15 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 07/07/2017, 12.00

    BANGLADESH

    Internet, droghe, consumismo, relazioni extraconiugali: i problemi delle famiglie cristiane

    Sumon Corraya

    Il vescovo di Rajshahi interviene al sesto incontro delle coppie cristiane. “I bambini disabili non sono una sciagura di Dio”. Gli studenti cristiani “delle famiglie ricche si lasciano andare alla pigrizia”. Molti genitori “nascondono la tossicodipendenza dei figli: fatevi aiutare dalla Chiesa”.

    Dhaka (AsiaNews) – Mentalità consumistica, mondo virtuale che estranea dai rapporti umani, relazioni extraconiugali, dipendenza dalle droghe, disabilità fisiche ancora considerate uno stigma sociale: sono queste le sfide moderne per le famiglie cristiane in Bangladesh. Lo ha affermato mons. Gervas Rozario, vescovo di Rajshahi, vice presidente della Conferenza episcopale del Bangladesh (Cbcb) e presidente di Caritas Bangladesh. Egli è intervenuto in occasione del sesto incontro di “Marriage Encounter”, avvenuto a fine giugno, che ha riunito più di 100 coppie. “Il mondo di oggi è cambiato rapidamente rispetto a 100 anni fa – ha detto – a causa della tecnologia, delle innovazioni, della comunicazione di massa. Le famiglie sono le prime a risentire [di questi cambiamenti]. I problemi della famiglia diventano problemi per la società stessa”.

    Per quanto riguarda le nuove tecnologie, ha continuato, “esse possono essere una benedizione. Ma il loro abuso [trasforma] le famiglie in vittime. È facile comunicare attraverso i social media, i telefoni cellari e i vari apparecchi quando le famiglie sono distanti, ma spesso l’immediata disponibilità di questi strumenti di comunicazione possono creare pericoli”. Per esempio, ha detto mons. Rozario, “i cellulari sono strumenti utili, ma amici non desiderati possono rendere i giovani delle vittime. Oppure i programmi televisivi possono guidarli in maniera sbagliata”.

    Altri problemi derivano dalla diffusa mentalità consumistica: “Molto spesso gli studenti cristiani non hanno buoni voti. Quelli in difficoltà economiche eccellono, mentre quelli provenienti da famiglie ricche si lasciano andare alla pigrizia. Essi non affrontano gli esami in maniera competitiva. Potremmo avere molti più medici, ingegneri, militari e poliziotti se i genitori si prendessero maggiore cura dei figli”.

    Grandi sfide alla famiglia sono quelle poste dalle “relazioni tra il marito e la moglie. L’amore coniugale è a rischio perché la società e altri parenti vorrebbero influenzarne il rapporto. Alcuni non cercano la felicità della coppia, ma solo il loro interesse egoistico”. Il vescovo ricorda alle coppie presenti che “la vostra relazione è molto più importante di quella con altre persone, quindi dovete averne cura”. Sempre in tema familiare, egli ha parlato delle difficoltà economiche che portano “a cercare lavoro all’estero. Dovete continuare a mantenere contatti con i vostri cari in maniera regolare, altrimenti tra di voi si insinua il sospetto di relazioni extraconiugali”.

    La presenza di bambini disabili o con difficoltà, ha continuato il presidente della Caritas, “è un’altra sfida per la famiglia. Essi di solito non sono benvenuti e i membri della famiglia si sentono in imbarazzo perché [la disabilità] è ancora uno stigma sociale”. “Ma i bambini non sono una sciagura di Dio – ha tuonato il vescovo – e voi genitori dovete accettarli con sincerità”.

