25 Aprile 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 05/01/2017, 10.04

    COREA DEL SUD

    Inizia oggi il processo alla presidentessa Park Geun-hye



    I deputati: “ha violato la costituzione in modo grave e profondo”. L’avvocato: “condannata ingiustamente, come Gesù o Socrate”

     

     

    Seoul (AsiaNews) – I parlamentari statali hanno accusato la presidentessa Park Geun-hye di aver violato la costituzione “in modo grave e profondo”. Dopodiché la Corte costituzionale ha iniziato ad ascoltare le argomentazioni in merito alle accuse di estorsione e favoreggiamento.

    Lee Jeong-hwan, avvocato della presidentessa, ha affermato che le accuse “mancano di prove e non hanno senso legale”poiché basate su affermazioni,  informazione mediatica e non su fatti penali.

    Seo Seok-gu, un altro avvocato della Park, ha affermato che le indagini contro la sua cliente siano state mosse in seguito a proteste influenzate e promosse da gruppi simpatizzanti per la Corea del Nord. Seo ha anche accusato di demagogia le organizzazioni che hanno scritto dello scandalo e ha paragonato l’ “ingiustizia” delle accuse alla Park a quelle mosse contro Gesù Cristo e Socrate.

    Dopo che l’Assemblea nazionale il 9 dicembre scorso ha messo la Park in stato d’accusa, sarà ora la Corte costituzionale a dover decidere entro sei mesi se rimuoverla in modo permanente o reinserirla. Se la Park verrà rimossa in modo formale dalla sua carica, saranno indette le elezioni entro 60 giorni. Ad ogni modo la presidentessa ha negato tutte le accuse contro di lei, dicendo di aver rispettato con fedeltà il proprio incarico presidenziale e di aver ricevuto un solo semplici consigli da Choi.

    Ieri, anche Choi Soon-sil è apparsa giovedì davanti alla Corte del distretto centrale della capitale per difendersi dalle accuse di abuso di potere e tentata frode .

    Anche gli ex assistenti del presidente An Chong-bum e Jeong Ho-seong hanno preso parte all’udienza, accusati di aver collaborato con Choi. E’ stata la loro prima apparizione pubblica da quando sono stati arrestati l’anno scorso.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    16/01/2017 11:57:00 COREA DEL SUD
    Mandato d'arresto per Lee Jae-yong, vicecapo della Samsung coinvolto nello scandalo della presidente Park

    Avrebbe versato tangenti a Choi Soon-sil per più di 36 milioni di dollari Usa. Per gli inquirenti, nel 2015 il gruppo avrebbe anche finanziato una società sportiva di proprietà di Choi per 18,3 milioni di dollari Usa.



    19/01/2017 08:38:00 COREA DEL SUD
    Samsung: la corte nega il mandato d’arresto per il vicecapo Lee Jae-yong

    Era accusato di corruzione, appropriazione indebita e falsa testimonianza e coinvolto nello scandalo che ha travolto la presidente Park. Secondo i giudici i motivi non sono sufficienti per approvare la richiesta di fermo.



    27/03/2017 13:39:00 COREA DEL SUD
    La procura di Seoul chiede l’arresto dell’ex presidente Park Geun-hye

    Se la Corte centrale di Seoul approverà la richiesta della procura ed emetterà il mandato d’arresto, la Park sarà la prima ex leader sudcoreana ad essere incarcerata dal 1995. Fra i capi d’accusa vi sono abuso d’ufficio, corruzione e divulgazione di segreti di Stato.



    03/02/2010 COREA DEL SUD
    Hwang il “pioniere” vince contro l’Università: può clonare cani
    Il veterinario, che aveva affermato falsamente di poter clonare staminali umane, si è ripreso la paternità delle tecniche di riproduzione canina con cui aveva lanciato la sua breve, e discussa, carriera.

    10/03/2017 08:34:00 COREA DEL SUD
    La Corte costituzionale conferma la rimozione della presidente Park

    “Ha tradito la fiducia del popolo e la Costituzione”. Due persone pro-Park, sono morte durante una manifestazione davanti alla Corte. Prossime elezioni a maggio.





    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Sequestrato mons. Pietro Shao Zhumin, vescovo (sotterraneo) di Wenzhou

    Bernardo Cervellera

    La pubblica sicurezza non comunica il luogo in cui è stato portato. Ma hanno permesso ai fedeli di consegnare alcuni vestiti per il loro pastore. Il vescovo non potrà celebrare Pasqua coi suoi fedeli. Pressioni sul prelato per farlo aderire all’Associazione patriottica. Un destino simile a quello di mons. Guo Xijin. Pressioni anche sulla Santa Sede.


    CINA-VATICANO
    Scomparso da 4 giorni mons. Guo Xijin, vescovo sotterraneo di Mindong

    Wang Zhicheng

    È stato sequestrato dopo una visita all’Ufficio affari religiosi di Fuan. La Pubblica sicurezza lo ha portato in un luogo sconosciuto per farlo “studiare e imparare”. I fedeli pensano che essi vogliano costringerlo a iscriversi all’Associazione patriottica. Al suo rifiuto, è forse possibile che gli proibiscano di ritornare in diocesi. Demolita una chiesa cattolica a Fuan.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®