21 Ottobre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 14/07/2009, 00.00

    IRAN

    Iran, impiccati in carcere 13 “ribelli sunniti”



    I giustiziati erano membri di Jundallah, movimento legato ad al Qaeda. Essi avrebbero organizzato una serie di attentati nel sud-est del Paese, fra i quali l’attacco alal moschea sciita di Zahedan. Attivisti per i diritti umani avevano chiesto la sospensione della pena e una revisione del processo.
    Teheran (AsiaNews/Agenzie) – L’Iran ha impiccato 13 membri di un gruppo ribelle sunnita, accusato di una serie di omicidi e attentati nella provincia del Baluchestan, nel sud-est del Paese. Lo riferisce l’agenzia semi-ufficiale di Stato Fars, secondo la quale i giustiziati sono affiliati all’organizzazione Jundallah (i soldati di Dio).
     
    L’esecuzione è avvenuta alle 6.30 di questa mattina nel carcere di Zahedan, circa 1500 km a sud-est di Teheran. Ieri l’agenzia ufficiale Irna affermava che, nei giorni scorsi, le autorità cittadine avevano invitato la popolazione a partecipare all'impiccagione. In un primo momento l’esecuzione si doveva svolgere sulla pubblica piazza. Dopo una consultazione dell’ultimo minuto, la sentenza è stata eseguita in carcere.
     
    Fra i 14 condannati a morte vi è anche Abdulhamid Rigi, fratello di Abdulmalik Rigi, leader di Jundallah. Egli non risulta nell’elenco dei ribelli impiccati oggi; la sua esecuzione dovrebbe svolgersi nei prossimi giorni.
     
    Secondo Teheran il movimento ribelle sunnita sarebbe legato a “forze straniere” del vicino Afghanistan, con un possibile riferimento ad al Qaeda, o - soprattutto - a gruppi sunniti, nemici degli sciiti. Esso sarebbe responsabile di una serie di attentati, fra i quali la strage alla moschea sciita di Zahedan del maggio scorso in cui sono morte 25 persone.
     
    Amnesty International ha lanciato un appello per la sospensione della condanna, sottolineando che gli imputati non avevano ricevuto un giusto processo. Attivisti per i diritti umani accusano il regime degli Ayatollah di un uso eccessivo della pena capitale.
     
    Teheran replica che essa “ha un effetto deterrente” e che viene applicata solo in seguito a un lungo processo.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    11/10/2017 08:49:00 ONU - ASIA
    Onu contro la pena di morte: anacronistica e viola i diritti umani dei condannati

    Per il segretario generale Guterres essa “non ha ragione di esistere nel 21mo secolo”. Cina, Iran, Arabia Saudita e Iraq da sole sono responsabili dell’87% delle esecuzioni nel mondo. Nel 2016 le condanne sono diminuite del 37% rispetto all’anno precedente. L’appello: “Mettete fine alle esecuzioni”. 

     



    07/05/2009 IRAN
    Iran: il boia torna a colpire, 15 esecuzioni in una settimana
    Nel carcere di Evin impiccata una donna colpevole di omicidio e tre uomini. Sabato scorso a Taybad giustiziati sei trafficanti di droga. Teheran: la pena di morte “mezzo efficace” per garantire la sicurezza.

    27/05/2009 IRAN
    Teheran ferma il boia: sospesa l’impiccagione di un minorenne
    Mahmoud Hashemi Shahrudi, oggi 20enne, all’epoca dei fatti era minorenne. Il tribunale ha sospeso la pena e chiede la revisione del caso. Nelle carceri iraniane vi sono altri 130 condannati a morte per un crimine commesso in minore età.

    01/08/2007 IRAN
    Iran, due giornalisti curdi condannati a morte
    Sono accusati di attività sovversiva e attentato contro la sicurezza della nazione; i legali hanno 20 giorni per fare appello, prima dell’esecuzione per impiccagione. Si inasprisce la morsa del Governo sulla libera informazione: sono 9 i giornalisti detenuti nelle carceri del Paese.

    03/10/2017 08:54:00 ARABIA SAUDITA
    Centesima condanna a morte nel 2017 in Arabia Saudita

    Il condannato è stato giustiziato per l’omicidio di un concittadino. Di recente la pena era stata confermata in appello. Da luglio le autorità hanno eseguito una media di cinque condanne alla settimana. Attivisti: “Frenesia” giustizialista del governo. Fra le riforme da promuovere la “moratoria delle esecuzioni”. 

     





    In evidenza

    MYANMAR
    Non solo Rohingya: la persecuzione delle minoranze cristiane in Myanmar



    La sofferenza di Kachin, Chin e Naga. La discriminazione su basi religiose è in certi casi addirittura istituzionalizzata. I cristiani sono visti come espressione di una fede straniera ed in contrasto con la visione nazionalista. Per anni il regime militare ha introdotto feroci misure discriminatorie.


    VATICANO - ASIA
    Il mondo ha urgenza della missione della Chiesa

    Bernardo Cervellera

    Ottobre è un mese consacrato al risveglio della missione fra i cristiani. Nel mondo c’è indifferenza o inimicizia verso Dio e la Chiesa. Le religioni sono considerate la fonte di tutte le guerre. Il cristianesimo è l’incontro con una Persona, che cambia la vita del fedele e lo mette al servizio delle ferite del mondo, lacerato da frustrazioni e guerre fratricide. L’esempio del patriarca di Baghdad e del presidente della Corea del Sud.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®