programma “Guerre stellari” fu abbandonato nel 1993. Ora si teme una recrudescenza della “Guerra fredda” e una minore collaborazione internazionale e commerciale nella ricerca aereo spaziale.

Il test arriva mentre la Cina sostiene il tentativo delle Nazioni Unite di organizzare una conferenza internazionale per discutere il pericolo di una prossima corsa agli armamenti nello spazio. Gli Stati Uniti si oppongono, dicendo che non vi è alcuna corsa alle armi spaziali.

L’ultimo test antisatellite risale al 1985. Poi tutte le Nazioni hanno ufficialmente cessato la corsa alle armi spaziali, preoccupate per le conseguenze. La vita moderna dipende sempre più dai satelliti in orbita, utilizzati per scopi militari ma anche per le reti di comunicazione governative e commerciali di ogni tipo e l’accesso a internet. Peraltro i più importanti satelliti Usa per le comunicazioni sono in orbita a oltre 35 mila km. di altezza e fonti ufficiali non ritengono che la Cina sia in grado di colpirli.

La Cina nel 2003 è diventata la terza Nazione in grado di mandare una persona in orbita nello spazio e vuole inviare una sonda sulla luna entro il 2017. (PB)


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
20/01/2007 CINA
Il missile cinese è la maggiore minaccia militare da oltre un decennio
27/01/2007 CINA
"La Cina vuole diventare una superpotenza militare nello spazio"
22/01/2007 CINA
Le "guerre stellari" cinesi puntano su Taiwan
26/05/2006 CINA
In forte crescita gli investimenti cinesi per le spese militari
05/10/2007 GIAPPONE
La sonda giapponese è in orbita intorno alla luna

In evidenza
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.
ITALIA - IRAQ
Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul". Già raccolti oltre 350mila euro
di Bernardo CervelleraInviate al patriarca di Baghdad e ai vescovi del Kurdistan le donazioni ricevute fino al 31 agosto. La campagna serve a nutrire, alloggiare, vestire, consolare oltre 150mila profughi cristiani, yazidi, turkmeni, sciiti e sunniti, fuggiti dalla violenza dell'esercito del Califfato islamico. Una generosa partecipazione dall'Italia e da tutte le parti del mondo. Donazioni anche da chi è povero e senza lavoro. Una speranza per il mondo, per chi soffre e per chi dona.
IRAQ-ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del Patriarca Louis Sako; le preoccupazioni del vescovo del Kurdistan
di Bernardo CervelleraIl capo della Chiesa caldea ringrazia per la campagna di AsiaNews e spera che "questa catena di solidarietà si allunghi". Aiutare i profughi a rimanere in Iraq. Ma molti vogliono fuggire all'estero. Il vescovo di Amadiyah, che ha accolto migliaia di sfollati nelle chiese e nelle case: Aiutiamo anche arabi (musulmani) e yazidi, in modo gratuito e senza guardare alle differenze confessionali.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate