21 Febbraio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 26/04/2016, 08.56

    ISRAELE - PALESTINA

    Intifada dei coltelli: Israele raddoppia il numero di arresti fra i minorenni palestinesi



    Il numero di giovani palestinesi nelle carceri israeliane per reati legati alla sicurezza è passato dai 170 a settembre 2015 ai 438 di febbraio. Almeno cinque i detenuti con meno di 14 anni. Più della metà resterà in prigione sino alla fine del processo. Nel 75% dei casi i giovani sono sottoposti a violenze fisiche; quasi la totalità è interrogata senza l’assistenza di un legale o genitore. 

    Gerusalemme (AsiaNews/Agenzie) - Il numero di giovani palestinesi rinchiusi nelle prigioni israeliane è più che raddoppiato in questi ultimi mesi, in concomitanza con lo scoppio della terza intifada dei coltelli, caratterizzata da attacchi a cittadini e forze di sicurezza di Israele. Secondo le statistiche diffuse dal Dipartimento penitenziario, ottenute in esclusiva da Haaretz, i minorenni palestinesi incarcerati per reati legati alla sicurezza in Israele e in Cisgiordania è passato dai 170 di settembre 2015 ai 438 di febbraio. 

    Dal rapporto emerge una netta “variazione” nell’aumento dei prigionieri in base ai vari gruppi di età. Fra i minori di 14 anni, il numero è passato dagli zero di settembre ai cinque di febbraio; una di questi è una ragazza, Dima Al-Wawi, rilasciata di recente. I detenuti di età compresa fra i 14 e i 16 anni sono passati da 27 a 98; quelli fra i 16 e i 18 anni da 143 a 324 a febbraio. 

    Più della metà dei prigionieri (il 54%) resterà in cella fino alla conclusione del processo. Le autorità israeliane devono ancora formulare accuse precise a carico di sette giovani detenuti (su 438); sul totale degli arrestati, 12 sono ragazzine minorenni (a settembre vi era una sola giovane palestinese in carcere).  

    In riferimento alle zone in cui sono avvenuti gli arresti, 106 sono stati eseguiti nella città di Hebron (Cisgiordania), divisa fra arabi e israeliani. Altri 104 a Gerusalemme Est, quella che per i palestinesi dovrebbe essere la capitale del futuro Stato; infine, altri 86 provengono da Ramallah, sempre in Cisgiordania. 

    Secondo quanto riferisce l’ong Defense for Children International–Palestine (Dcip), gruppo che si batte per i diritti dei minori palestinesi arrestati, circa il 75% dei 429 giovani arrestati da Israele fra il 2012 e il 2015 ha subito violenze fisiche dopo il fermo da parte della polizia israeliana.

    Nel 97% dei casi essi non hanno beneficiato della presenza di un genitore o di un legale nel corso dell’interrogatorio; all’84% non sono stati letti i diritti al momento dell’arresto. 

    Ivan Karakashian, coordinatore Dcip, sottolinea che “colpendo la frangia più vulnerabile della popolazione palestinese, ovvero i giovani", Israele “può stroncare sul nascere qualsiasi disordine e mantenere il controllo su una popolazione che vive uno stato perenne di occupazione”. 

    Dall’ottobre scorso, dopo una serie di provocazioni da parte di ebrei ultra-ortodossi che sono andati a pregare sulla Spianata delle moschee, si sono moltiplicati incidenti e scontri in Israele e nei territori palestinesi, nel contesto della cosiddetta “intifada dei coltelli”. Finora sono stati uccisi oltre 200 palestinesi, 29 israeliani, due americani, un sudanese e un eritreo.

    La maggior parte dei palestinesi è stata uccisa mentre tentavano di accoltellare o di colpire con armi o con l’auto passanti o soldati. Altri sono stati uccisi nel corso di manifestazioni o in scontri con i militari.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    14/01/2016 ISRAELE - PALESTINA
    Quattro israeliani incriminati per il linciaggio del migrante eritreo scambiato per terrorista
    Il 29enne Habtom Zerhom è morto nell’ottobre scorso, colpito da proiettili e poi linciato dalla folla. Una guardia carceraria, un soldato e due civili alla sbarra con l’accusa di aggressione aggravata. Essi avrebbero infierito sul corpo del giovane, disteso a terra sanguinante e impossibilitato a difendersi.

    13/10/2015 ISRAELE - PALESTINA
    Gerusalemme, tre morti e oltre 20 feriti: continua la terza “intifada dei coltelli”
    Continua l’escalation di violenza e tensione. Dal 3 ottobre scorso si sono verificati almeno 21 episodi di accoltellamento. Nella zona est della città due assalitori hanno sparato e accoltellato i passeggeri, prima di essere fermati dalla polizia. Nelle violenze coinvolti anche minorenni. La scia di sangue “destinata a continuare”.

    29/11/2016 08:55:00 ISRAELE - PALESTINA
    Tel Aviv, assalitore palestinese condannato all’ergastolo per l’omicidio di due israeliani

    Rayed Khalil dovrà scontare il carcere a vita per ciascuna delle due vittime. I giudici hanno inflitto anche una pena aggiuntiva a 20 anni per tentato omicidio. Il tribunale ha riconosciuto “circostanze aggravanti” di “eccezionale gravità”, che escludono sconti di pena in futuro.

     



    18/11/2016 13:17:00 ISRAELE - PALESTINA
    Israele, appello di coloni e rabbini per la restituzione del corpo di un giovane palestinese

    Gli abitanti di Gush Etzion scrivono al ministro della Difesa Avigdor Lieberman perché disponga la restituzione del cadavere di Khaled Bahar. Il 15enne è stato ucciso da un proiettile durante scontri fra esercito israeliano e palestinesi. Dalle indagini egli era risultato estraneo alle violenze. Attivista palestinese: Israele ha inventato l’arresto post mortem, non esiste altrove al mondo. 

     



    08/11/2016 08:49:00 ISRAELE - PALESTINA
    Intifada dei coltelli: 14enne palestinese condannato a 12 anni di carcere

    Il tribunale ha giudicato colpevole Ahmed Manasra di tentato omicidio di due fratelli di 20 e 12 anni. Egli dovrà anche versare un risarcimento in denaro alle vittime. Il giovane si è proclamato innocente e sta affrontando un percorso di riabilitazione. La sentenza criticata da attivisti e Autorità palestinese. Condanne a 11 anni anche per altri due palestinesi minorenni. 

     





    In evidenza

    VATICANO-CINA-HONG KONG
    L’articolo del card. Tong sul dialogo Cina-Santa Sede fra gioia e sgomento

    Bernardo Cervellera

    L’ottimismo del vescovo di Hong Kong sul cambiamento del metodo delle nomine episcopali e sulla funzione dell’Associazione patriottica. Ma non è chiaro se è un cambiamento nei fatti o solo nominalistico, nelle parole. I vescovi sotterranei sono patriottici e amano il loro Paese, ma il Partito li sospetta. Libertà “essenziale” nelle nomine episcopali, ma i vescovi non sono liberi di svolgere il loro ministero. Vescovi patriottici controllati nelle loro visite con membri della Chiesa universale. Le “cimici” (microfoni nascosti) negli uffici episcopali.


    HONG KONG-CINA-VATICANO
    Card. Tong: Il futuro del dialogo Sino-Vaticano dal punto di vista ecclesiologico

    Card. John Tong

    Il cardinale di Hong Kong spiega i passi in cui si desidera far muovere il dialogo fra Cina e Santa Sede. A tema la funzione del papa nelle nomine dei vescovi; il cambiamento di visione nell’Associazione patriottica; la possibile integrazione dei vescovi sotterranei nella conferenza episcopale.  Il nuovo articolo a firma  del card. John Tong, dopo quello di alcuni mesi fa su “Comunione della Chiesa in Cina con la Chiesa universale”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®