    Inoltre la “dipendenza dalle droghe è un grande problema. Tantissimi giovani cristiani sono tossicodipendenti e questo è dovuto alla negligenza dei genitori”. Rivolgendosi direttamente alle coppie presenti, ha detto: “Voi, madri e padri, dovete avere più tempo per i vostri figli. Alcuni genitori poi nascondono che i figli sono drogati e questo non è positivo. Essi devono trovare una cura e possono chiedere aiuto alla Chiesa e alla società”. Infine la preghiera: “Molte famiglie cristiane non pregano più insieme, molti cattolici non vanno più a messa. Pregare insieme e andare a messa incoraggia i membri della famiglia dal punto di vista spirituale e morale”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    07/07/2015 BANGLADESH
    Caritas Bangladesh: I valori del Vangelo, fulcro dell'opera sociale della Chiesa
    Ad AsiaNews il nuovo presidente, mons. Gervas Rozario, spiega che "poveri, bambini, giovani e donne sono al centro del lavoro dell’opera sociale cattolica. Non daremo mai via Cristo e la Sua Parola". Attenzione anche a cambiamento climatico, ambiente e sicurezza alimentare. I progetti educativi, la formazione di personale qualificato, le sfide attuali.

    12/10/2017 11:37:00 BANGLADESH
    Cox’s Bazar: la Caritas distribuisce cibo a 70mila Rohingya

    Il governo di Dhaka concede il permesso di portare cibo e beni di prima necessità per 60 giorni. Il braccio sociale della Chiesa cattolica collabora con il World Food Program nel campo profughi di Ukhiya. Ogni giorno i volontari distribuiscono legumi, pasti caldi, zucchero e olio.



    02/03/2017 15:17:00 BANGLADESH
    Bangladesh, Giustizia e pace condanna la nuova legge sui matrimoni minorili

    Mons. Gervas Rozario afferma che la Chiesa cattolica non seguirà le previsioni del nuovo Child Marriage Restraint Bill 2017. La norma più contestata è quella delle “circostanze speciali”, secondo cui il matrimonio tra bambini è concesso per salvare l’onore della ragazza.



    01/07/2015 BANGLADESH
    Mons. Rozario ai medici cattolici in Bangladesh: Curate anche lo spirito dei malati
    Ogni anno la Chiesa cattolica organizza seminari per formare il personale sanitario. Le cliniche cattoliche presentano elevati standard professionali e non riescono a soddisfare tutte le domande. Vescovo di Rajshahi: “I medici devono essere sinceri”. Nel Paese esistono oltre 70 strutture sanitarie cattoliche, cento dottori e 1000 infermieri.

    14/09/2009 THAILANDIA
    La diocesi di Nakhon Sawan festeggia il suo nuovo vescovo
    Il 12 settembre oltre 5000 fedeli tra cui molti tribali della diocesi Nakhon Sawan hanno accolto mons. Joseph Phibun Visitnonthachai. Attraverso il motto “Dio è amore” egli ha ricordato loro l’esempio dell’amore di Cristo morto in croce per salvarci dai nostri peccati.



    In evidenza

    MEDIO ORIENTE - USA
    Gerusalemme capitale, cristiani in Medio oriente contro Trump: distrugge le speranze di pace



    Il patriarcato caldeo critica una scelta che “complica” la situazione e alimenta “conflitti e guerre”. Il card. Raï parla di “decisione distruttiva” che viola le risoluzioni internazionali. Il papa copto Tawadros II cancella l’incontro col vice-presidente Usa Pence. Continua la protesta “rassegnata” dei palestinesi. Attivisti israeliani: gli Usa hanno abdicato al ruolo di mediatori nella regione. 

     


    CINA
    Le false promesse di Xi Jinping e la cacciata della ‘popolazione più bassa’ da Pechino

    Willy Wo-Lap Lam

    Decine di migliaia di migranti e le loro famiglie sono stati espulsi e mandati via dalla capitale. Eppure al recente Congresso del Partito, il presidente Xi ha promesso sostegno e aiuti contro la povertà. Nessuna ricompensa e nessun aiuto legale o caritativo per gli sfollati. Esiste nel Paese un “darwinismo sociale”, che condanna all’emarginazione le classi rurali e fa godere di privilegi e aiuti le classi cittadine. Per gentile concessione della Jamestown Foundation.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®